Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

LETTERATURA: I MAESTRI: Dialogo di primavera

20 aprile 2017

di Tommaso Landolfi
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, 5 settembre 1970.]
(√ą la data del mio matrimonio. bdm)

Nella nostra vita era so­pravvenuto un tempo d’at­tesa.

– Ma tu in sostanza che cosa aspetti? ‚ÄĒ mi chiese lei.

– La primavera, ‚ÄĒ ri¬≠sposi .

РQuesto, però è solo un modo di dire: e quando sia giunta?

РGuarderò la fioritura delle rose, lì contro il muro del cortile: saranno migliaia forse, e non avranno pazien­za, e sarà bellissimo.

– Pazienza?

– Eh s√¨, non si daranno l’un l‚Äôaltra quartiere: ciascu¬≠na fiorir√† quando le piace, senza darsi pensiero delle al¬≠tre. Vi sono giorni di mag¬≠gio che quasi ogni minuto se n‚Äôapre una.

– E poi?

РE poi sfioriscono, si ca­pisce; ma intanto…

– No, voglio dire: e dopo aver guardato le rose?

РC’è anche il glicine bianco, una vera medusa.

РOh, si può sapere di dove cavi queste immagini?

РCerto, una medusa: fio­risce a ombrello, e coi suoi grappoli e le sue trine com­pone appunto come il diafa­no corpo d’una di quelle crea­ture marine.

– E poi?

РI fiori delle casce: tan­to profumati, che bisogna te­ner chiusi gli usci sulla corte, altrimenti si rimane storditi e si prende il mal di capo.

– E poi?

РLa brulicante, la prepo­tente, l’accesa acetosella, che invade tutte le aiuole.

– E poi?

– Ah basta. A sera, se¬≠guir√≤ con lo sguardo i fu¬≠riosi voli dei rondoni…

РE così, insomma, non vuoi prender coscienza della mia domanda. Chiedo, e non son disposta a lasciarmi pro­testare o contestare, chiedo: e quando avrai fatto, quando avrai guardato tutto ciò?

– E la mia risposta √®: ¬ę Va‚Äô al diavolo, donna cru¬≠dele ¬Ľ… Ossia, dovrebbe es¬≠sere; e invece umilmente ti chiedo a mia volta cosa do¬≠vremmo fare.

*

Le sue incerte repliche non contano. Ma, venuta che fu la primavera, lei tornò alla carica:

– Questi fiori son troppo caduchi. Guarda il lill√†: ancora ieri, che pompa; e guardalo adesso: il terreno al suo piede √® tutto cosparso delle stelline piovute dai rami. E i rondoni stessi partiranno. Dovremmo, ecco, appigliarci a qualcosa di pi√Ļ stabile, di pi√Ļ sicuro.

– E si d√†, qualcosa di pi√Ļ stabile?

– Il nostro amore.

РAd esso siamo già sal­damente appigliati.

РEh no caro, non mi ca­pisci. Ci sono molti modi per uccidere un amore: uno quello di annegarlo nel nir­vana.

– Mi diventi ardua.

РEppure è semplice: l’a­more non può vivere di sole mollezze e di beato abbando­no, né tollera che gli sia dato pieno ed incontrastato corso. A codesta maniera si sfibra.

РSta bene, posso all’incirca intenderti: l’amore, in parole povere, deve essere continuamente minacciato.

РSì sì, come la fede.

– E sia. Ma, in pratica, dove vuoi arrivare?

– ¬ęIn pratica¬Ľ: che espressione da bempensante, da notaio, da dirigente sindacale.

РD’accordo. E sicché, in pratica?

РNoi dobbiamo almeno almeno leticare; non permet­tere al nostro amore di lan­guire in ozi capuani.

– Come sei brava.

– Come sei grullo… Hai capito s√¨ o no?

РPer capito sì. Ma in qual modo o con qual pre­testo leticare se, giustappunto, non c’è motivo?

РQui, magari; ma pro­viamo ad andare nel mondo, e vedrai se il motivo salta fuori.

– Nel mondo! Ah no, questo sarebbe troppo: sa¬≠rebbe come, contro una le¬≠pre che ci mordicchiasse qual¬≠che cavolo, chiamare un cac¬≠ciatore… che ci devasterebbe l‚Äôintero campo.

РDunque ammetti, se non altro, che la tua cavolaia va­da soggetta a mordicchiamenti?

– Ma no, non confondiamo le immagini.

РSì, invece. Di’, lo sai che l’ultima volta che siamo stati in città, il tuo diletto amico mi faceva una cor­te sfacciata?

РVia, via, con codesti mezzi non uscirai a farmi arrabbiare né a leticare con me: so quanto tu sia seria.

– Io? Io, figurati, sono un mare, sono un universo di pensieri impuri.

– Anche le sante lo erano.

РSono una traditrice co­stituzionale.

РSì sì, angelo mio: salvo che ti comporti incostituzionalmente, come taluno dei no­stri uomini pubblici.

– Oh, ma allora?… Ve¬≠diamo un po’: se provassi a parlar male di Dante?

РE’ facile farlo.

РAh sì? Ebbene, cosa avresti da dire contro di lui?

– Scusa, ma sei tu che devi farmi arrabbiare.

РPosso sempre contrad­dirti.

РE’ vero. Beh, una cosa sola ci sarebbe da obbiettare a Dante, ma capitale.

РSu, su, ora m’incuriosisci.

РIl fatto d’avere scritto la Divina Commedia.

РCioè il fatto medesimo dal quale ha tratto eterna fama e per cui va in ogni luogo celebrato?

РGià già: perché la scris­se?

РPerché non poteva far­ne a meno.

РTu dici? O, se mai, proprio questo sarebbe il suo torto: perché non poté farne a meno?

РCos’è, il giochino del perché? Insomma, quella ro­ba gli urgeva, gli bruciava dentro e reclamava espres­sione.

– Ah, ma allora andiamo per le fratte? o anche tu ti figuri che si possa scrivere qualcosa unicamente per se stessi? In tal caso, di scrivere non c‚Äô√® neppur bisogno: si ha tutto l√¨… qui, e tanto basta.

РCome se codesto aver tutto nel cuore fosse già espressione. L’espressione, al contrario, dev’essere un che di ben articolato.

РL’espressione; e chi ha parlato di espressione?

– lo.

– Io no. Dell‚Äôespressione ne facciam senza, disse il poe¬≠ta: √® forse obbligatoria, √® for¬≠se tassativa, l‚Äôespressione? Dante avrebbe potuto e do¬≠vuto farne senza. E nota tra parentesi che qui si tratta di un lungo poema, tale da ri¬≠durre ¬ę per pi√Ļ anni macro ¬Ľ il suo autore.

РBeh, lo avrà scritto per gli altri o in pari tempo per gli altri.

РMa nella sua alta men­te doveva ben sapere che non sarebbe servito a nulla.

– Come come?

– Diamine; c‚Äô√® qualcosa di pi√Ļ inutile oggi, a quanto pa¬≠re, della Divina Commedia? Un repertorio di modi auli¬≠ci; ecco, cos√¨ oramai la giu¬≠dicano i posteri cui il poeta intese le sue vigilie… Del re¬≠sto, ti dir√≤, non me ne im¬≠porta niente.

– Neppure di Dante!

РSe non proprio di Dan­te, della questione.

– … Guardalo.

– Chi?

РQuesto ragnetto che si dà tanto da fare per ordire la sua tela tra questi due fili d’erba.

– Carino.

РMacché carino: è brut­tissimo, sgraziato nei movi­menti, ha un’aria proterva, ed è obeso. Ora lo ammazzo.

– Ma no, lascialo vivere: anche lui, poverino, si tra¬≠vaglia per… Come tutti noi.

– Oh no!

– Cosa, no?

– In codesto tono me lo dici, in codesto tono appena appena conciliante intercedi per il ragno?

РE che dovrei fare, di­fenderlo a prezzo di violenza?

РMa un tempo, ieri stes­so, i sentimenti che ho testé simulati ti avrebbero fatto im­bestialire: ammazzare una creatura perché è brutta!

РMa oggi è primavera. E poi ognuno ha il proprio de­stino, sia esso di mano fem­minile.

– Ah, non ne posso pi√Ļ. Sicch√© non ti si smuove in nessun modo? in nessun mo¬≠do si riesce a provocare il tuo sdegno?

– Mi spiace. Prova ancora, se credi.

– No: fallita la prova del ragno obeso, non so che altro immaginare. E con ci√≤, come si diceva in principio, il no¬≠stro amore dovr√† languire sfi¬≠brato, e…

РZitta: non ci converrà piuttosto rassegnarci ad esse­re felici?

– Ma √® la cosa che temi di pi√Ļ!

– Eh, per una volta…


Letto 138 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart