Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

LETTERATURA: I MAESTRI: La Firenze di Cecchi

18 gennaio 2018

di Indro Montanelli
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, marted√¨ 9 settembre 1969

Di Emilio Cecchi, credo che si potrebbe elencare una lunga sfilza di libri mancati. Mancati non perch√© lui li abbia sbagliati, ma perch√© non li ha scritti, pur avendoli in corpo dalla prima all’ultima riga. Quello su Firenze, per esem¬≠pio. Nessuno pi√Ļ di Cecchi ne conosceva il volto. Quanto all’anima, gli sarebbe bastato frugare in quella sua.

Hanno quindi fatto bene i suoi figli Suso e Dario a rime¬≠diare, riunendo in volume (Emilio Cecchi, Firenze, Mon¬≠dadori Ed., pagg. 280, Lire 2800) i saggi sparsi da loro padre su questo argomento. Sebbene incompleto, √® il pi√Ļ bel ritratto di citt√† che mi sia mai capitato di leggere, il pi√Ļ acuto e penetrante. Non la illumina tutta. Ma i flashes che vi getta sopra sono tali da farci indovinare e capire anche ci√≤ che rimane nell’om¬≠bra. Inutile cercare di ricapi¬≠tolarli. Ricapitolare Cecchi sa¬≠rebbe come distillare il co¬≠gnac. Mi limiter√≤ quindi a rendere, per quel che vale, una modestissima testimonian¬≠za sui complessi rapporti che correvano fra questo fiorenti¬≠no e Firenze, e che mi sembrano costituire il motivo ispiratore di queste stupende pagine, il loro sottofondo senti¬≠mentale.

*

Cecchi mor√¨ tre anni orsono, proprio di questi giorni. Fece dunque appena in tempo a ignorare l’alluvione che di l√¨ a due mesi doveva deva¬≠stare la sua citt√†. Spero di non recare oltraggio alla sua me¬≠moria dicendo che ne avrebbe sofferto atrocemente, ma con una punta di rabbiosa soddisfazione. Cecchi era in polemica con la Firenze d’oggi. Dai rari e rapidi sopralluoghi che vi faceva, tornava quasi sempre di malumore. Una vol¬≠ta mi disse: ¬ę A Firenze biso¬≠gnerebbe starci come ci stanno gl’inglesi dell’Ottocento: mantenendo le distanze e dandole del lei. Chi le d√† del tu e si prende confidenze, come vien fatto a noi che ci siamo nati, prima o poi si trova iscritto nel Libro del Chiodo. Meglio prevenire il bando trasferendosi in una citt√† di apolidi come Roma ¬Ľ. A indignarlo non erano o per lo meno non erano soltanto gli sconci della nuova edilizia. Debbo dire anzi che su questo era abbastanza corrivo. Sbaglierebbe chi lo prendesse per un sofisticato esteta alla Walter Pater col naso a puzzo per tutto ci√≤ che si √® fatto da Raffaello in poi. ¬ę Che non ci sentano le autorit√† – diceva, e mi fa piacere queste parole ritrovarle tal quali nel libro -. Ma nulla mi piace come le file di barroccini carichi di tessuti dozzinali, saponette da serve e reggipetti, assiepati intorno alle Cappelle Medicee. Sono incontri pi√Ļ forti dei regolamenti municipali. E mi fanno sempre pensare a quella pendice a sinistra del Partenone e dell’Eret¬≠teo, dove sulle casupole di bandone, coi miseri bucati tesi ad asciugare, l’aria eterna lontanamente risuona di grammofoni e del canto dei galli ¬Ľ.

A certe contaminazioni dun¬≠que ci stava. Ma le voleva di ingredienti autentici. La bottega di robivecchi o lo spaccio di vino incastrati fra una chiesa del Tre e un palazzo del Quattrocento gli andavano be¬≠nissimo. Ma il grande magazzino all’americana coi suoi lussi e i suoi lustri gli procu¬≠rava la crisi epatica. Non gi√† per lo sfregio in s√©, ma perch√© gli pareva il sintomo di una perversione pi√Ļ sostanziale e profonda: quella della misu¬≠ra, che per lui era tutto. ¬ę Il benessere ‚ÄĒ mi ricordo di avergli sentito dire ‚ÄĒ ha an¬≠che questa disgrazia: che non solo non si pu√≤ rifiutarlo, ma bisogna anche benedirlo. E guarda cosa ti combina. Metti a confronto quello che face¬≠vano i toscani quando lavoravano nel povero, ch’era la loro seconda natura, con quello che fanno ora che lavorano nel ricco, o almeno nel bene¬≠stante… ¬Ľ. E masticava il boc¬≠chino della pipa con una smorfia da Conte Ugolino.

Per questo, lungi dall’auspicare l’imbalsamazione del Tre o del Quattrocento, arrivava comodo comodo fino all’Otto¬≠cento sebbene questo secolo sia, per Firenze, minore. Anche se non aveva pi√Ļ primati da difendere, la Firenze di Ca¬≠napone, del Risorgimento e della prima unit√† difendeva, se non altro, la sua anima. E con tale puntiglio che non la perse nemmeno negli anni in cui fu capitale.

*

Quel rango sproporzionato alla suo ossatura non le dette alla testa. Firenze sub√¨ qualche batosta edilizia, dovette piegarsi a certi impegni di “rappresentanza” come il rifacimento della facciata del Duomo che non se n’√® pi√Ļ riavuta e, da antica qual era, √® diventata soltanto vecchia, vecchia come solo riescono a diventarlo le cose rimesse a nuovo; perse il fascino romantico che di suo non ha, ma che gentilmente le avevano prestato certi transfughi del Nord, specialmente inglesi come i Landor e i Browning. Ma la cosa essenziale la salv√≤: quel senso delle proporzioni, quell’allergia al superfluo, con cui dovette fare i conti anche D’Annunzio, quando venne a acquartierarcisi. Vista dalla Capponcina, Firenze era ai suoi piedi, ma solo in senso topografico. Fu l’unica citt√† che non condivise il culto del Vate e lo lasci√≤ bollire nel suo brodo, cio√® a sbrigarsela coi suoi creditori. ¬ę Si parla sempre ‚ÄĒ dice Cecchi ‚ÄĒ di fiorentino riserbo e cautela, e della fiorentina freddezza e scaltrezza, della fiorentina parsimonia e, perch√© no?, avarizia e gretteria. Ma cos’altro son esse se non prospettica in atto, percezione del limite che nella sua ostilit√† e resistenza d√† anche un punto d’appog¬≠gio e di leva ai contrari? ¬Ľ.

*

Questo diceva, cio√® aveva detto, perch√© negli ultimi tem¬≠pi non lo diceva pi√Ļ. Con Fi¬≠renze aveva cominciato a sdubbiarsi da quando aveva visto le ricostruzioni in atto fra Santa Felicita e Borgo Sant’Jacopo, fra Ponte Santa Trinit√† e via Por Santa Maria, che lo avevano inferocito pi√Ļ ancora delle distruzioni. ¬ę La guerra, si sa, √® la guerra, e i tedeschi sono i tedeschi ¬Ľ di¬≠ceva come parlando di scate¬≠namenti vulcanici, di pazzi fu¬≠riosi o di bambini irresponsa¬≠bili dei malestri che compio¬≠no, ¬ę ma i fiorentini… ¬Ľ. E la stessa reazione di delusione, d’amarezza e di rabbia ritrovo in una pagina di questo libro: ¬ę Qualche antico popolo, pie¬≠no di civica religione, forse queste rovine le avrebbe ser¬≠bate intatte, venerandole co¬≠me memento, come voto. Ma popoli di coteste tempre in realt√† non esistono che nei li¬≠bri per le scuole ¬Ľ.

Gi√†. Ma il fatto √® che Cec¬≠chi, sotto sotto, era convinto che i fiorentini fossero pro¬≠prio un popolo da libri per le scuole. Non riusciva a perdo¬≠nargli di non esserlo. Ed √® morto covando in corpo que¬≠sta rabbia. Peccato. Se fosse riuscito a tirare in lungo qual¬≠che altro mese e avesse visto cosa questi fiorentini fecero, quando l’Arno li mise con le spalle al muro, con che un¬≠ghie, con che denti, con che grinta gli contesero non sol¬≠tanto le loro vite, le loro case e i loro beni, ma anche il loro civico patrimonio; se avesse visto con che amore e abne¬≠gazione, prima ancora che le loro macchine e la loro mobi¬≠lia, si misero a ricercare nella melma frammenti di capitelli, frontoni divelti e incunaboli scompaginati; credo che se ne sarebbe sentito consolato, e forse avrebbe chiesto di rive¬≠dere le bozze di questo libro.

Ma grandi correzioni, inten¬≠diamoci, non avrebbe trovato da farne. Il furore polemico che gli ha ispirato queste pa¬≠gine perfette resta sottinteso: bisogna possedere un orecchio molto fino per avvertirne, fra le righe, il chioccolio. Cecchi non appartiene alla famiglia, piuttosto consueta e dozzinale, del toscano bestemmiatore e squadrista avanti lettera, ti¬≠po Papini. Appartiene a quel¬≠la pi√Ļ antica e araldica dei Guicciardini che mettono tut¬≠to in ghiaccio, prima di ser¬≠virlo: anche il sangue dei lo¬≠ro nemici.

La Firenze attuale, nelle pa­gine di Cecchi, fa capolino di rado e serve solo di contrap­punto a quella di sempre, che egli vede come la continuazio­ne di Atene. Non è stato lui a stabilire questo raffronto. Lo fecero già il Burckhardt, il Wölfflin, e non so quanti altri storici e umanisti. Sicché a molti orecchi suonerà come un luogo comune.

*

Ma di comune ha ben poco il modo con cui Cecchi lo ri¬≠costruisce e trova i punti di convergenza partendo dalle pi√Ļ divergenti e eccentriche notazioni per arrivare alla pro¬≠va conclusiva di quella con¬≠sanguineit√†: che non si esprime, o per lo meno non si esprime soltanto nell’imponen¬≠za delle forze creative, nella perfezione tecnica delle opere, e nemmeno in quella che un po’ vagamente si suole chia¬≠mare la ¬ę vocazione universa¬≠le ¬Ľ di Atene e di Firenze; ma piuttosto nella stupenda cora¬≠lit√† delle due culture, nel fat¬≠to che a protagonisti entrambe non avevano dei geni, ma l’agor√†, la piazza, e in quel loro particolare carattere che si potrebbe riassumere come il senso rigoroso e inderogabi¬≠le del rapporto, e quindi la razionale essenzialit√† di tutto: linee, colori, parole.

Lo dico male, lo so. Se lo volete detto meglio, leggete questo libro di Cecchi. Io non posso competere con lui in nulla, neanche in chiarezza, sebbene egli mi facesse l’ono¬≠re di attribuirmene un po’. Ma quando si deve affondare la penna in certi scandagli che richiedono dosaggi da farma¬≠cista e misure da orafo, non c’√® prosa che possa sostituirsi alla sua. Ogni volta che ne leggo uno scampolo, devo aspettare una settimana per ri¬≠trovare il coraggio e la voglia di cimentarmi con la mia.

 

 


Letto 247 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart