Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

LETTERATURA: I MAESTRI: Pollicino e la psicanalisi

5 ottobre 2017

di Giovanni Macchia
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, sabato 11 aprile 1970)

Il Seicento, alla sua fine quando la stagione dei protagonisti era gi√† passata, conobbe in Francia una moda non meno contagiosa delle precedenti: i racconti di fate. Nelle grandi civilt√† un fatto letterario non resta fenomeno isolato. E’ un prodotto cultura che vive grazie alla societ√† cui esso √® destinato. I Contes de ma m√®re l’Oye¬† di Charles Perrault (pubbli¬≠cati sotto il nome del figlio diciannovenne Pierre Darmancourt che forse collabor√≤ al¬≠l’opera) sono meritamente tra i pi√Ļ famosi di un tal genere di letteratura. Ma intorno a Perrault, personaggio autore¬≠vole che guardava all’avvenire, uomo enciclopedico che mise il naso un po’ dapper¬≠tutto, nelle scienze, nelle let¬≠tere e nelle arti, si dispone a corona un forte nucleo di don¬≠ne scrittrici di fiabe. Ancora una volta, nella storia del se¬≠colo, le donne sono in primo piano. Il loro impero conti¬≠nua. Di buona o modesta no¬≠bilt√†, la vita di alcune di es¬≠se fu illustrata da pi√Ļ di uno scandalo, eppure effondevano nelle loro pagine un delicato virginale candore, creando una letteratura popolare in prosa non destinata al popolo. Ma¬≠dame d’Aulnoy, Mademoiselle Bernard (nipote di Pierre Corneille), Mademoiselle de La Force, Mademoiselle L’H√©ritier, Madame de Murat. Tra esse si aggira qualche raro gen¬≠tiluomo, come lo Chevalier de Mailly.

*

L’irreale, il meraviglioso e l‚Äôimaginaire, la natura artifi¬≠ciale, splendida per definizio¬≠ne, erano gi√† apparsi, agli oc¬≠chi delle aristocratiche dame nelle scenografie, negli spetta¬≠coli di feste e balletti, ove la grazia e la pomposit√† baroc¬≠ca, in travestimenti e muta¬≠menti, celebravano entro for¬≠me mitologiche e preziose e una rara grandiosit√† d’appa¬≠rati, il regno di Luigi XIV. Ma le fate non comparivano nel balletto di corte che in ge¬≠nere preferiva la maga. Esse ritroveranno il loro tempo ideale nel balletto romantico, nei balletti del Novecento, in Diaghilev, in Ravel. L’incan¬≠tesimo, la mag√¨a, il f√©isme, il fatismo, hanno una base po¬≠polare che lo spettacolo ari¬≠stocratico barocco respinge. Le carrozze che volano, le me¬≠tamorfosi degli uomini in og¬≠getti e in animali fanno del¬≠la fiaba un piccolo spettacolo in prosa da leggere o da ascol¬≠tare. Ma le radici di questa tradizione affondano nel fol¬≠clore.

Perch√© dunque nell’immen¬≠so repertorio dalle moltissime fonti (e tra quelle italiane lo Straparola e forse il Basile) l’adattatore Perrault ‚ÄĒ si do¬≠manda un suo recente agguer¬≠rito studioso, Marc Soriano ‚ÄĒ non ha scelto che pochi temi? E quale fu il criterio che lo guid√≤ nella scelta? Con¬≠siderando il racconto come un crittogramma la cui soluzione pu√≤ essere avviata approfon¬≠dendo l’ambiente famigliare (il padre, la condizione dei due fratelli gemelli, Charles e Fran¬≠√ßois) e definendo casa Per¬≠rault un mondo dove Freud √® esistito, egli tenta una defini¬≠zione psicanalitica dei Contes.

Nella Introduzione alla psi¬≠canalisi Freud, pur senza ci¬≠tare Perrault, dette alla fiaba in versi intitolata Souhaits ridicules un valore d’esempio: il sogno √® la realizzazione ve¬≠lata di un desiderio represso. E alcuni anni fa un medico, il dottor Lauzier-Desprez, aveva preparato anche lui un sag¬≠gio su una lettura psico-pato¬≠logica di questi racconti di fate. Il Soriano si mette sulla stessa strada ma la attraversa, in omaggio al suo nome, con fare sospettoso e guardingo. E’ uno storico. Sa che la com¬≠plessit√† dei temi e dei motivi, quali s’intrecciano in questi racconti, che appartengono al folclore prima che a Perrault, gl’impedisce di riconoscere in ogni peripezia l’esatto riflesso di un avvenimento della vita dell’autore. La ¬ę storia ¬Ľ di es¬≠si s’inserisce in una storia pi√Ļ generale che appartiene a un gruppo sociale e a un’epoca. La psicanalisi pu√≤ solo impie¬≠gare ipotesi di lavoro e metodi di investigazione.

*

La lettura di una sola fia¬≠ba pu√≤ farci misurare la di¬≠stanza che nella comprensio¬≠ne psicanalitica delle opere letterarie separa un medico da uno storico. Nella fiaba di Pe¬≠tit Poucet, ad esempio, altri riconobbero elementi di una leggenda: quella del piccolo bovaro celeste e identificarono il suo protagonista con l’Orsa Maggiore. Anche Rimbaud, quando s’identifica con il ¬ę Pe¬≠tit Poucet r√™veur ¬Ľ ricorda l’Orsa Maggiore: ¬ęMon auberge √©tait √† la Grande-Ourse ¬Ľ (e non intenderei come si fa di solito, banalmente: ¬ę Je couchais √† la belle √©toile ¬Ľ). Il dottor Lauzier-Desprez √® in¬≠vece colpito dal bianco dei sassolini con cui Pollicino ri¬≠trova facilmente la strada di casa. Cosa significano quelle pietruzze bianche? Esse sim¬≠boleggiano i denti di latte del minuscolo personaggio, quei denti che i bambini perdono fino all’et√† di sette anni. Qui cio√® si stabilisce un rapporto diretto con la vita che lo sto¬≠rico non pu√≤ condividere.

Altro esempio. Perch√© Per¬≠rault ha soppresso nel Petit Chaperon rouge il particolare tradizionale dei resti della nonna mangiata offerti dal lu¬≠po al bambino? Il medico pro¬≠pone una interpretazione psi¬≠canalitica assai complessa. Lo storico pensa invece alla so¬≠ciet√† aristocratica cui quei rac¬≠conti erano destinati, costretta nelle leggi delle biens√©ances. Le ricerche contemporanee sul folclore dimostrano che tali particolari, derivati da un lon¬≠tano passato in cui l’antropo¬≠fagia era ancora praticata, fi¬≠niscono a poco a poco per ra¬≠refarsi in un ambiente colto.

Cos√¨ il medico e lo storico dinanzi alla psicanalisi hanno rare possibilit√† di mettersi d’accordo. Lo psicanalista ri¬≠chiede una forte carica d’in¬≠venzione su dati spesso oscu¬≠ri, incerti o addirittura labili, invenzione che lo storico, alla ricerca di una propria certez¬≠za, non pu√≤ accettare. Per sciogliere il crittogramma di queste fiabe egli ha bisogno di chiavi pi√Ļ sottili che ser¬≠vano pi√Ļ agevolmente allo sco¬≠po e che il Soriano sa adope¬≠rare. E su quali dati allora, ripetiamo, Perrault oper√≤ la sua scelta? E questa scelta pu√≤ accordarsi con elementi nati dall’osservazione diretta della sua vita?

*

Boileau disse una volta a Perrault: ¬ę C’√® qualcosa di strano nella vostra famiglia ¬Ľ, e aveva colto nel segno, dan¬≠do prova di acuto intuito. A giudicare dalla sua secca ri¬≠sposta, Perrault ne fu quasi ferito. Difendendosi, egli fini¬≠va con l’associare ad una no¬≠zione d’indegnit√† la situazione di essere l’ultimo della sua fa¬≠miglia.

Considerando il racconto come fantasioso risultato di una libera fantasticheria, si possono facilmente rintraccia¬≠re e seguire, come fa il Soria¬≠no, alcune piste. Tra le pi√Ļ importanti: la condizione ge¬≠mellare che Perrault ha co¬≠nosciuto direttamente, e l’in¬≠cidenza di tale condizione nel¬≠la struttura incosciente delle fiabe. (Un’abbondanza di in¬≠siemi gemellari √® riscontrabile in Cendrillon, Barbe-bleu, nel Petit Poucet ove appare ad¬≠dirittura una coppia gemellare a quattordici teste). Una se¬≠conda pista: l’indegnit√† dei ge¬≠nitori, serie sinistra in cui ci s’imbatte pi√Ļ volte. Un ele¬≠mento costante deriva dalla prima ipotesi: l’insicurezza. ¬ęL’universo di questi raccon¬≠ti √® impregnato di una pro¬≠fonda angoscia ¬Ľ (Soriano): crudelt√†, follia, orchi armati di coltello, insicurezza centra¬≠ta sulla sessualit√†, un’angoscia che concerne la virilit√†. La lotta per il possesso e l’ango¬≠scia del sesso contestato si as¬≠sociano per presentare nel Chat bott√© variazioni di una rara complessit√†, insieme tri¬≠viali e raffinate. Quanto al¬≠l’incubo da cui questi raccon¬≠ti sono pervasi, esso ci d√† la chiave segreta del racconto. In effetti, oscuramente, quest’incubo √® desiderato. Il bam¬≠bino nel fondo di se stesso de¬≠sidera essere mangiato.

*

¬ę Ah! Il n’y a plus d’enfants ¬Ľ, dice amaramente Argan, il m√†lade imaginaire di Moli√®re nella scena che Goe¬≠the ammirava. La Francia di Luigi XIV √® un paese senza innocenza ove i bambini non sono pi√Ļ bambini. Pensava¬≠mo che le fiabe riportassero nell’atmosfera sublime e pom¬≠posa del classicismo questa in¬≠nocenza perduta, e l’amore del semplice e del misterioso. Cre¬≠devamo che provocassero una distensione della fantasia, la quale conduceva fuori della storia esseri gravati dal pro¬≠blema delle passioni, dal de¬≠siderio di conoscersi, di osser¬≠varsi, come nei riflessi freddi e taglienti di uno specchio: una docile via di scampo per una letteratura alleata al pec¬≠cato e al dolore. Non era in¬≠vece difficile scoprire un fon¬≠do torbido, oscuro, angoscio¬≠so anche in quelle affascinan¬≠ti avventure di uomini mutati in cavalli, in tutto quel filo¬≠ne di sognante medievalismo che percorre in forme pi√Ļ o meno sotterranee il Seicento francese, medievalismo cui Perrault aderiva e lo dichia¬≠rava nella dedica a Madame de Murat. Passati nelle mani degli psicanalisti questi personaggi che non conoscono mez¬≠zi termini, incantati, paurosi, orribili o bellissimi, incredi¬≠bilmente furbi o di un’irritan¬≠te bont√†, riacquistano una lo¬≠ro attualit√†: anche nella no¬≠stra epoca, in cui i bambini non sono pi√Ļ bambini.


Letto 138 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart