Libri, leggende, informazioni sulla cittĂ  di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

LETTERATURA: La settima stella di Maria Pia Romano – Casa editrice Besa

20 Maggio 2013

di Francesco Improta

Leggendo La settima stella di Maria Pia Romano, casa editrice Besa (2008), ho avuto la conferma, chiara e inconfutabile, di essere in presenza di un’autentica poetessa, prestata di recente alla narrativa e mi riferisco in particolare agli ultimi due romanzi scritti da Maria Pia: L’anello inutile (2011 Besa editore) e La cura dell’attesa (2013 edizioni Lupo). La sua prima esperienza narrativa, invece, Onde di follia (2006 Besa editore), è contemporanea ad altre prove poetiche, quasi Maria Pia non fosse ancora convinta della strada da seguire e non riuscisse a reprimere quell’urgenza di poesia che sentiva dentro di sé e che, a mio avviso, continua a sentire se è vero che gli ultimi due romanzi, e in particolare L’anello inutile, sono vere e proprie sinfonie, capaci di sciogliere le parole in musica o viceversa, dando vita a echi, armonie e vibrazioni decisamente suggestive. A questo punto, però, sorge spontanea una domanda: “All’alba del terzo millennio, alla luce di tante ipotesi e sperimentazioni, valgono ancora le formule definitorie, le distinzioni tra i vari generi letterari, la netta separazione tra poesia e prosa? Il discorso ci porterebbe troppo lontano e non credo che questa sia la sede adatta per affrontarlo, per cui, a mio avviso, sarebbe preferibile limitarsi a distinguere chi scrive bene da chi scrive male, o volendo semplificare ancora di più i libri belli da quelli brutti, e La settima stella è un libro senza tema di smentite di straordinario spessore e qualità. E Maria Pia scrive molto bene, utilizzando, con sagacia, competenza e sensibilità, immagini evocative, allusive, simboliche e un linguaggio deci­samente innovativo, suggerito e dallo splendido paesaggio del Salento, che ti prende alla gola e ti sa rubare l’anima, e da un animo decisamente poetico, che nonostante gli studi scientifici o forse proprio in virtù di quegli studi, non rinuncia ad espandersi nell’armonia della natura e del mare in particolare, verso il quale sente un’irresistibile attrazione, tanto da inebriarsi di iodio e di salsedine e di poter essere definita una donna liquida dentro, come Alba, la protagonista di La cura dell’attesa.

Non è un caso che le parti in cui si divide questo testamento liquido sono contras­segnate dalla presenza ossessiva dell’acqua: Con l’occhio liquido a Sud; Danze d’acqua sulla vita; Gli amori liquidi e Sotto il livello del mare. Acqua intesa nelle sue molteplici valenze ed implicazioni simboliche: liquido amniotico, elemento lustrale, regno dei venti, del mistero e dell’av­ventura, solcato dalle vele e da mitici mostri marini (Moby Dick), e principio dell’essere nel divenire. I temi di fondo della raccolta sono il Sud a cui, nonostante incomprensioni e rifiuti, sente di appartenere “Nella terra che non capisce le mie lettere / Eppure conosce il mio alfabeto. / A sud.; i Sogni che accompagnano l’adolescenza e che trasformano coloro che li coltivano in “Spettatori di visioni / aggrappate all’oro del cielo / a deglutire stupori / a mani giunte”; la Natura colta con tanto amore e commozione nel semplice planare di un gabbiano “Non c’è nulla di complicato / nella compiuta bellezza / del volo di un gabbiano” (mi torna alla mente la conclusione di Attesa sul mare di Francesco Biamonti: “Gabbiani, intonacati d’aria, andavano al mare come a un letto di pace), oppure in un magico plenilunio in riva al mare “E il cuore si ferma / prima che la notte ricominci / a spalmare di luna il mare”. Né bisogna dimenticare quella malinconia di fondo che porta alla solitudine, al silenzio, alla consapevolezza di essere un sassolino levigato di una spiaggia infinita o di essere immerso nel gran mare dell’essere senza alcuno approdo all’orizzonte. Il tema, comunque, dominante del libro è, a mio avviso, l’Eros nella sua accezione più ampia e comprensiva, come viene confermato dall’ultima sezione tutta dedicata all’amore e dal sotto­titolo miscuglio di seme di sesamo e di riso che è una delle posizioni del Kamasutra e più precisamente uno degli abbracci possibili il Tila-Tandu­laka. Amori anch’essi liquidi, fragili, cangianti e precari, ma pervasi da una profonda sensualità che porta a succhiare / la vita / dalla bocca della notte” o a reclamarla sfinendo di baci / la notte rotonda.

Sullo sfondo, poi, non il fragore della storia ma il suo respiro smorzato, come nella bellissima poesia La casa delle mandorle, dove si accenna alle lotte sindacali e alla crisi della sinistra: “mentre l’autunno caldo / fiatava ancora sul collo / delle ore del Sud / bandiere della fede tradita / ondeggiavano incredule / in lacrime di scirocco” versi questi ultimi che mi hanno riportato alla mente le bandiere rosse di P.P. Pasolini che cadevano senza vento.
Il linguaggio di Maria Pia, decisamente figurato, è caratterizzato oltre che da una ricca strumentazione retorica dalla penuria, talvolta dalla mancanza assoluta, di punteggiatura che trasforma in onde concentriche o in volute di spirale i suoi componimenti e logicamente i pensieri e i sentimenti che vi prendono forma risolvendosi o in immagini decisamente suggestive o, più spesso, in arcane vibrazioni. Una poesia, quella di Maria Pia, fatta della sostanza stessa dei sogni e della materia altrettanto friabile dei rimpianti: “una sottile demarcazione / tra la pelle del sogno / e l’involucro della nostalgia / la linea della vita.”

So bene che non è corretto antologizzare, scegliere cioè da una raccolta qualche immagine isolata o qualche strofa, ma ci sono dei versi che lasciano il segno, che graffiano l’anima e che rimangono dentro, dando senso e sapore alle nostre letture e colmandoci al contempo di suoni, di colori e di odori. E ne La settima stella sono tanti i fiori pregiati che s’impongono alla nostra attenzione ma che inseriti nel loro contesto risultano ancora più belli, profumati e significativi. Vale la pena ricordare che alle poesie della silloge si alternano alcune prose che poco o nulla hanno da invidiare ai versi e che confermano quanto affermato in prece­denza che non solo in Maria Pia coesistono entrambe le forme di espre­sione ma anche che oggi certe distinzioni non hanno più ragione di esistere.


Letto 3183 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart