Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

LETTERATURA: Massimo Angelini: “Minima Ruralia: semi, agricoltura contadina e ritorno alla terra” (Pentagora, 2013)

14 giugno 2013

di Marino Magliani
(dal Corriere Nazionale)

Ruralismo, una parola che purtroppo alla gente mette in mente il locale. Miguel Torga dice che l’universale è il locale senza i muri. Pentagora al ruralismo sta pensando, e anche all’antropologia e a una narrativa calma, lenta, quella che amo io, a una specie di progetto walseriano. L’ultimo loro libro è “Minima Ruralia: semi, agricoltura contadina e ritorno                      alla terra” (Pentagora, 2013) e l’ha scritto l’antropologo e filosofo Massimo Angelini, che ci ha concesso quest’intervista.

Angelini, si tratta forse di un libro sulla nostalgia?

“Il rapporto con la terra segna il fondamento etico della nostra civiltà. Fuori da questo rap- porto, abbiamo guadagnato in accelerazione e in frammentazione. Siamo scivolati nel- l’astrattezza e nella virtualità. Tutti sappiamo pigiare tasti, ma quanti sanno da dove viene il cibo che ci sostiene? Quanti sanno come si fa il pane? Riprendere contatto con la terra non è nostalgia, ma forse l’unica assicurazione che possiamo stipulare con il futuro. Il libro raccoglie riflessioni coltivate (qui è il caso di dire così) nel corso di trent’anni intorno al mondo rurale, alle colture e ai semi della tradizione, alla differenza profonda che separa l’agricoltura contadina da quella industriale, alle terre considerate depresse da un punto di vista economico ma nelle quali ancora vive il patrimonio di consuetudini e di varietà di piante”.

Pentàgora nasce dunque per dare spazio a ricerche e alle storie, ai costumi e agli affetti della gente comune. Ma a chi parla?

“Vorremmo parlare alla gente di ciò che li riguarda in un linguaggio accessibile, perché ciò che è di tutti sia almeno alla portata di molti, senza concederci agli specialismi né alle banalizzazioni”.

Le prossime uscite?

“In questi giorni esce anche Rosso Cadmio, un romanzo che parla di anziani e di orti abusivi di periferia, quelli che nascono sui margini dei fiumi e delle ferrovie. A settembre, usciranno altri due libri, I frutti della memoria, sul dialogo che corre fra i contadini e i loro alberi, e Contadini sulla strada, dedicato al declino dell’agricoltura familiare, con testi inediti di John Steinbeck nella cornice delle splendide fotografie di Dorothea Lange”.


Letto 5973 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart