Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

TEATRO: William Congreve: “Cos√¨ va il mondo”

21 novembre 2008

di Ivano Mugnaini

William Congreve e la “Commedia di Costume”

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Nato nel 1670 a Bardsey, un villaggio dello Yorkshire, William Congreve √® noto soprattutto per le sue “Comedies of Manners”, termine traducibile all’incirca con “commedie di maniera”, ossia di costume, satire degli atteggiamenti e delle mode, tanto consolidate da divenire fisse, rigide, comicamente ingessate in rituali che si eternano fino a perdere il senso, conservando solo la valenza esteriore. La pi√Ļ nota di tali commedie in cui Congreve eccelleva √® senza dubbio “The Way of the World”, titolo reso spesso tramite la formula, libera in parte, ma efficace e onnicomprensiva, di “Cos√¨ va il mondo”.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Nella Prefazione all’opera, pubblicata per la prima volta nel 1700, Congreve esprime sincera sorpresa per l’ottima accoglienza riservata dal pubblico al suo testo. Riteneva infatti che la sua “audience” non fosse preparata a recepire nel migliore dei modi i temi e le situazioni proposte nella pi√®ce. Ancora una volta, con un procedimento un po’ arbitrario, ma a cui, a dire il vero, non √® agevole resistere, almeno per me, mi viene fatto di immaginare cosa avrebbe scritto Congreve se si fosse trovato a vivere nell’epoca attuale, come avrebbe interagito, il brillante autore britannico, con i suoi potenziali spettatori, con gli attori dei palcoscenici, e con quelli, non meno funambolici e a tratti “macchiettistici”, della vita reale.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ho scritto reale, comprendendo per√≤ in questo ambito anche ci√≤ che strettamente reale non √®, ma con esso si interseca, influenzandolo, manipolandolo, condizionandolo: il fittizio. In particolare, per forza di cose, l’etere mediatico. Avrebbe avuto un bel po’ da fare, e da dire, Congreve, seduto, volente o nolente, a casa sua, o magari in qualche ristorante, di fronte alle infinite variazioni sul tema dei “Grandi Fratelli” e alla schiera dei parenti e affini dei cosiddetti “reality shows”. Non meno infervorato, divertito, magari con un gusto agrodolce nella bocca e nella mente, sarebbe risultato, il drammaturgo, dovendo assistere ai duelli rusticani (e in alcuni casi semplicemente rustici) di politici disposti anche a ballare il tip-tap pur di conquistare una telecamera (antipasto di una Camera tout court) e qualche punto in pi√Ļ del famigerato share.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Si sarebbe divertito, forse. Di sicuro avrebbe rispolverato i personaggi a suo tempo creati per “Cos√¨ va il mondo”, trovandoli ancora adatti, consoni, magnificamente calzanti. Nulla di nuovo sotto il sole. Appunto. Si tratta solo di assegnare immutabili e immarcescibili ruoli a facce nuove. Nuove nel senso che continuano a proporsi, periodicamente, ciclicamente. Non certo nuove nel senso di un’auspicabile e in parte utopica metamorfosi. Come faceva notare Tomasi di Lampedusa nel “Gattopardo”, tutto cambia affinch√© tutto resti uguale. La citazione non √® esattissima nella forma. Ma la sostanza, ahim√®, √® corretta, ineluttabile.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Di sicuro si divertir√† lo spettatore, e il lettore, andando a cercare in qualche teatro una riedizione della commedia di Congreve, oppure attingendo direttamente dal testo scritto, magari tramite un’adeguata traduzione. Il gioco nel gioco, forma ludica di metateatro, potrebbe essere quello di abbinare a ciascun ruolo un personaggio moderno che dimostra di incarnarne in modo adeguato vizi e virt√Ļ. Confrontando poi gli abbinamenti.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† In “Cos√¨ va il mondo” di Congreve, operano e tramano, tra gli altri, un certo Fainall, nome che corrisponde pi√Ļ o meno a “Fingitutto”. Si tratta di un cinico, il quale ritiene che l’inganno sia normale, e considera il matrimonio una farsa.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† C’√®, poi, un epiteto ancora pi√Ļ gustoso, Witwoud. Qui necessita una parafrasi per rendere bene il gusto del nome: “colui che vorrebbe essere arguto”. E quel “vorrebbe” √® di per s√© fonte di ironia. Lo colloca sarcasticamente nella terra di confine tra atteggiarsi e valere, apparire ed essere. Personalmente per questa categoria considero perfetti candidati molti politici ipersorridenti e generosi di aneddoti e barzellette, non di rado fuori luogo e fuori contesto. Tuttavia, pur non essendo un esperto, credo che anche diversi personaggi dei “reality” non sfigurerebbero nei panni di Witwoud. E, in ultima analisi, con un atto di autoironica onest√†, credo che tutti noi, presto o tardi, e almeno una volta nella vita, siamo afflitti dal morbo di Witwoud.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Altro “character” degno di nota, anche se magari non altrettanto di simpatia, √® Petulant. Stavolta il nome non necessita traduzione, e neppure particolari postille. Se non forse per specificare che questo personaggio √® grande amico di Witwoud. Vanno spesso in coppia, ma, mentre Witwoud bench√© ciarliero e vanitoso ha un buon carattere, Petulant √® acido, irritabile e irritante. Anche in questo caso la caccia al tesoro √® aperta. Nella fauna dei politici, in particolare, la convivenza tra il buono e il cattivo √® frequente. Si tratta solo di aggiungere il brutto di turno per completare il mirabile trio di ispirazione cinematografica. Ma l’impresa non appare affatto improba.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Tra i personaggi femminili spicca Millamant. Ogni commento sul nome √® superfluo. La signora, bella e per di pi√Ļ brillante, non disprezza affatto la compagnia maschile, diciamo cos√¨. Dimostra interesse soprattutto per il protagonista della commedia, Mirabell. Tuttavia, essendo anche molto realista e con i piedi ben piantati a terra, affianca all’amore romantico la ragione. Sotto forma di eventuali alternative, quasi una sorta di panchina lunga, per dirla in termini calcistici. Nel caso in cui Mirabell non dovesse rivelarsi all’altezza, da qualche fondamentale punto di vista. E’, tuttavia, almeno nella visione di Congreve, un personaggio positivo. Il ricorso alla panchina lo fa malvolentieri. Attende piuttosto che l’amore cresca e con esso la fiducia reciproca. Alcune soubrette televisive, di recente notoriet√†, non sfigurerebbero nei panni, a dire il vero succinti, dell’eroina di Congreve.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† C’√®, ultimo ma non ultimo, Waitwell. Un ottimo servitore. Ha le sue idee, le sue convinzioni, ma, di fronte al padrone, si piega docile come un giunco. E’ pronto, a seconda delle esigenze dei personaggi principali che occupano la scena, a fare da spalla, interpretando i ruoli pi√Ļ disparati. Comici, tragici, tragicomici. Sa essere frivolo e accondiscendente. Inoltre, qualit√† molto apprezzata dai suoi rispettivi padroni, sa sparire, sa togliersi di mezzo al momento giusto, lasciando campo libero ai monologhi degli altri, di qualunque colore e genere essi siano. Mi viene fatto di pensare che a molti politici odierni non dispiacerebbe affatto un Waitwell. Ma chiss√† che, su qualche canale pubblico o privato, non possano trovare qualche omologo. Oppure, sempre restando nel campo delle ipotesi, chiss√† che non lo abbiano gi√† trovato. Misteri, pi√Ļ o meno buffi.
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Non √® mistero invece, e necessit√† ribadirlo anche correndo il rischio di ripetersi, che il teatro, quello autentico, sia esso tragico o comico, impegnato o leggero, sa individuare percorsi di universalit√†. Sa essere fresco e vitale. Attuale, proprio perch√© non ammica a nessun presente che non possa essere degno di rappresentare il passato e pronto per rispecchiare qualsiasi futuro. Perch√© cos√¨ va il mondo, cos√¨ √® andato, e, prevedibilmente, che ci piaccia o meno, andr√†. Si ride, vedendo o leggendo la commedia di Congreve, di un riso particolare, mai vuoto, mai fine a se stesso. Carico di quel “wit”, di quell’arguzia che √® allo stesso tempo prova dell’esistenza in vita dell’intelligenza, e, in misura non minore, forma di resistenza estrema contro l’imbruttimento dei costumi, la violenza del grottesco e dell’assurdo. Una commedia solare, quella di William Congreve, ricca di verve ed esuberante. Non resta che sperare, nella situazione attuale, sul palcoscenico della vita di oggi, in una qualche forma comparabile di lieto fine, non forzato n√© intimamente amaro. Sperando cio√® che si possa dire anche noi “Cos√¨ va il mondo”, conservando un sorriso. Ironico ma tenace.


Letto 10501 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Comment by Gian Gabriele Benedetti — 21 novembre 2008 @ 18:18

    √ą proprio vero che quando un autore √® grande, riesce, sempre e comunque, non solo a calarsi bene nella realt√† in cui vive e a trarne l‚Äôessenza, ma √® capace di anticipare anche il futuro. Cio√® di essere sempre attuale. Cos√¨ avviene per Goldoni, per Moliere, ecc. Ed anche Congreve rimane estremamente vivo anche oggi per il suo acume intellettivo e di analisi, quasi un sesto senso, ma anche perch√© passano i tempi, passano gli uomini, passano i costumi, ma la realt√†, nella sua sostanzialit√†, non cambia o cambia ben poco. Si ripetono, anzi si aggravano, manie, difetti, ambizioni, vizi, voglie, brame, esibizioni vuote (e chi pi√Ļ ne ha, pi√Ļ ne metta)‚Ķ E cos√¨ oggi, come saggiamente tu dicevi, Ivano, nel tuo perspicace, assennato percorso di grande spessore esplorativo nel cuore dell’opera in oggetto, si troverebbero a iosa personaggi pubblici ‚Äúdegni‚ÄĚ (eccome!) della commedia ricca, esuberante, ironica, corrosiva, estremamente attuale di Congreve
    Gian Gabriele Benedetti

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart