Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

LIBRI IN USCITA: Massimo Vitali: “Se son rose”, Fernandel

23 ottobre 2011

autore: Massimo Vitali
titolo: Se son rose
isbn: 978-88-95865-56-0
pagine: 176
prezzo: E 13,00
uscita: ottobre 2011

Dopo il grande successo di L’amore non si dice, Massimo Vitali ritorna in libreria con il suo nuovo romanzo

Prendete la pancia di un uomo, Roversi. Aggiungete una moglie, un lavoro e novantasei chili di abitudini. Ora siate rudi: togliete la moglie, il lavoro e le abitudini. I novantasei chili, invece, chiudeteli a chiave nel bagno delle donne del cinema Corallo.

Deciso a non uscire più, Roversi si troverà a riflettere. In fuga dal suo mondo, sarà il resto del mondo a venirlo a cercare: venditori porta a porta, preti, maniaci, idraulici, travestiti, cani, fotografi, psicanalisti, fabbri, cultori di film western. E donne, naturalmente. Tutti sostano davanti alla porta del bagno delle donne del cinema Corallo. Roversi darà udienza a ognuno di loro, ma non aprirà la porta a nessuno.

«Hanno detto che devo prendermi una pausa di riflessione? E allora voglio prendermela qui, al sicuro, chiuso a chiave dentro al bagno»

Massimo Vitali è nato e vive a Bologna. Ha esordito con il romanzo L’amore non si dice (Fernandel, 2010), che ha avuto ottimi riscontri di critica e di pubblico. Nono­stante ciò lavora ancora all’ufficio reclami di una nota multinazionale svedese.


Letto 1336 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart