Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

PITTURA: LETTERATURA: I MAESTRI: Picasso blu e rosa: Esplosione della maniera

7 luglio 2018

di Alberto Moravia
[Classici dell’Arte, Rizzoli, 1968]

Guardiamo prima di tutto alle date. Nel 1910, a Trieste, James Joyce da inizio all’Ulysses. Nello stesso anno Igor Strawinsky fa rappresentare a Parigi L’oiseau de feu. Pablo Picasso, un po’ prima, tra il 1903 e il 1906, dipinge quadri come I giocolieri, La vita, i Mi¬≠seri in riva al mare, la Bevitrice di assenzio, La cop¬≠pia, l‚ÄôAcrobata e giovane equilibrista ecc. Vale a dire, il secolo comincia esattamente come doveva poi pro¬≠seguire e come tuttora prosegue, con un’arte rifatta sull’arte, un’arte non pi√Ļ in presa diretta sulla realt√† ma mediata dall’estetismo, un’arte convogliata dalla coscienza critica fuori dalle tempeste della creativit√† verso le lagune immobili della maniera e dunque, pi√Ļ tardi, del consumo. Contemporanei o appena prece¬≠denti, c’erano stati o c’erano tuttora artisti realistici, come Marcel Proust il cui progetto, in fondo, non era troppo diverso da quello di un Balzac; Vincent Van Gogh che aveva saputo raccontare addirittura la pro¬≠pria ‘escalation’ verso la pazzia; Richard Wagner che, con l’illusione di adombrare un mito eterno, aveva scritto con il Tristano un’opera di piccole proporzioni, ben cesellata e ben costruita, sull’amore borghese.

Che cosa accomunava Joyce, Strawinsky e Picas¬≠so? Che non avevano niente da dirci, o meglio non volevano dirci niente sopra se stessi e dunque sul loro rapporto con la realt√†, ma moltissimo sull’arte e sul loro rapporto con l’arte. Indifferenti nei riguardi del mondo al quale rifiutavano qualsiasi partecipazione che non fosse mediata dall’arte, questi tre artisti era¬≠no caratterizzati da una genialit√† di specie riflessa, critica, tecnica, contemplativa. Prim’ancora che l’ani¬≠mo del creatore, avevano l’occhio dell’esteta, il fiuto del conoscitore, la mano dell’imitatore. Erano tre geni voraci e versatili che, dopo aver bruciato in pochi anni la carriera dell’artista tradizionale legato alla rappre¬≠sentazione della realt√†, avrebbero saputo oltrepassare il limite un tempo invalicabile dell’esaurimento, spo¬≠stando la loro opera dalla vita alla cultura.

Per mandare ad effetto una simile operazione bisognava avere il coraggio, attraverso uno sperimenta¬≠lismo eretto a sistema, di negare validit√† di ispirazioni al gi√† vissuto e attribuirla invece al gi√† detto. In altri termini di sostituire al mondo il museo. √ą quello che hanno fatto Joyce, Strawinsky e Picasso che, a ben guardare, sono stati i curatori di un immenso inven¬≠tario per fini di appropriazione e di saccheggio.

Del resto era giusto che fosse cos√¨. A partire dai primo conflitto mondiale e dal conseguente crollo dei valori, tutta l’arte del passato, colpita da morte im¬≠provvisa, diventa istantaneamente museo. Ora, il mu¬≠seo a che serve, se non a stabilire dei paragoni impro¬≠babili, degli accostamenti riduttivi, dei cataloghi ca¬≠tastrofici? Con il museo, spunta l’idea della relativit√† degli stili, della pluralit√† delle forme, e della vanit√† dell’espressione. In ultima analisi, l’idea del consumo inteso come trasformazione della creazione in prodot¬≠to. Joyce, Strawinsky e Picasso sono, involontariamen¬≠te, i tre artisti geniali e disinteressati che hanno for¬≠nito al consumo, sinora ignobile e mercenario, le sue carte di nobilt√†, facendolo scaturire non pi√Ļ dalla ri¬≠chiesta del mercato ma dall’esigenza culturale.

Trattando l’arte del passato come un repertorio di stilizzazioni manieristiche, ne hanno reso possibili lo smercio di massa. Ladri di forme, hanno ucciso la vita nelle forme, le hanno ridotte a schemi. Essi han¬≠no probabilmente chiuso per sempre l’era degli artisti che avevano qualche cosa da dirci; hanno iniziato l’era degli artisti che hanno qualche cosa da darci. Giochi di parole a parte, con loro comincia il grande manie¬≠rismo alessandrino di tipo atlantico, basato sulle societ√† consumistiche dell’Europa Occidentale e degli Stati Uniti. Comincia il cimitero-museo-spettacolo-mercato-fiera-esposizione-emporio dell’arte ormai condannata ad essere per sempre contemporanea e d’avan¬≠guardia.

Tralasciando i suoi due compagni dell’avventura novecentesca, che cos’√® che rivela in Pablo Picasso il grande, spietato, geniale manierista? Diremmo sopra tutto la trasformazione della visione del mondo particolareggiata, personale ed oggettiva in mera espres¬≠sione di generica vitalit√†. Prendiamo di nuovo come termine di confronto l’opera di Van Gogh. L’autobio¬≠grafia di Van Gogh √® davanti a noi sulle sue tele, dall‚Äôadolescenza oscura fino all’oscurit√† della pazzia. Questa autobiografia si esprime direttamente e imme¬≠diatamente attraverso le seggiole dal fondo di paglia, i ritratti e autoritratti, i fiori di cardo e i girasoli, i paesaggi con i campi di grano e i filari di cipressi, le camere da letto e i bigliardi, le aiuole e i boschetti del manicomio. Van Gogh non pu√≤ fare a meno di par¬≠larci di se stesso; questa esigenza gli impedisce di pas¬≠sare dall’espressione all‚Äôautoimitazione. D’altra parte lo stile di Van Gogh, pur cos√¨ marcato, non diventa mai maniera: esso √® una deformazione sentimentale, per¬≠versa, ossessiva, maniaca, mai estetizzante, mai contemplativa.

In Picasso, invece, l’autobiografia fa prestissimo a diventare, attraverso lo sperimentalismo, affermazione di vitalit√† e dunque maniera. Il mezzo di cui, incon¬≠sciamente, Picasso si serve per dissolvere la propria visione del mondo in puro vitalismo √® la contemplazio¬≠ne della forma. Picasso sente le forme come prive di qualsiasi significato all’infuori di quello biologico. La contemplazione della pittura di tutti i secoli gli fa ab¬≠bandonare quasi subito l’autobiografia, ossia la storia di se stesso, per l’astorico ‘√©lan vital’. Picasso si accor¬≠ge molto presto che ci√≤ che conta (a posteriori) nell‚Äôopera di un artista non √® quello che ci ha detto ma il suo complessivo tasso di vitalit√†. Ma un conto √® essere vitale senza saperlo; e un altro ricercare prima di tutto e sopra tutto la vitalit√†. Un’operazione simile non pu√≤ infatti non portare all’idea che la forma sia vitale pi√Ļ o meno in quanto √® pi√Ļ o meno stilizzata, ossia pi√Ļ o meno rivelatrice di una non bene precisata ‘forza’.¬† Il che equivale a dire che l’artista √® vitale perch√© √® vitale. Tautologia significativa. Dire infatti che la vita √® la vita vuol dire, in fondo, escludere che la vita possa essere diversa da quella che √®.

La vitalit√† esclude la visione del mondo, perch√© la visione del mondo si forma e si sviluppa a partire dall’abbandono del terreno sicuro della vitalit√†. E chi rimane fedele alla vitalit√† non pu√≤ aspirare a forgiar¬≠si una visione del mondo. Al livello della vitalit√†, non c’√® ancora il mondo degli uomini con le sue conven¬≠zioni e la sua storia; esso √® sottinteso per√≤ nella vita¬≠lit√†, e per questo, a conti fatti, √® inutile parlarne. Chi crede nella vitalit√†, non crede propriamente a nulla pur credendo a tutto. Cio√® a nulla di veramente umano. Crede invece in un dato irriducibile, originario, primitivo e ferino che, curiosamente, porta, in arte, all’eclettismo, al culturalismo e soprattutto al forma¬≠lismo.

Naturalmente, non si allude qui al formalismo cal¬≠ligrafico e decorativo, bens√¨ al culto pluralistico delle forme intese come pure proliferazioni dello slancio vi¬≠tale. Mentre la simbiosi, poniamo, di un Manet con Vel√†squez √® raggiunta attraverso un delicato e mi¬≠sterioso processo di riallacciamento e di assorbimen¬≠to, per Picasso, il quale ha sostituito il culto della vi¬≠talit√† alla visione del mondo, sar√† facile, nella sua lun¬≠ghissima carriera, trarre motivi di ispirazione via via dal Greco, da Lautrec, da Van Gogh, da Degas, da Bonnard, da Gauguin, da C√©zanne, da Puvis de Chavannes, da Goya, da D√ľrer, dai vasi greci, dall’arte negra, da Matisse e da altri pittori suoi contempora¬≠nei, e infine da se stesso. Noncurante di quello che gli artisti hanno voluto dire, egli rapir√† loro le forme di cui avr√† via via bisogno come stimoli e provocazioni all’espressione della propria vitalit√†.

Che c’√® di comune per esempio tra Picasso e l’art n√®gre? Risponderemmo volentieri alla maniera di Hemingway, altro grande ‚Äėvitalista’: the guts. Ossia l’idea di una violenza espressiva sopra tutto biologica, anzi fisiologica, provata e dimostrata dalle vertiginose sti¬≠lizzazioni delle sculture africane. S√¨, all’origine del manierismo moderno non c’√® l’estenuazione dello slancio vitale come nel manierismo postrinascimentale, bens√¨ lo sbrigliamento e scatenamento di quello stesso slancio attraverso il museo dell’arte di tutti i tempi. Nel manierismo tradizionale si esauriva un mo¬≠mento storico dell’arte; in quello di Picasso e degli artisti simili a Picasso, esplode la libert√† forse illusoria del pi√Ļ vasto eclettismo e alessandrinismo di tutti i tempi.

Guardiamo ora al periodo blu e al periodo rosa; cio√® al tempo in cui il culto della vitalit√† si pone an¬≠cora dei limiti, diciamo cos√¨, di contenuto, prima che venga la rivelazione (Le damigelle di Avignone) della vitalit√† come pura riflessione critica fusa con la pura volont√† eversiva. Guardiamo, per esempio, ai quadri del periodo barcellonese, nei quali Picasso descrive con piet√†, solidariet√† e strazio (o almeno crede di far¬≠lo) la povert√†, la fame e la destituzione, in un momen¬≠to in cui lui stesso era povero, affamato e destituito. La prima cosa che si osserva √® lo sforzo continuo nel sottolineare con atteggiamenti affranti, umiliati, ad¬≠dolorati, mortificati, dolenti, avviliti le sofferenze dei miserabili. Ma, curiosamente, queste sofferenze sembrano tutte quante, per Picasso, portare ad un solo ef¬≠fetto: la mancanza di vitalit√†, la devitalizzazione, il venir meno, insomma, dell’ ‘√©lan vital‚Äô. S√¨, le figure sono tutte ritratte in atteggiamenti eloquenti, atteg¬≠giamenti di creature vinte, oppresse, disperate: spalle reclinate, teste piegate, braccia conserte, corpi ran¬≠nicchiati, camminate esitanti, abbracci dolorosi, am¬≠plessi amari e via dicendo. Tutta un’umanit√† affranta, sulla quale si direbbe che Picasso getti uno sguardo impregnato di cristiana piet√†.

Ma non √® cos√¨. Picasso non √® cristiano e non ha piet√†. Quello che gli sta a cuore √® qualche cosa di contradittorio e di lontano in ogni caso dalla parteci¬≠pazione sentimentale: esprimere il minimo di vitalit√† propria della miseria e della fame con il massimo di vitalit√† propria dell’arte. Cos√¨ gli atteggiamenti di queste figure dolenti sono sempre studiati, eleganti, compiaciuti, accarezzati, stilizzati. La devitalizzazione √® sentita come forma plastica, non come disperazione morale. Siamo nel ‘pietismo’, non nella piet√†; nel miserabilismo estetizzante e misticheggiante di certi de¬≠cadenti, non nell’immedesimazione di un Dostoievski.

Del resto, si osservino i volti contriti e dolorosi di questi reietti di Picasso: gli occhi sono vuoti. Quanto dire che Picasso ha affidato l’espressione del dolore non gi√† al volto, sede della psicologia che ne √® il testi¬≠mone sincero e involontario, bens√¨ all’atteggiamento del corpo, che non pu√≤ non avere qualche cosa di stu¬≠diato e di recitato. I personaggi di Picasso, in altri termini, pi√Ļ che essere addolorati, recitano il dolore. Mentre non si pu√≤ fare a meno di rimanere ammirati di fronte alla completezza, maturit√† e sicurezza espres¬≠siva di questo primo Picasso (se Picasso fosse morto o avesse cessato di dipingere nel 1906, sarebbe stato egualmente uno dei grandi pittori rappresentativi del¬≠l’epoca); mentre non si pu√≤ non rimanere affascinati dal mistero della forma picassiana, si deve notare lo stesso che la maestria precoce di Picasso √® strettamente connessa con la sua indifferenza sperimentale e ma¬≠nieristica.

Si prenda d’altra parte il quadro intitolato, in mo¬≠do tipico: La vie, La vita. √ą un quadro, in fondo, re¬≠ligioso; ma della sola religione che Picasso riconosca. La stilizzazione da vetrata di chiesa non deve ingan¬≠narci: la vie √® la vitalit√†, intesa in senso meramente biologico. E infatti la famiglia umana che ci presenta Picasso √® la famiglia biologica, che non √® possibile rap¬≠presentare se non attraverso una stilizzazione simboli¬≠ca e manierata. L’argomento qui √® trattato, in fondo, come nel quadro delle tre et√† della donna del quasi contemporaneo Klimt. A conferma si veda come Pi¬≠casso, sullo sfondo del quadro, abbia messo due quadri raffiguranti due coppie diversamente abbracciate. Perch√© due quadri? Perch√© non siamo nel mondo reale bens√¨ nel mondo dell’arte, cio√® non siamo di fronte ad una visione del mondo, bens√¨ di fronte ad una ricerca della vitalit√† attraverso le forme. Picasso stilizza, sim¬≠bolizza, contempla. Il dolore della vita scompare: ri¬≠mangono le figure del dolore atteggiate elegantemen¬≠te nella loro piet√† di maniera. La famiglia di Picasso non √® la famiglia umana. Strappata dalla storia e re¬≠stituita alla biologia, essa √® anzitutto la famiglia blu.

Gi√†, perch√©, a questo punto, bisogner√† pur dire che significa il colore unico, il blu, il rosa. Perch√© il blu? Perch√© il rosa? Perch√©, insomma, la monocro¬≠mia? Arrischiamo qui un’ipotesi che a molti forse non garber√†: la monocromia √® il passo pi√Ļ importante verso la maniera, cio√® verso l’indifferenza sperimen¬≠tale nei riguardi della ricchezza e complicazione di un’autentica visione del mondo. Monocromia vuol di¬≠re semplificazione, stilizzazione, unificazione. La mo¬≠nocromia sta a indicare un’idea strettamente formale del mondo, addirittura un’idea colorata. Non si trat¬≠ta qui del prevalere graduato e comunque parziale di un colore, come il verde nei quadri del Greco; si tratta dell’immersione del mondo in una sola tonalit√†; della frapposizione, tra gli occhi e il mondo, di un unico occhiale illusorio. In realt√†, il mondo non √® blu: il mondo √® povero, oppresso, affamato, miserabile come Picasso stesso riconosce oggettivamente nei suoi quadri del periodo blu. Ma per l’appunto il blu nega la miseria e la fame nel momento stesso in cui il pittore le presenta. Afferma invece la volont√† di Picasso di met¬≠tere in prima linea se stesso, cio√® la propria generica vitalit√†, fuori d’ogni giudizio e di ogni scelta morale, attraverso un colore totalitario e demiurgico.

L’estetismo, il manierismo, il vitalismo, la stilizzazione di Picasso si rivelano d’altronde nella sua predilezione, in quegli anni, per l’argomento dei saltimban¬≠chi. Il saltimbanco √® una figura di moda durante tutta la seconda met√† dell’Ottocento. Perch√© dunque i saltimbanchi? Diremmo proprio perch√© altri artisti (per tacere dei poeti e in genere dei letterati) li avevano gi√† disegnati e dipinti in passato. Per lo stesso motivo per cui pi√Ļ tardi Picasso rifar√† i tori di Goya, i nudi dei vasi greci, le maschere negre. Non ci sono nel mon¬≠do degli oggetti verso i quali Picasso si senta irresistibilmente, patologicamente attirato come Van Gogh dalle sue seggiole col fondo di paglia e i suoi girasoli e i suoi fiori di cardo; ci√≤ che attira Picasso √® quasi sempre ci√≤ che ha attirato altri prima di lui. O me¬≠glio, gli oggetti non l’attirano affatto in quanto ogget¬≠ti, bens√¨ in quanto forme di oggetti, ossia oggetti gi√† di secondo o di terzo grado.

Cos√¨ i saltimbanchi. Ecco la Famiglia d’acrobati con scimmia; ecco l’Acrobata e giovane equilibrista; ecco l‚ÄôArlecchino seduto; ecco L’attore; ecco il Lapin agile (Autoritratto da Arlecchino al caff√®); ecco I gio¬≠colieri; ecco il Giovanetto nudo a cavallo; ecco il Gio¬≠vane Arlecchino e bambino con cane … Che cosa si nota a prima vista in questi quadri tra i pi√Ļ belli di quel periodo, nei quali, ancora una volta, Picasso cer¬≠ca di esprimere la sua piet√† per i miserabili? Che questi miserabili per Picasso non sono che pretesti per degli elegantissimi e prestigiosi contrappunti. Si pren¬≠da per esempio il quadro dell’Acrobata e giovane equi¬≠librista, quadro emblematico del periodo e senza dub¬≠bio uno dei pi√Ļ affascinanti. Il contrasto tra la graci¬≠lit√† graziosa e miracolosamente equilibrata dell’acro¬≠bata che giunge i piedi sulla palla √® messa a confron¬≠to con le spalle enormi, le gambe massicce dell’atleta seduto su un cubo. Quello che interessa Picasso √® il rapporto tra le due figure, rapporto strano al quale Picasso attribuisce un vago, misterioso significato sim¬≠bolico del tutto ‘particolare’ cio√® lontano da qualsiasi generalit√† sentimentale. √ą un rapporto isolato, auto¬≠nomo, interno al circo, al mondo dei saltimbanchi, al loro tipo di lavoro. Questo rapporto, manco a dirlo, √® un rapporto tra un certo tipo di vitalit√† diciamo cos√¨ aerea dell’acrobata e quella tutta terrena dell’atleta.

Lo sfondo √® un paesaggio pelato, collinoso, nel quale, tra vaghi rilievi ocracei, bruca un cavallo bian¬≠co, forse uno dei cavalli che, poi, bardati e impennac¬≠chiati, gireranno per la pista del circo. La cavallerizza √® forse la donna che tiene un infante in braccio e si accompagna con una bambina dal vestito rosso. Siamo in periferia, dove appunto si accampano i saltim¬≠banchi, ai margini di una campagna desertica, pro¬≠babilmente spagnola. √ą un momento di calma, di eser¬≠cizi, di intimit√†, di contemplazione, di rilasciamento. Ma tutto questo √® allontanato da Picasso, e per cos√¨ dire estraniato a causa della sua attenzione ai rappor¬≠ti, come abbiamo gi√† detto, interni della scena. Rap¬≠porti di volumi, di forze, di attitudini. E il blu del panno sul quale siede l’atleta, insieme col blu del suo slip, richiama il blu pi√Ļ chiaro del corpo dell’acroba¬≠ta, cos√¨ come il nero dello slip dell’acrobata richiama il nero dei capelli dell’atleta.

Picasso ha dipinto, insomma, un quadro sul modo come dipingere un quadro che riguardi il riposo dei saltimbanchi. La dimensione critica del manierista è presente in questo dipinto come in tutti gli altri.

Siamo nel 1905. Manca un anno solo ai primi qua¬≠dri cubisti nei quali Picasso si liberer√† della piet√† an¬≠che come pretesto manieristico e mirer√† unicamente ad esprimere la propria vitalit√†. Picasso √® alla vigilia delle Damigelle di Avignone, cio√® alla vigilia del fran¬≠co riconoscimento che la vitalit√† come solo valore della vita si esprime sopratutto fondendo coscienza critica con istinto eversore. Picasso andr√† fino in fondo al¬≠l’eversione con l’esperimento cubista; quindi, esaurito il cubismo, torner√† al museo. E quindi di nuovo al¬≠l’eversione. E poi di nuovo al museo.

Alternando eversione e museo, Picasso riuscir√† a coprire con il suo genio manieristico e proteiforme tutta la prima met√† del secolo e oltre. Il secolo che passer√† probabilmente alla storia come il secolo della morte dell’arte in presa diretta sulla realt√†. Dell’arte rifatta sull’arte. Dell’arte composta di ritmi, di rap¬≠porti, di iterazioni, di strutture, di armonie, di corri¬≠spondenze e di contrappunti. Dell’arte, insomma, che parla di se stessa e unicamente di se stessa.

 


Letto 138 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart