Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

STORIA: I MAESTRI: L’Autunno della Repubblica

9 Aprile 2011

di Indro Montanelli
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, sabato 25 ottobre 1969]

Il famoso processo del SIFAR fu disgraziato per molti versi. Lo fu anzitutto per il protagonista, Eugenio Scalfari, che si trov√≤ a duellare con un avversario reso intoccabile dal segreto di Sta¬≠to. E lo fu ancora di pi√Ļ per la politica italiana dove Scal¬≠fari dovette imbrancarsi da militante facendosi eleggere deputato e rifugiandosi sotto il mantello dell’immunit√† par¬≠lamentare.

Il rimedio non tard√≤ molto a rivelarsi peggiore del male. Scalfari, che aveva creduto di trovare nella politica uno scampo alla prigione, vi tro¬≠v√≤ un ergastolo. E la politi¬≠ca, che aveva creduto di tro¬≠vare in Scalfari un neofita rispettoso, ossequioso e zelan¬≠te, vi ha trovato invece un agente di disturbo e un ele¬≠mento di confusione, di cui Dio sa se c’era bisogno. E’ ve¬≠ro ch’egli milita in una fami¬≠glia, quella socialista, dove i confusionari non hanno mai fatto scandalo. Ma lui √® riu¬≠scito a farlo perfino l√¨. Pro¬≠testa, scalcia, rovescia i tavoli, scompagina tutti i giuochi rimescolandone le carte, e non si sa mai dove sia: quando lo cercano da Nenni, lo tro¬≠vano da De Martino; quando lo cercano da De Martino, lo trovano da Lombardi; quan¬≠do lo cercano da Lombardi, lo trovano da Giolitti.

*

Molti si domandano cosa vuole, attribuendogli le pi√Ļ svariate ambizioni e cupidi¬≠gie: poltrone governative, pre¬≠sidenze di grandi Enti parastatali, eccetera. Io credo che non voglia nulla, e che tutta la sua inquietudine derivi sol¬≠tanto da uno stato d’insoddi¬≠sfazione. Non soltanto verso il partito in cui s’√® accasato, ma verso tutto il sistema po¬≠litico, il cosiddetto establishment di cui, come deputato, anche lui ora √® corresponsa¬≠bile. E una conferma mi pare che la fornisca il libro che proprio in questi giorni ha pubblicato: L’autunno della Repubblica (Etas Kompass Ed. 210 pagg., L. 2.500).

Si tratta della storia politi¬≠ca del dopoguerra italiano, e particolarmente dell’ultimo decennio. Ma prima di affron¬≠tarla, ho il dovere di mettere in guardia¬† il lettore. Fra Scal¬≠fari e me regna una fraterna inimicizia. La sola cosa, o qua¬≠si, su cui siamo d’accordo √® nel non fingere di esserlo. Lungi dall’attenuare, abbiamo sempre sottolineato i nostri dissensi. Ed √® con un sottin¬≠teso polemico, cio√® con la speranza di trovare ciccia da mordere, che mi son messo a sfogliare questo saggio.

Non m’√® costato un grande sforzo perch√© Scalfari √® uno dei pochissimi scrittori di cose politiche che scrivono chia¬≠ro. Sar√† forse per farsene per¬≠donare da una pubblicistica dove la chiarezza √® conside¬≠rata un vizio pressoch√© infa¬≠mante, che ogni tanto egli cita passi sociologici come questo preso a prestito dallo Habermas: ¬ę Il rapporto fra lo Stato e quanti fruiscono dei suoi servizi non implica pi√Ļ la partecipazione politica, ma solo un generico atteggiamento rivendicativo che attende prestazioni, ma non vuole immischiarsi nelle decisioni¬Ľ cui confesso che la mia debole mente √® impari. Ma di suo non cade mai in questi pacchiani ermetismi. E il panorama ch’egli traccia con penna agile e asciutta balza limpido, vivo e, debbo riconoscerlo, abbastanza convincente perfino per un lettore mal disposto come me.

*

Non mi sogno naturalmen¬≠te di riassumerlo. Mi limito a segnalarne alcune intuizioni che mi sembrano particolar¬≠mente azzeccate e penetranti. Questa, per esempio: che la crisi del potere, in Italia, vie¬≠ne da un rovesciamento delle ¬ę cosiddette forze traenti ¬Ľ. Non prendetemi per un Haber¬≠mas: passo subito alla spie¬≠ga. Fino alla Liberazione, di¬≠ce pressappoco Scalfari, an¬≠zi fino al ’60, lo Stato in Ita¬≠lia era pi√Ļ avanzato e moder¬≠no della societ√†. E’ cos√¨, n√© poteva essere diversamente, visto il modo in cui questo Stato si form√≤. A costruirlo erano state le magre √©lites che avevano fatto, senza nes¬≠sun apporto popolare, il Ri¬≠sorgimento. Per quanto mode¬≠sto, il loro livello era infini¬≠tamente pi√Ļ alto di quello delle masse quasi esclusivamente contadine e in gran parte analfabete. Ecco perch√© i governi che si dettero il cambio da Cavour in poi fu¬≠rono tutti di stampo ¬ę illumi¬≠nistico ¬Ľ come lo erano state certe monarchie del Settecen¬≠to che, per realizzare le loro riforme ammodernatrici, do¬≠vettero imporle alle masse incolte e retrive coi mezzi spicciativi dell’assolutismo.

In Italia, anche dopo l’unit√†, coloro che l’avevano fatta dovettero mantenere l’iniziativa. Era lo Stato, loro esclusi¬≠vo feudo, che dall’alto al basso ¬ęilluminava ¬Ľ una societ√† tuttora immersa nel grande sonno delle campagne, inarticolata e misoneista. Lasciamo stare se questo compito lo assolse bene o male. Sta di fatto che era lo Stato a trascinare la societ√†, non viceversa. E questo spiega il fenomeno tipicamente italiano del ¬ętrasformismo¬Ľ. Nei paesi in cui la democrazia √® penetrata profondamente nelle masse e ne ha provocato la partecipazione alla cosa pubblica, maggioranza e opposizione fanno entrambe parte del ¬ęsistema¬Ľ e vi si scambiano facilmente i ruoli. In Italia, per un secolo, che √® poi l’unico secolo della nostra storia nazionale, non √® stato cos√¨. Il ¬ęsistema¬Ľ era soltanto il piccolo gruppo dominante isolato in mezzo a una societ√† che un po’ se ne teneva, un po’ ne era tenuta ai margini. Via via che da questa societ√† emergeva qual¬≠che piccola nuova forza, il gruppo dominante la coopta¬≠va arruolandola nel ¬ę siste¬≠ma ¬Ľ che per√≤ non per que¬≠sto mutava la sua fisionomia di castello senza ponte leva¬≠toio. Era una pura operazio¬≠ne di vertice, come oggi si dice. Stato e societ√† restava¬≠no lontani ed estranei l’uno all’altra.

A questa situazione non pose fine nemmeno la Resi¬≠stenza, checch√© ne dicano i suoi agiografi perch√© anche la Resistenza ‚ÄĒ nota Scalfa¬≠ri, e io sono perfettamente d’accordo con lui ‚ÄĒ fu un fatto di minoranze: anche se la quasi totalit√† della popo¬≠lazione la second√≤, a darle i quadri fu la solita borghesia intellettuale e qualche fran¬≠gia di proletariato urbano: nulla di comparabile al gran¬≠de fenomeno collettivo della Jugoslavia, dell’Olanda, della Norvegia.

Quella che veramente ha rimescolato le carte del giuo¬≠co √® stata la rivoluzione indu¬≠striale del dopoguerra con lo spopolamento delle campagne e le grandi migrazioni inter¬≠ne. Questa societ√† in movi¬≠mento scavalc√≤ tutto, scavalc√≤ anche lo Stato strappandogli l’iniziativa e prendendolo a rimorchio invece di lasciarse¬≠ne rimorchiare come sin allo¬≠ra aveva fatto. Il giuoco delle ¬ę forze traenti ¬Ľ si era rove¬≠sciato.

*

L’attuale crisi del centro¬≠sinistra sarebbe, secondo Scal¬≠fari, una conseguenza di que¬≠sto fenomeno. La debolezza, anzi l’infondatezza dell’opera¬≠zione sta nel fatto che demo¬≠cristiani e socialisti l’hanno compiuta con la solita tecnica ¬ę trasformistica ¬Ľ, cio√® limi¬≠tata ai vertici, che non corri¬≠sponde pi√Ļ alla situazione rea¬≠le di una societ√† non solo entrata nel giuoco democra¬≠tico, ma entrataci da protagonista. Il ¬ę sistema ¬Ľ, come al solito, si √® limitato a coop¬≠tare i gruppi dirigenti escludendo le masse proprio nel momento in cui queste, rag¬≠giunta la maturit√†, assumevano l’iniziativa del progresso. E naturalmente il tentativo √® fallito perch√© il problema ormai non √® pi√Ļ quello di raf¬≠forzare il sistema con opera¬≠zioni trasformistiche, ma d’i¬≠staurarne un altro.
Quale? Qui √® il punto. Sul¬≠la diagnosi, bisogna dare atto a Scalfari di un occhio clini¬≠co acuto e preciso. Sulle con¬≠clusioni, avanziamo le nostre riserve. Anzitutto, questo fa¬≠moso e esecrato ¬ę sistema ¬Ľ deve ancora fare i conti con delle masse che seguitano osti¬≠natamente a isolarsene e a isolarlo: gli otto milioni di votanti comunisti. Scalfari di¬≠r√† ch’essi lo rifiutano perch√© √® com’√®. Ma anche quello lo¬≠ro √® com’√®: molto pi√Ļ isolato, molto pi√Ļ castello senza pon¬≠te levatoio di quello nostro. Ridotto in tali asfittiche con¬≠dizioni, cos’altro pu√≤ fare il sistema, se non il solito tra¬≠sformismo?

Secondo. Scalfari vede un segno di maturit√† nel fatto che la societ√† si √® messa in movimento e tripudia alla sua inversione di ruoli con lo Stato, considerandola del tut¬≠to positiva. Ora, che il movi¬≠mento sia sinonimo di ma¬≠turit√† resta da dimostrare. Quanto al fatto che la socie¬≠t√† sia oggi pi√Ļ avanzata dello Stato, ammesso che sia vero, ci fa piacere soltanto a mez¬≠zo: cio√® per l’avanzamento della societ√†, non per l’ar¬≠retramento dello Stato che avremmo preferito veder avan¬≠zare di pari passo.

Ma qui, pi√Ļ che il fattore ideologico, entra in ballo quel¬≠lo caratteriologico. Una volta, in un manicomio, vidi un paz¬≠zo che, avendo la mania del treno, si scoteva tutto come se ci viaggiasse sopra, bavando e urlando. Si calmava solo quando gli facevano sfi¬≠lare davanti agli occhi delle diapositive di paesaggio che gli davano l’illusione di attraversarlo. Non era Scalfari. Ma anche lui ha, per il movimento, una passione, direi, galileiana. Tutto ci√≤ che si muove, anche le valanghe, anche le lavine, lo riempie di esultanza. Il suo sogno sareb¬≠be che l’Italia diventasse tut¬≠to un ballonzolio con dentro cinquantatr√© milioni di Scal¬≠fari rullanti, beccheggianti, protestanti e scalcianti.

Ma questo non √® un sogno. E’ un incubo.


Letto 2143 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Comment di Carlo Capone — 9 Aprile 2011 @ 09:34

    Grande Montanelli. Grazie Bart

  2. Comment di Bartolomeo Di Monaco — 9 Aprile 2011 @ 10:12

    Ce ne saranno altri, di Montanelli, Carlo. Nei prossimi mesi (anni?) mi dedicher√≤ esclusivamente alle ricerche nel mio archivio. Ho concluso con tutto il resto. Il volume che sta per uscire dei saggi, sar√† l’ultimo.
    Nel mio archivio ho conservato articoli e riviste degli anni ’69 e 70, gli anni di molti cambiamenti. Articoli che, forse, pochi conoscono.

  3. Comment di Jacopo — 18 Aprile 2011 @ 17:14

    Gran articolo. La chiarezza espositiva, la chiusa finale. Montanelli lo si riconosce lontano un miglio. Sono capitato qui per caso e la mia permanenza sarà direttamente proporzionale alla presenza di altri articoli del Sign. Montanelli! :)

  4. Comment di Bartolomeo Di Monaco — 18 Aprile 2011 @ 19:00

    Ne ho degli altri, di Montanelli, ma ci sono altri grandi autori, che hanno il diritto di essere conosciuti dai giovani.

    In questi giorni sto rileggendo alcuni articoli di Giorgio Vigolo, grande musicologo, e grande osservatore del nostro tempo. Penna eccellente.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart