Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

STORIA: I MAESTRI: Quale PCI?

10 giugno 2011

di Arrigo Benedetti
[dal Corriere della Sera‚ÄĚ, gioved√¨ 18 settembre 1969]

La nostra cultura e quindi¬† anche il nostro giornalismo si avvantaggiano d’una umanit√† di confine che, oltre l’italia¬≠no, ha magari quale linguag¬≠gio familiare il croato, lo slo¬≠veno, il tedesco e natural¬≠mente, saltando a ponente nel¬≠le valli alpine, il francese. Tanti nomi, fin dal Risorgi¬≠mento, testimoniano l’utilit√† derivatane. Nel secolo scorso, Niccol√≤ Tommaseo, nato a Sebenico. In questo, Carlo Michelstaedter (Gorizia) Ita¬≠lo Svevo, i fratelli Carlo e Giani Stuparich, tutti triesti¬≠ni d’origine tedesca o slava.

La Val d’Aosta ci ha dato Federico Chabod, Alessandro Passerin d’Entr√®ves, due storici. Ieri Piero Jahier e Gio¬≠vanni Boine, oggi Italo Cal¬≠vino non risentono del confi¬≠ne francese, come Umberto Saba e P.A. Quarantotti Gam- bini di quello orientale?

I legami familiari con una certa Europa ci hanno per¬≠messo d’assimilare, qualche volta senza dilettantismo ec¬≠cessivo, molti motivi: Kafka e Freud, oppure un roman¬≠ziere, Robert Musil; o un mu¬≠sicista, Gustav Mahler, quasi riaccostandoci a un mondo che ci fu vicino prima del¬≠l’unit√† nazionale. A Trieste, quando aveva un retroterra, appena andavano a abitare in citt√†, gli allogeni comin¬≠ciavano a sentirsi italiani. L’urbanesimo dava ai croati e agli sloveni una lingua let¬≠teraria. Successe, dopo il ’30, a uno scrittore vivente e di¬≠menticato, il fiumano Enrico Morovich; ora, il caso si ri¬≠pete con Fulvio Tomizza ed Enzo Bettiza.

Bettiza, che i lettori del ¬ę Corriere ¬Ľ conoscono, e del quale il 7 settembre, quelli di palato fine hanno sentito l’e¬≠leganza d’una corrispondenza da Macao, citt√† fatiscente, da capire di l√† dagli schemi ideo¬≠logici ‚ÄĒ a disposizione, or¬≠mai, di chiunque ‚ÄĒ dopo es¬≠sere stato fra i nostri buoni giovanissimi narratori del do¬≠poguerra, d√† il suo contribu¬≠to alla nostra cultura, filtrata al solito dai giornali, per for¬≠tuna nostra e di tutti, come esperto non solo di temi sla¬≠vi, o comunque dell’Europa orientale, ma addirittura del comunismo, e in specie di quello italiano. Egli ‚ÄĒ lo si vede nel suo recentissimo Quale PCI?, Longanesi, Mi¬≠lano, nella collana ¬ę Studio ¬Ľ da lui diretta ‚ÄĒ viaggia at¬≠traverso i continenti; per√≤, atto rilevante in uno che po¬≠trebbe considerarsi italiano naturalizzato, misura sempre le realt√† lontane con l’altra vicina, quasi fosse nato e vis¬≠suto sempre a Milano, a Firenze o a Roma. E’ curioso: due dei maggiori giornalisti che abbiamo in Italia, Ugo Stille, e, appunto, Bettiza, so¬≠no nostri compatrioti per li¬≠bera scelta, idealmente. Stille, nato a Mosca, venuto a sta¬≠re a Roma in fasce, √® oggi un romano di Nuova York. Maga¬≠ri non lo far√† mai, per√≤ so¬≠gna di tornare a stare, tra piazza Barberini e via del Tritone, non lontano da piazza di Trevi, dove visse.

Bettiza √® dalmata. Appar¬≠tiene a una di quelle fami¬≠glie che, smembratosi nel ’18 l’impero austroungarico, ebbe¬≠ro la scelta della cittadinanza: tra la serbo-croata-slove¬≠na, l’italiana, l’austriaca e l’ungherese. Perch√© i Bettiza preferirono il passaporto ita¬≠liano? Non perch√© noi allora eravamo i vincitori. Nemmeno per avere misurato la percen¬≠tuale di sangue latino scor¬≠rente nelle loro vene. Si de¬≠cisero, pur seguitando a re¬≠stare in Jugoslavia, con pe¬≠riodi a Padova, a Pavia o a Vienna per gli studi, perch√©,¬† senza indulgere alla retorica sulle tracce del Leone di San Marco in Illiria, erano con¬≠vinti d’essere dei veneziani.

Bisogna seguirli, gli scrit¬≠tori di confine. Allargano il nostro interesse, d√†nno aria. Sar√† stato un caso, ma pro¬≠prio Firenze, appena finita la prima guerra mondiale, si ri¬≠trov√≤ inaridita dopo la stagio¬≠ne dell’Unit√† di Gaetano Sal¬≠vemini, della Voce di Giusep¬≠pe Prezzolini e di Giuseppe de Robertis; e Lacerba, nido di poeti, fu, con Solaria, un tramite fra l’Italia e i lette¬≠rati di confine, pronubo Eu¬≠genio Montale.

*

Bettiza, troppo giovane per avere avuto esperienza del cosmopolitismo fiorentino, che non risente solo dei paesi an¬≠glosassoni, appartiene a sif¬≠fatta famiglia, e lo s’avverte nella sua letteratura e nel suo giornalismo. Il levante l’attrae; ma egli lo sottopone a un’analisi cos√¨ scrupolosa da reprimere gli abbellimenti della fantasia.

Il comunismo, le crisi in corso nei paesi comunisti, dove il marxismo a intermittenza s’articola in interpretazioni che magari equivalgono a negazioni o almeno a radicali correzioni, sono ormai la sua specialit√†. Pare quasi che egli, dal di fuori, riviva i drammi personali seguiti alla scomparsa di Togliatti. Affezionato com‚Äô√® al suo stile analitico, talvolta, nel descriverceli, rivela la mano del narratore. Si guardi al ritratto che, d’articolo in articolo, tratteggia di colui che ormai pare di sicuro il delfino del leader morto a Yalta, dopo l’interregno di Luigi Longo. Lo schivo En¬≠rico Berlinguer √® diventato un personaggio: uno di quei cittadini dell’antico regno sar¬≠do che con puntualit√† stupe¬≠facente, emergono nel parti¬≠to comunista.

Sullo sfondo, magari con un brusco salto, gli sconquassi e le tragedie degli al¬≠tri partiti comunisti. I loro bizantinismi. A est, soprattut¬≠to: la Romania, la Jugoslavia, l’Ungheria, la Polonia, la Ger¬≠mania orientale, e infine la Cecoslovacchia, dimostrazione dell’immobilismo in cui √® fi¬≠nito il marxismo-leninismo. A ovest, Bettiza s’appassiona ai casi del comunismo francese, cos√¨ tardo e opaco. Del PCF scrive: ¬ę Per tanti francesi ¬Ľ sarebbe un sollievo ¬ę l’auda¬≠cia intellettuale di Longo e di Berlinguer ¬Ľ. Gli italiani a Parigi avrebbero le carte in regola per essere ammessi al governo. Per√≤, Bettiza aggiun¬≠ge subito: ¬ę Proprio nella mi¬≠sura in cui i comunisti italia¬≠ni s’avvicinano alle porte del potere, l’ottica dei non comu¬≠nisti deve farsi pi√Ļ rigida e penetrante ¬Ľ. E pare alludere a tanti. Non solo ai critici seri del nostro marxismo ma anche a coloro che seguitan¬≠do a votare democristiano o socialista vagheggiano bloc¬≠chi unitari.

Bettiza, con un’attenzione che appunto non √® mai in¬≠dulgenza, osserva Berlinguer da molte prospettive: lo vede opporsi a Mosca, durante la conferenza dei settantacinque partiti al tentativo di Breznev di scomunicare la Cina, lo coglie mentre critica il con¬≠cetto di sovranit√† limitata elaborato dall’URSS per conser¬≠vare l’egemonia sui paesi co¬≠munisti. Ma, sempre, sottoli¬≠nea le ambiguit√† del perso¬≠naggio, volutamente opaco, le quali irritano non tanto i non comunisti seri ma, nel segre¬≠to della loro coscienza, gli stessi compagni di partito, che, dopo l’intervento sovietico in Cecoslovacchia, avevano cre¬≠duto possibile un rapido svi¬≠luppo del nuovo corso, fino all’affermazione, da parte del maggior partito comunista del mondo occidentale, d’una au¬≠tentica autonomia. Invece, Berlinguer rimane ambiguo non meno di Longo. Nei fatti, si tocca il limite che un partito ha creato a se stesso, dal 1945 in poi, permeando di propaganda stalinista i suoi iscritti, i quali ora, con la lo¬≠ro indifferenza verso la sor¬≠te di Dubcek e dei suoi com¬≠pagni di sventura, condizio¬≠nano negativamente un organismo in cerca di respiro.

*

In Bettiza, motivi di politica interna ed estera s’amalgamano. Molto originale √® l’analisi della tiepidezza atlantica dei francesi: dagli scrittori di Le Monde, a De Gaulle, a Pompidou, e allo scarso spirito d’opposizione del PCF interessato, in questa fase non alle riforme interne ma a sostenere la diplomazia sovietica. L’infedelt√† a Mosca, perfino i piccoli torti che si permettono i comunisti italiani, nuocerebbero alla Quinta repubblica a cui s’√® grati d’avere negato alla Nato il diritto a mantenere certe basi nel paese. E questo basta (non si chiede l’uscita della Francia dalla Nato, e neanche la sua dissoluzione giacch√© metterebbe in crisi il patto di Varsavia) a giustificare l’astensione dal voto nel ballottaggio per eleggere il nuovo presidente della repubblica, alcuni mesi fa. Meglio, dunque, per i comunisti francesi, d’un cattolico davvero progressista e occidentale, professore-banchiere e amabilmente mondano.

Per√≤, le differenze fra PCI e il PCF, osserva Bettiza, non vanno esagerate. Bisogna stare attenti; se no, e lo dovrebbero riconoscere proprio gli intellettuali marxisti cos√¨ pronti ad accontentarsi di poco, ¬ę la condanna dei fatti di Praga diventa, alla lunga, astratta e metafisica come la condanna dell’imperialismo ¬Ľ.

E’ vero. I comunisti italiani scivolano nelle genericit√†; le stesse che bastano ad illudere alcuni socialisti o a fargli perdere la calma, per esempio, quando credono d’essere aggirati a sinistra dai democristiani o dalle Acli. E l’astrattezza denunciata da Bettiza non alimenta certe nostalgie frontiste che, prima di Praga e della conseguente cauta condanna da parte del PCI sembravano impossibili? E le alimenta si badi, a buon mercato, n√© potrebbe darsi altrimenti. Non vi sar√† infatti una seria revisione a sinistra finch√© la base non sar√† raffinata, attraverso un dibattito coraggioso e senza pregiudizi, depurandola dal suo stalinismo e dalle sue attese messianiche.

Questi i principali motivi dell’analisi di Bettiza. Egli –¬† dato da non trascurare – non piglia in prestito il linguaggio dei sociologi; ha a disposizione un linguaggio originale: come si sente dalla sua prosa solo ogni tanto emotiva, viene dalla buona letteratura.


Letto 1286 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart