Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

STORIA: I MAESTRI: Vittorio Emanuele III

29 gennaio 2011

di Indro Montanelli
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, 9 novembre 1969]

Dopodomani 11 novembre scade il centenario della na¬≠scita di Vittorio Emanuele III. E quando si entra nel clima dei centenari, vuol dire che si esce da quello delle polemi¬≠che. Credo che ormai si pos¬≠sa cominciare a parlar di lui senza rimpianti, ma anche senza furore. Nonostante l’esi¬≠guo margine di maggioranza che decise le sorti della mo¬≠narchia, quello istituzionale cess√≤ di essere un problema il giorno stesso del plebiscito. I nostalgici che presero il lutto non hanno avuto eredi. Si dice che Umberto, parten¬≠do per Lisbona, mormorasse: ¬Ľ I Re sono come i sogni: o si ricordano subito, o non si ricordano pi√Ļ ¬Ľ. Gl’italiani non li ricordano pi√Ļ.

Fra le immagini che di Vit¬≠torio Emanuele ci sono rima¬≠ste nella memoria, ce ne sono per tutti i gusti. Quella del giovane principe che a bordo del p√†nfilo Yela nei mari di Grecia sbianca, ma non trasale, alla notizia della morte del padre. Quella del buon pap√† che nel parco di San Rossore conduce a spasso in barroccino la moglie e i figli. Quella del ¬ęprimo fante d’Ita¬≠lia¬Ľ che divide il rancio coi soldati in una trincea del Car¬≠so. Quella del Comandante supremo che all’indomani di Caporetto assume con digni¬≠tosa fermezza tutte le responsabilit√† di fronte ai plenipo¬≠tenziari alleati. Quella del Re che ringrazia Mussolini di avergli portato ¬ę l’Italia di Vittorio Veneto ¬Ľ. Quella del¬≠l’Imperatore che sembra viep¬≠pi√Ļ rimpicciolito sotto le in¬≠segne del suo nuovo e pi√Ļ al¬≠to rango. Quella del Sovrano che dopo la notte del Gran Consiglio congeda affettuosa¬≠mente il duce sulla soglia di Villa Savoia scambiando una complice occhiata coi carabi¬≠nieri che lo aspettano al can¬≠cello. Quella del fuggiasco di Pescara rannicchiato in fon¬≠do all’automobile per non far¬≠si riconoscere dai tedeschi in reflusso su Roma dopo l‚Äôarmistizio. Quella dell‚Äôesiliato che si spegne, distrutto dalla marezza, nella villetta di Alessandria d’Egitto. Queste immagini sono tutte vere. Ma a sceglierne una, quale che sia, si commette un falso.¬†¬†¬†¬†¬†¬†

*

Era un personaggio plesso, che non si presta a giudizi sommari. Dicono che sul suo carattere influirono in ma¬≠niera determinante la miseria fisica e la mancanza di affetti. Ma n√© l’una n√© l’altra costi¬≠tuivano eccezione nella sua fa¬≠miglia. Gli scarti di leva in casa Savoia non si contano. Lo stesso Emanuele Filiberto, che passa per il loro pi√Ļ pit¬≠toresco e atletico campione, divent√≤ tale solo grazie al bu¬≠lino degli scultori e al pen¬≠nello dei pittori. A parte qual¬≠che eccezione come Vittorio Emanuele II, i Savoia sono stati una dinastia di visipallidi, spesso stortignaccoli e gozzuti. E di affetti ne hanno sempre dati e ricevuti pochi. Insieme alla taccagneria, la diffidenza era la regola anche nei rapporti con le moglie e i figli. Margherita √® la donna di Casa Savoia che ¬†abbia avuto un volto, e i Prin¬≠cipi ne acquistavano¬†uno solo quando salivano sul trono.

¬ę Si regna uno alla volta ¬Ľ di¬≠ceva Vittorio Emanuele a chi Gli consigliava d’iniziare Umberto ai compiti di Re, affi¬≠dandogli qualche responsabi¬≠lit√†.

In lui questi caratteri avevano trovato una caricaturale sublimazione. La freddezza con cui trattava il figlio era quella con cui suo padre ave¬≠va trattato lui, ma forse con qualcosa in pi√Ļ: una specie di astio per la sua prestanza fisica. Se lo disprezzasse veramente, non lo so. Ma si spazientiva quando qualcuno gli parlava della popolarit√† di cui ¬ę il principino ¬Ľ godeva, e la bazza gli tremava co¬≠me sempre nei momenti di collera. ¬ęGi√†, lui √® bello¬Ľ mormorava.

L‚Äôunica cosa in cui diraz¬≠zava dai suoi avi era la fedelt√† coniugale. A parte qual¬≠che eccezione come Carlo Al- berto, in fatto di amanti i Savoia erano sempre stati corrivi e di bocca buona. Pi√Ļ che belle e brillanti, le vole¬≠vano docili e che costassero poco, ma le volevano. Vitto¬≠rio Emanuele non fece mai un torto a sua moglie, e su di lei rivers√≤ quel po’ di calore umano di cui era capace. Il suo primo gesto di Re fu il licenziamento in tronco della marchesa Litta, favorita di suo padre, e di tutte le altre dame che affollavano la Cor¬≠te. Con lui il Quirinale di¬≠vent√≤ un quaresimale, molto pi√Ļ severo (ci voleva poco, del resto) di quando ci sta¬≠vano i Papi.

Teneva spasmodicamente al¬≠l’etichetta perch√© gli serviva da isolante. Nemmeno il suo aiutante di campo, Puntoni, ha saputo darci nel suo ¬ę Dia¬≠rio ¬Ľ l’immagine di un Vitto¬≠rio Emanuele confidenziale. Era sempre sulle sue, guar¬≠dingo e puntigliosamente at¬≠taccato alle forme e alle pre¬≠cedenze. Dicono ‚ÄĒ e ci cre¬≠do ‚ÄĒ che l’unico scatto di rabbia contro il duce lo ebbe quando questi invent√≤, per lui e per s√©, il grado di Primo Maresciallo dell’Impero. Di tanti pi√Ļ sostanziosi affronti che aveva subito dal regime, questo di trovarsi appaiato nel¬≠la gerarchia militare a un ex¬≠caporale gli parve insoppor¬≠tabile. E i plenipotenziari al¬≠leati ch’ebbero a che fare con lui al tempo di Brindisi e di Napoli hanno lasciato curiose testimonianze sul cerimoniale di cui egli imponeva l’osser¬≠vanza pur in quel po’ po’ di bancarotta. Perfino agli ame¬≠ricani (figuriamoci!) non si stancava di ricordare che lui rappresentava ¬ę la pi√Ļ vecchia casa regnante d’Europa ¬Ľ.

Di questa casa aveva un concetto altissimo e quasi re¬≠ligioso. Come pochi, ne co¬≠nosceva le vicende, e gli unici uomini di cultura per i quali mostrava un certo apprezza¬≠mento erano gli specialisti della storia dei Savoia. Fece Conte il padre di Carlo Sfor¬≠za perch√© aveva riordinato gli archivi di famiglia. Di tutto il resto ‚ÄĒ arte, letteratura, poesia, teatro ‚ÄĒ s’infischiava, verso gl’intellettuali ostentava un misto di disprezzo e di diffidenza, e non ne avvicin√≤ mai nessuno che in occasio¬≠ne di qualche cerimonia. Ma¬≠ria Jos√® mi raccont√≤ che un giorno, avendogli chiesto che genere di musica preferiva, egli rispose: ¬ę Io di musiche ne conosco due sole: la Mar¬≠cia Reale e la non-Marcia Reale ¬Ľ. Verdi, Wagner e Bach, per lui, erano non-Marcia Reale.

Questo orgoglio dinastico e lo spregio per tutto ci√≤ che non vi era direttamente con¬≠nesso, credo che siano stati fra le sue pi√Ļ gravi limitazio¬≠ni anche in politica. Vittorio Emanuele non si sentiva Re d’Italia. Si sentiva Re di un Piemonte ch’era riuscito ad annettersi l’Italia seguendo la direttiva di Vittorio Amedeo, per il quale la penisola era ¬ę un carciofo da mangiarsi fo¬≠glia a foglia ¬Ľ. L‚Äôunico momento in cui mostr√≤ un po‚Äô di gratitudine a Giolitti – che non amava – fu quando questi gli port√≤ su¬† un vassoio d‚Äôargento la Libia. Che fossero sabbie, non importava. Era comunque un Regno di cui i Savoia arricchivano il loro serto. Ma quando Giolitti si dichiar√≤¬† contro l‚Äôintervento nella prima guerra mondiale, il Re si mise a trescare con Sonnino e Salandra. Voleva la guerra quasi quanto D‚ÄôAnnunzio, perch√© da buon Savoia ci vedeva l‚Äôoccasione di arraffare qualche altra foglia di carciofo.

*

Negli italiani non aveva nessuna fiducia. Ad eccezione dei piemontesi, li considerava pessimi soldati, cattivi cittadini, sudditi infidi, gente insomma da tenere sotto sorveglianza. E fu questo il vero motivo per cui non volle firmare lo stato d‚Äôassedio al momento della marcia su Roma.¬† La classe politica con le sue divisioni e rivalit√† e lotte di potere, non pi√Ļ nobili e non meno dissennate di quelle d‚Äôoggi, gliene forn√¨ i pi√Ļ ampi pretesti. Ma sotto la sua resa alle squadre fasciste c‚Äôera soprattutto la profonda sfiducia nella democrazia in generale e in quella italiana in particolare. Forse suo padre o suo nonno, in una simile emergenza,¬† avrebbero preferito ricorrere a uno di quei generali piemontesi che i Savoia si sono sempre tenuti di riserva per far fronte agli imprevisti. E su questo contava Badoglio quando chiese un reggimento di granatieri per disperdere ¬ę quella banda di straccioni ¬Ľ. Il Re rifiut√≤ non per scrupolo costituzionale, ma perch√© quella che voleva realmente disperdere non era la banda di straccioni ma la banda del Parlamento.

Durante il ventennio, i fe¬≠deli della monarchia ostili al regime dicevano che il Re su¬≠biva Mussolini senz’amarlo e che non vedeva l’ora di levar¬≠selo dai piedi. Forse fu cos√¨ in qualche occasione come quando, all’indomani del Con¬≠cordato, il duce lo costrinse a rendere visita al Papa. In Casa Savoia c’erano sempre stati due filoni: quello bigot¬≠to, e quello anticlericale. Vit¬≠torio Emanuele apparteneva al secondo. Se fosse veramen¬≠te massone, come si √® mormorato, non so. Ma ateo era di sicuro. Negava Dio con la stessa convinzione con cui si considerava Re per grazia di Dio pi√Ļ che per volont√† della Nazione, odiava i preti, e del Concordato avrebbe fatto volentieri a meno.

Ma il fascismo gli garbava, e pi√Ļ ancora gli garbava il suo capo. Non fu soltanto per correttezza costituzionale che si rifiut√≤ di rendere visita a Giolitti morente, come suo nonno aveva fatto con Ca¬≠vour, e suo padre con Lanza, Cairoli e Depretis. Tutti co¬≠loro che avanzavano critiche al regime ricevevano da lui ri¬≠sposte taglienti e venivano garbatamente messi alla porta. Dopo la famosa notte del Gran Consiglio, Mussolini aveva buoni motivi di crede¬≠re che il Re ne avrebbe re¬≠spinto l’ordine del giorno. Il rapporto che legava Vittorio Emanuele al duce era complesso. Di amicizia non si po¬≠teva parlare perch√© il Re non conosceva questo sentimento, che del resto non √® da Re. Ma, sia pure corretta da un sottofondo di diffidenza e di invidia, Vittorio Emanuele nutriva una sincera ammira¬≠zione per l’apparente sicurez¬≠za di quel domatore di folle, per il suo fiuto politico, per l’ordine da caserma che aveva instaurato in Italia. Ma molto vi contribuiva anche la pi√Ļ totale sfiducia negli uomini dell’antifascismo. Li chiamava ¬ę i revenants ¬Ľ, i fantasmi; mentre di Mussolini diceva: ¬ę Ha una testa grande cos√¨ ¬Ľ. Il duce non calcol√≤ che Vitto¬≠rio Emanuele era pur sempre un Re, e Savoia per giunta: ben deciso a pagare gli sbagli propri di tasca altrui.

*

La disfatta della monarchia non fu la disfatta militare, ma il modo con cui l’affront√≤. Malgrado tutto, dubitiamo che le sorti dell’istituto si fossero giuocate la notte del 25 lu¬≠glio. L’8 settembre forse il Re avrebbe potuto ancora riscat¬≠tarle con un gesto: restando a Roma, assumendo il coman¬≠do, sia pure platonico, delle truppe, e offrendo la propria persona alla rabbia dei tede¬≠schi. Non avrebbe salvato nul¬≠la, d’accordo. Nulla, meno che il proprio onore e quello del la Nazione. Ma i Re ci sono appunto per questo: √® l’unico servizio che ormai possono rendere, il solo che pu√≤ an¬≠cora giustificare la loro so¬≠pravvivenza.

Qualcuno dice che fu la co¬≠dardia a impedirglielo, ma non lo credo: Vittorio Emanuele non era un codardo. A impe¬≠dirglielo fu il cinismo. Non credeva nei bei gesti perch√© ad essi era egli stesso insensibile, non ci vedeva che re¬≠torica e melodramma. Fu que¬≠sta aridit√† di cuore, questo disprezzo del sentimento po¬≠polare (che lui chiamava sentimentalismo ¬Ľ), fu que¬≠sta mancanza di slancio e di fantasia, che lo persero. E nella scenata al figlio che, avendo capito, gli chiedeva di restare, non c‚Äôera amor paterno, ma solo la paura meschina di essere scavalcato da lui.

Eppure, quest’uomo sgrade¬≠vole, gretto e privo di calore umano suscita in noi pi√Ļ com¬≠passione che riprovazione. I propri errori e difetti li ha pagati fino all’ultimo centesi¬≠mo. Il gelo che infondeva ne¬≠gli altri, lo provava egli stes¬≠so, e per tutta la vita vi rima¬≠se immerso. Nonostante gli sforzi dell’iconografia ufficia¬≠le per accreditarlo come un buon padre di famiglia, un Re borghese di stampo vitto¬≠riano, non riusc√¨ mai a diven¬≠tar popolare come lo erano stati suo nonno e suo padre, sebbene molto meno intelli¬≠genti, colti e rigorosi di lui. E’ stato uno degli uomini pi√Ļ soli e pi√Ļ infelici del mondo: un personaggio patetico, vit¬≠tima pi√Ļ di se stesso che degli eventi, un Re che aven¬≠do tutto sacrificato al suo mestiere di Re ‚ÄĒ piaceri e affetti ‚ÄĒ non seppe tro¬≠vare un gesto, un atteggia¬≠mento, una parola da Re nemmeno nella tragedia e, dopo averlo amministrato con tanto zelo e taccagneria, ha liquidato il grande patrimonio morale dei Savoia senza la¬≠sciarne nel popolo italiano neanche il rimpianto.


Letto 1576 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Comment by Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA MANCA di VILLAHERMOSA — 30 aprile 2013 @ 17:35

    Non mi pare che l’autore sia Indro Montanelli.¬† Era troppo monarchico, per scrivere un articolo del genere.¬† Ne ho letti altri, che erano esattamente il contrario.

    Mario Salvatore Manca di Villahermosa

  2. Comment by Bartolomeo Di Monaco — 30 aprile 2013 @ 19:58

    Confermo l’articolo, a pag 3, a sinistra.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart