Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

VARIE: In braccio a Santa Bianca e Sant’Emilia

19 gennaio 2014

di Nicola Dal Falco

Sono talmente legato a questo posto, minacciato dalle fauci di una cava e dalla nuvola di polvere che lo avvolgerebbe, che quando lo penso non so più se ho in mente il paesaggio o le foto scattate da Claudio.

Lo dico, perché la bravura del fotografo, trasformatosi in contadino e distillatore di oli essenziali, la sua τέχνη, coincide con tanta, fragile bellezza così come il podere di Santa Bianca, quello di Sant’Emilia e quelli vicini corrispondono ad un’immagine bella della campagna. Né falsa né banale.

Non gli sto facendo dei complimenti a buon mercato e un po’ pelosi vista l’emergenza, sto solo dicendo che in questo caso, per queste case, per queste persone e per questo spicchio di paesaggio italiano, etica ed estetica non sono cugine, ma sorelle.

Ciò che si è dipende da ciò che si fa e ciò che si fa sarà, volenti o nolenti, ciò che rimane.

Non basta più contemplare oggi per, poi, domani voltarsi dall’altra parte.

Se queste colline che separano a ondate Pomarance e Volterra, lambite dal fiume Cecina che ha ancora un letto in cui scorrere, un letto che meriti l’intimità di questo nome, sono rimaste un balsamo per gli occhi e una piccola, sudata fonte di ricchezza e di autostima per chi le coltiva, la ragione principale sta nel garbo.

Parola toscanissima, il garbo. Parola che deriva anche dal francese gabarit = modello, forma, curvatura di una nave.

A me pare che il franco-toscano garbo abbia molto a che fare con la cura dell’orto, la cura del bosco, la cura dell’architettura, la cura della bellezza, la cura dei sentimenti, la cura dell’acqua, della terra… insomma la cura del presente.

Per questo, vale la pena ed è un onore firmare, evitando che a Pomarance si apra una cava in mezzo alla bellezza, in faccia al sudore di chi è riuscito fin qui a conservarla.

Le Signore del tempo
http://www.youtube.com/watch?v=Vqk73ePjo4E

Ey de Net e Dolasíla
http://www.youtube.com/watch?v=Mv15WziB3sA

Qui link alla petizione

 

 


Letto 1479 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart