Libri, leggende, informazioni sulla cittĂ  di LuccaBenvenutoWelcome
 
I miei libriRivista d'arte Parliamone

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download VIVERE CON L'ACUFENE.

VARIE: LUCCA 30 settembre: Un pietoso consiglio comunale

1 ottobre 2014

Vedete che ore sono? Le due di notte. Circa un’ora fa mi trovavo a contestare il sindaco per una frase infelice che aveva detto e di cui lo rimproveravo poiché considerata inopportuna, soprattutto se pronunciata dal primo cittadino della città.

Ero lì poiché si parlava anche della questione dell’ex manufatto Telecom di cui ho scritto nei giorni scorsi. Qualcosa si è ottenuto in proposito, ma nel dopo riunione proprio il sindaco è sembrato assumere un atteggiamento dilatorio circa la destinazione dell’area. A questo proposito furono più chiari e rassicuranti, nell’assemblea del 18 settembre, il direttore Paolini di Sistema Ambiente e l’Assessore Raspini.
Ma il sindaco è fatto così, non proprio come piacerebbe ad un cittadino come me.

Con lui invece me la sono presa quando la consigliera Giorgi di 5Stelle ha posto il problema della sicurezza stradale. Si riferiva a non so quale ristorante e a una pista ciclabile che passa proprio al limitare dello spazio che gli era stato concesso per sistemare i suoi tavoli. La Giorgi faceva presente che concedere uno spazio in prossimitĂ  di una pista ciclabile era stato un atto biasimevole. Dopo vari interventi della maggioranza che andavano contro la Giorgi c’è stato quello del sindaco che sostanzialmente non ha dato importanza all’osservazione della consigliera del Movimento 5Stelle con parole che mi hanno a dir poco stupito. Così abbiamo bisticciato a conclusione del consiglio. Credo che la sicurezza stradale e l’incolumitĂ  dei cittadini debbano essere sempre prioritari. E ancor di piĂą lo debbano essere per un sindaco. Potevo lasciar correre, direte, ma si può lasciar correre un fatto di tale gravitĂ ? Per non parlare poi dell’atteggiamento della maggioranza nei confronti della minoranza (rappresentata in questo caso da Forza Italia, aggredita dal Sindaco in maniera a dir poco maleducata e virulenta, e da due esponenti del movimento 5Stelle): frequenti momenti di arroganza e di derisione senza alcun rispetto per i cittadini che essa rappresenta. Ricordi, ahimè, di tempi bui…

Qui il video della seduta comunale del 30 settembre 2014. Si segnala la grave affermazione che il sindaco esprime nell’intervento a 2 ore, 29 minuti e 47 secondi dall’inizio, quando dice testualmente: “Per quanto riguarda il riferimento al Viale Castracani al massimo potrebbe succedere l’investimento con una bicicletta“. Lascio al lettore valutare la gravitĂ  di una affermazione di questo tipo da parte del primo cittadino della cittĂ , e il suo modo di pensare circa  la sicurezza dei cittadini. Pensate ad un bambino investito in quel tratto da una bicicletta. Per il sindaco una quisquilia.
Poco prima a 2 ore, 24 minuti, 44 secondi dall’inizio ecco presentarsi l’aggressione verbale ad un consigliere di minoranza, Marco Martinelli, sempre da parte del primo cittadino. Queste le sue testuali parole: “Dovrebbe soltanto tacere almeno per i prossimi tre anni e condannarsi ad una vita cenobitica di silenzio e di riservatezza e pregare, pregare molto per il futuro.“, mancando con  ciò di rispetto allo stesso e ai cittadini che rappresenta. Può esprimersi così un sindaco? Chi ascolterĂ  l’intera registrazione non mancherĂ  di notare le numerose volte in cui, ad esempio il Movimento 5Stelle, è stato irriso.

Lascio ai membri della maggioranza e al partito, il Pd, che esprime il sindaco (ma la mia reprimenda sarebbe stata la stessa se fosse stato espressione di un altro partito), giudicare un tale comportamento e un tale modo di pensare.

Seguono alcune immagini sull’incuria in cui è tenuta la nostra cittĂ .
Qui  un link che riguarda il nostro cimitero monumentale.
Qui altri esempi scandalosi di degrado.


Letto 1237 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart