Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: “Immaginare è la nostra libertà”

4 Gennaio 2011

di  Fabio Strafforello
“Immaginare è la nostra libertà” è un libro di circa 125 pagine diviso come segue:  

                                    Sezioni

Forme poetiche espressive e frammento di lettera.
Frasi introspettive e di concetto.
Articoli e commenti trasportati dalla via informatica al cartaceo.

Forme poetiche espressive e frammento di lettera.

La poesia, nelle varie forme in cui si manifesta, consente la creazione di immagini ed emozioni, tramite le quali l’essere umano può far rivivere i propri sentimenti, come presenze di cui avverte il palpito, fortunatamente senza poterne dare una spiegazione razionale. Senza poesia il mondo sarebbe null’altro che un oggetto senza motivo, o il solo motivo di essere un oggetto. Anche quelle persone che vivono la loro vita, o meglio il passaggio in questa dimensione, senza avvertire lo scorrere del tempo, o la percezione del mondo interiore stesso come genesi della nostra presenza, coloro hanno bisogno più di altri di emozionarsi, di percepire il mistero che li circonda, così da potersi rifugiare lontano dallo squallore del loro vivere quotidiano…

La poesia è in ogni luogo, l’ho sentita nell’apostrofe del silenzio, mostrarmi come potrei vivere con quel che ho… non c’è un pensiero che la sappia raccogliere.

Introduzione
Smarriti nelle nostre sensazioni, volgiamo lo sguardo ad un padre sempre comprensivo e generoso nei nostri confronti. L’uomo non troverà mai una spiegazione alla propria esistenza, ma solo alla sensazione di averla in qualche modo accarezzata, lontano dalle proprie certezze e nella proiezione dell’oblio.

Padre
 

                                                                              Al conoscer
                                                                              del tuo nome…
                                                                              non ti so pensare.

 
                                                                              Cerco nel tuo silenzio
                                                                              voci da poter sentire…
                                                                              non ti so pensare.

 

                                                                              Al sol muover
                                                                              della tua mano
                                                                              potrei capire…
                                                                              non ti so pensare.

 

                                                                              Quant’è passato
                                                                             di quel tempo,
                                                                              rimembra il girar
                                                                              del mondo… ancora
                                                                              non ti so pensare.

 
                                                                  Volto nello sguardo
                                                                              senza mai ascoltare…

 

                                                                              ma tu m’hai saputo
                                                                              sempre amare?

Ho pensato che la tua voce fosse come la mia… non so leggere in quel che non conosco!

Anime perse cercano pace oltre i confini dell’uomo, nei meandri delle loro rabbie e paure, nei luoghi in cui è difficile trovare la vita, tant’è sovrastata dallo smarrimento e da un rifugio che tarda ad arrivare, spazi vuoti occupano il nostro sentire, angosce di un’anima sfuggita da un mondo in cui viveva di amore… non fuggire, senza di te non so stare. Talvolta non siamo noi a decidere la nostra vita, altre volte vorremmo che essa fosse al nostro servizio, così da poterla scambiare col dolore o con la gioia, in alcuni casi con la morte. Mi ricordo quand’ero ragazzo, sfuggire da un abbraccio nei luoghi in cui senti di dover lottare, rabbia e vuoto si uniscono per pesare contro di te, come se volessero dirti dove andare per trovare pace e conforto…

Sono sempre sordo dove non voglio ascoltare!


Letto 1709 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart