Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: da “Immaginare è la nostra libertà”

22 Luglio 2010

di Fabio Strafforello
“Immaginare è la nostra libertà” è un libro di circa 125 pagine diviso come segue:

Sezioni

Forme poetiche espressive e frammento di lettera.
Frasi introspettive e di concetto.
Articoli e commenti trasportati dalla via informatica al cartaceo.

Inizierò col proporvi la parte poetica: Tratta direttamente dall’animo umano…

Sarà ciò che avrò saputo rendere accessibile alla vostra sensibilità!

Sarà ciò che voi avrete saputo rendere accessibile a voi stessi!

Forme poetiche espressive e frammento di lettera.

La poesia, nelle varie forme in cui si manifesta, consente la creazione di immagini ed emozioni, tramite le quali l’essere umano può far rivivere i propri sentimenti, come presenze di cui avverte il palpito, fortunatamente senza poterne dare una spiegazione razionale. Senza poesia il mondo sarebbe null’altro che un oggetto senza motivo, o il solo motivo di essere un oggetto. Anche quelle persone che vivono la loro vita, o meglio il passaggio in questa dimensione, senza avvertire lo scorrere del tempo, o la percezione del mondo interiore stesso come genesi della nostra presenza, coloro hanno bisogno più di altri di emozionarsi, di percepire il mistero che li circonda, così da potersi rifugiare lontano dallo squallore del loro vivere quotidiano…

La poesia è in ogni luogo, l’ho sentita nell’apostrofe del silenzio, mostrarmi come potrei vivere con quel che ho… non c’è un pensiero che la sappia raccogliere.

                                                    Clessidra
 

                                                      Dal muover della mano
                                                      fai ruotare il tempo
                                                     nascosto in mezzo  
                                                      ai grani,

                                                      fluire giù
                                                      da un luogo
                                                      all’altro…
                                                    senza mai tornare,

                                                     così da veder
                                                      passare tutto
                                                      senza poter
                                                      fermare,

                                                      tempo…

                                                      scorri scorri
                                                     e non sostare…

                                                      noi siamo
                                                      raccolti nell’ampolla
                                                      del nostro sentire,

                                                      se tu sosti
                                                      la mia vita
                                                     dovrà finire!

Per dare un senso a quel che sono ho chiamato il tempo!

Non so appartenere a nulla, se non a me stesso, aggrappato al mutare delle cose…   così so d’esserne parte nel vederle cambiare.  Ho visto passare il tempo, sparso fra uomini e oggetti, e ne ho dovuto cercare spiegazione nel passato, l’unica dimensione apparente con la quale poter dimostrare che ne sia esistito e che egli sia la sua stessa ragione d’esistere…Senza la necessità di doverlo dimostrare. Così ho immaginato che un grande vecchio possa gestire il tempo e che il tempo stesso sia racchiuso nell’involucro delle nostre sensazioni. Noi stessi, piccoli grani, tempo nel tempo, siamo raccolti nell’ampolla di un’illusione e sembriamo rotolare alla ricerca di un luogo dove sostare… ma sostare vuol dire fermare il tempo e con esso la nostra vita. Ho cercato una spiegazione a tutto quel passato, ma credo che nulla sia mai neanche cominciato, ho girato su me stesso nell’alternanza degli eventi, alla ricerca di una domanda da non fare, così da non poter scoprire dove ho vissuto, se in una realtà immaginata o nell’immaginazione   della stessa…
Cerco una spiegazione… dove so di non poterla trovare!


Letto 1984 volte.


1 commento

  1. Pingback by Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: da “Immaginare è la nostra … — 22 Luglio 2010 @ 14:34

    […] Link fonte:   Bartolomeo Di Monaco » LETTERATURA: da “Immaginare è la nostra … […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart