Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Giovanni Agnoloni: “Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori” – Galaad edizioni

13 Dicembre 2011

di Giuseppe Panella

“Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori” (Galaad edizioni) è il nuovo saggio di Giovanni Agnoloni dedicato alla letteratura fantastica. Ma stavolta attraversa il territorio della medicina olistica, e in particolare dei Fiori di Bach. La floriterapia è tecnica terapeutica ormai consolidata anche in Italia, ma la novità del libro nasce dalla volontà di collegarla alle atmosfere e ai personaggi di J.R.R. Tolkien. Agnoloni non cerca di trovare impossibili qualità terapeutiche nell’opera tolkieniana,ma prova a stabilire possibili connessioni tra le situazioni e i personaggi più significativi del “Signore degli Anelli” (e delle altre opere di Tolkien) e i vari modelli di tinture madri create dall’omeopata inglese Edward Bach. Il fatto che sia lo scrittore e filologo, sia il medico ideatore delle essenze floreali siano nati o perlomeno vissuti nello stesso luogo, a Moseley, è la molla che fa scattare la ricerca di Agnoloni. Non è certo se i due si siano mai incontrati (probabilmente no), ma è sicuro che nutrirono un grande amore per quegli stessi luoghi. Esiste una rete di possibili fili sottili che collegano Tolkien e Bach; una ricerca di spiritualità profonda che ha come oggetto la natura autentica (e dimenticata) degli uomini. Non a caso, il quadro di riferimento più significativo del libro è quello desumibile dalla psicologia del profondo e dai suoi archetipi, così come li ha ritrovati e ricostruiti uno dei padri della psicoanalisi contemporanea, Carl Gustav Jung. Alle nozioni di Anima e di Ombra, Agnoloni dedica grande attenzione. Sia i luoghi attraversati dalla Compagnia dell’Anello, sia i trentotto modelli di tinture madri dei Fiori di Bach rappresentano un passaggio di tipo simbolico.
Attraversandolo, si possono scrutare a fondo le passioni umane, per arrivare ad attingere una coscienza più profonda della radice dell’identità (il Sé).

(dal “Corriere Nazionale”)


Letto 1714 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart