Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Prezzolini – Panzini #18/29

3 Agosto 2009

 [da: Il tempo della Voce”, Longanesi & C. – Vallecchi, 1960]

Bellaria, li 29 agosto 1911

Caro signore,  

ieri è venuto da me il signor Serra, che non conoscevo. Abbiamo parlato di lei, o per dir meglio, il Serra ha detto di lei cose assai nobili.
Ricevo oggi il n. ultimo dell’Illustrazione. Grazie. Ho piacere che quelle novelle non siano sepolte da un silenzio che offende, e lei non può credere quanta consolazione mi abbiano dato il suo scritto ed altri an ­che troppo lusinghieri in altri giornali e da scrittori di molta autorità. Ma senza assumere atteggiamenti di modestia inutile, creda se le dico che della rino ­manza letteraria non mi preoccupo, né ci ho fede. La mia vita, del resto, è tale che non saprei ricavarne alcun profitto. Quello che io vorrei sarebbe questo, che la nazione italiana non sentisse gli oltraggi come una specie di piacevole solletico: che questo popolo di tenori finisse di cantare dai palcoscenici, dal parla ­mento, dai comizi per operare qualche cosa: sia pure il collettivismo. Ma più studio in minuto la storia del ­l’Italia che fu, più perdo la fede.
Io le stringo affettuosamente la mano, e quando avrò terminato certi lavori di testi scolastici, stia pur certo che manderò qualche cosa alla Voce. Ma non parli di compensi.

Suo aff.mo
Alfredo Panzini


Letto 2006 volte.


4 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 3 Agosto 2009 @ 12:10

    “Quello che io vorrei sarebbe questo, che la nazione italiana non sentisse gli oltraggi come una specie di piacevole solletico: che questo popolo di tenori finisse di cantare dai palcoscenici, dal parla ­mento, dai comizi per operare qualche cosa: sia pure il collettivismo. Ma più studio in minuto la storia del ­l’Italia che fu, più perdo la fede”

    Grazie Bartolomeo per la tua instancabile opera di scavo. L’estratto che riporto andrebbe pubblicato su tutti i lit bolg più famosi

    Carlo

  2. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 3 Agosto 2009 @ 12:48

    Grazie, Carlo. Spero che qualcuno che legge qui certe cose scritte dai nostri Maestri, le diffonda. E’ cultura con la C maiuscola, questa, che soprattutto i giovani dovrebbero conoscere. La rivista Parliamone è nata anche con questo scopo.

  3. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 3 Agosto 2009 @ 15:54

    Ottimo ed efficace come sempre il grande contributo che la rivista dà alla Cultura (scrivo la parola con la maiuscola a ragion veduta) e soprattutto a quei giovani, che hanno sensibilità e voglia di aggiornarsi e avvertono il bisogno di approfondire nel modo più concreto, attraverso certe fonti non mediate, le loro conoscenze storiche, letterarie, politiche, religiose, ecc., ecc.
    Tutto merito tuo, Bartolomeo.
    Su “La Nazione” di sabato, Pardini ha scritto un trafiletto dal titolo “Se la città è in ‘bonaccia culturale'”, evidenziando la mancanza di iniziative culturali atte a stimolare ed a coinvolgere il pubblico. Probabilmente ha ragione. Ma il bravo Pardini una “parolina” la potrebbe mettere anche nei confronti della grande e lodevole iniziativa realizzata da Bartolomeo Di Monaco, iniziativa che riscuote un indiscusso interesse, uno spiccato successo (in “quantità” e qualità), coinvolgendo personaggi di notevole cultura e di grandi capacità letterarie e non.
    Un minimo di attenzione anche a ciò che di buono, anzi di ottimo, esiste non sarebbe male, da un personaggio come Pardini
    Gian Gabriele Benedetti

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 3 Agosto 2009 @ 18:01

    Pardini ne ha troppe da fare. Probabilmente se gli scrivessi, potrebbe anche parlare della nostra rivista, ma preferisco di no.
    Grazie anche a te Gian Gabriele.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart