Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: “L’adultera” di Giuseppe Conte (2008)

13 Maggio 2008

di Francesco Improta

Anche se in gioventù Giuseppe Conte, non diversamente da Biamonti e dalla maggior parte dei liguri, voltava le spalle alla marina sentendosi attratto dalla campagna o dalla città, egli non può non avvertire il fascino esercitato dal mare e quando gli appare come una distesa di scaglie dorate e di preziosi diamanti e quando si agita nel suo delirio febbricitante. Per chi è cresciuto con il rumore del mare nelle orecchie (Conte è nato a Porto Maurizio), il mare non tarda a divenire una categoria dello spirito: è l’archetipo dell’essere nel divenire, del movimento nel riposo, è l’origine della vita, oltre a veicolare insieme ai nostri sogni, gioie e delusioni, il senso del mistero e dell’avventura. Non meraviglia, quindi, che anche in quest’ultimo romanzo, L’Adultera, esso abbia tanta parte.
La storia, ambientata nel primo secolo d.C. e incentrata intorno a una fi ­gura evangelica, quella appunto dell’adultera inizia in riva al mare e si conclude con la parola “mare“. È il mare, abitato nell’immaginario popo ­lare da mostri e da demoni, a esercitare un potente richiamo, nonostante i divieti della madre, sulla protagonista, che vi s’immerge, ancora ado ­lescente, poco alla volta, lasciandosi lambire, accarezzare e penetrare dalla acqua e scoprendo in questo modo la propria prepotente sensualità.
Da allora l’idea del piacere, per la ragazza prima e per la donna divenuta poi, è legata al perenne movimento delle onde e alla loro capacità invasiva e pervasiva, di riempire, cioè, ogni spazio, del corpo e della mente. Anziché avere un potere lustrale, purificatorio, il mare simboleggia il peccato, la tentazione ma anche la consolazione e la pace; non è un caso che in tutti i momenti di difficoltà o di dolore l’adultera si precipiti in riva al mare, dove, appunto, dopo l’incendio di Roma del 64 d.C. la trova scarmigliata e in preda ai sensi di colpa Lucio Anneo Seneca, a cui la donna racconta la sua lunga storia di carne e di sangue, dominata dalla passione. Conte riesce a esplorare con una sapienza rara in uno scrittore e con una non comune capacità di osservazione e di analisi l’universo femminile, meglio ancora potremmo dire richiamandoci a quanto riportato sopra, l’oceano donna.
E questa, almeno credo, è la grande scommessa di Conte: dare voce a una donna di cui non si conosce nulla se non una labile traccia, non di ­versamente dai segni del Cristo sulla polvere, che Giovanni ha lasciato nel Vangelo. Una donna antica come le passioni di cui si nutre e moderna per il suo bisogno irrefrenabile di libertà e di autonomia. Una donna tutta fisicità che è infedele agli occhi del mondo, perché infrange il patto matrimoniale, ma rimane fedele a se stessa, alla propria natura sensuale e passionale.
La storia, strutturata come un lungo flash back, divisa in due parti, incorni ­ciata da un prologo e da un epilogo e legata da una cerniera centrale, si svolge nell’arco di un trentennio fra la Palestina, Cipro e la città di Roma, sorretta da una lingua concettosa ma agile, pregnante ma fluida che vira talvolta verso toni poetici (non ci dimentichiamo che Conte è soprattutto un grandissimo poeta) e che non disdegna, quindi, una ricca strumen ­tazione retorica. Un dettato, il suo, che rimanda al movimento ondoso del mare.
A livello specificatamente tematico occupa grande spazio la perenne vi ­cenda di peccato e di redenzione che la religione giudaico-cristiana ha la ­sciato in eredità ai propri seguaci all’alba di una vera e propria rivoluzione culturale che ha sostituito al concetto di bello quello di buono e alla ricerca del piacere il senso del sacrificio. Accanto ad essa, più spesso fusa, la denuncia dell’imperialismo romano, in cui si specchia qualsiasi forma di imperialismo e di colonialismo, antico o moderno, e della disumana condizione in cui vivevano gli schiavi. Nell’efferata crudeltà con cui essi sono costretti a gettarsi dalla nave, diretta a Roma, e a lasciarsi inghiottire dalle onde a sud della Sicilia, tra le coste settentrionali dell’Africa e la bella Trinacria, non è difficile ravvisare moderni crimini non meno spietati e nuove e più umilianti forme di schiavitù.
Un libro, per concludere, di grande fascino, che risveglia i sensi, riempie la mente e accende il cuore.

Ventimiglia 26 Aprile 2008


Letto 2700 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart