Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

A LUCCA: 27 gennaio: Il giorno della memoria

19 Gennaio 2010

CITTA’ DI LUCCA
in collaborazione con la Polizia di Stato ed il Museo Italiano del Fumetto

Mercoledì  27 Gennaio 2010 РGiorno della Memoria
in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti

Ore 10,00           Museo Italiano del Fumetto РPiazza San Romano

Interventi di:

– Sindaco del Comune di Lucca Prof. Mauro Favilla
РPresidente dell’Amministrazione Provinciale  Dott. Stefano Baccelli
– Questore di Lucca Dott. Francesco Nicola Santoro
– Vice Presidente della Comunit√† Ebraica di Pisa ‚Äď Lucca ‚Äst Viareggio
– Sig.a Clara Wachsberger

– Presentazione della Pubblicazione¬† a fumetti ‚ÄúL‚ÄôUltimo Questore‚ÄĚ
dedicato alla figura di  Giovanni Palatucci a  cura dell’ autore Nazareno Giusti e dell’ editore Dott. Guido Guastalla Assessore alla Cultura della Comunità Ebraica di Livorno   

                                      ________________________________________

Ore 11,45-11,50   Parcheggio Palatucci
Raduno Autorità cittadine e rappresentanze militari 
Ore 12,00              Schieramento picchetto della Polizia di Stato
                               Deposizione corona al Cippo Palatucci                     

La Cittadinanza di Lucca  è invitata a partecipare

IL SINDACO
Mauro Favilla


Letto 1713 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Comment di vittorio baccelli — 29 Gennaio 2010 @ 18:57

    IL GIORNO DELLA MEMORIA Il Giorno della Memoria √® una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. Anche quest’anno la giornata dedicata alla memoria rischia di svolgersi come negli anni passati, cio√® in modo retorico, continuando a prediligere la celebrazione a scapito della conoscenza: si ricorda e contemporaneamente si rimuove. E soprattutto si tralasciano tutte le altre shoah del mondo che vedono ridotti a martiri minoranze oppresse come i rom, i sinti, i testimoni di Geova, gli omosessuali. Si continua a documentare la follia hitleriana e non se ne ricercano le cause vere che purtroppo hanno coinvolto interi popoli. Si parla di nazifascismo senza distinguere le profonde diversit√† tra i due movimenti. Si banalizza sulle cause che non furono da attribuirsi ad una ventata di pazzia, ma al contrario esse maturarono in ambienti politici dell’epoca, economici, religiosi, culturali ed esoterici. Siamo cos√¨ bombardati da immagini, precise nei dettagli, agghiaccianti, condite da commenti politicamente corretti, ma di una semplicit√† sconcertante. E questo bombardamento si √® intensificato negli ultimi anni soprattutto nelle scuole. Ci si dimentica che nel recente passato, e purtroppo anche oggi, si √® giunti ad ipotizzare vicinanze tra l’attuale politica d’Israele e la Germania nazista. Vittime e carnefici sullo stesso piano anche se in tempi diversi, e ci√≤ √® riprovevole e inaccettabile. Distorsioni dovute all’avvelenamento mentale prodotto da cattive e mal digerite ideologie. Si giustificano movimenti terroristici come hezebollah e hamas e non si comprendono le ragioni di Israele che ha in ballo la sua stessa esistenza. Diciamoci la verit√†: c’√® ancora una parte d’umanit√†, e non solo europea, che mal digerisce l’esistenza dello stato democratico d’Israele e tende costantemente a delegittimarlo; delegittimazione che significa annullamento. Non si affrontano seriamente le problematiche legate ad un antisemitismo tuttora diffuso ed estremamente pericoloso. Eppure i fatti sono sotto gli occhi di tutti, ma chi ricorda l’amichevole incontro tra Hitler e il Gran Muft√¨ di Gerusalemme? Chi ricorda che la prima intifada in Egitto fu finanziata dal nazionalsocialismo? Chi ricorda i battaglioni arabi inquadrati nell’Asse che si fregiavano della svastica tra due foglie di palma? Ricordi inquietanti che vengono rimossi a tutto vantaggio dell’ideologia nazislam che continua a seminare morte e odio. Si insiste nel descrivere nel dettaglio la vita e la morte nei campi di sterminio e mai ci si domanda seriamente perch√© sia successo tutto questo proprio nella civilissima Europa. Non ci si sforza di capire e di spiegare: √® pi√Ļ semplice e pi√Ļ comodo dare la colpa alla ventata di follia e tollerare che in tutto il mondo vengano bruciate le bandiere di Israele. Per l’islam invece c’√® oggi un atteggiamento ben diverso, si cerca di comprenderne la cultura (?), s’incoraggia la lettura del Corano, magari allegandolo a quotidiani, si cercano giustificazioni, eppure i fondamentalisti dell’islam vorrebbero, non solo la morte di Israele, ma la nostra civilt√† distrutta e un califfato in Europa, pardon in Eurabia. E non si limitano a volere a parole la distruzione della nostra civilt√† occidentale, materialmente hanno gi√† iniziato a colpire, dalle Torri Gemelle a Beslan, dall’uccisione di Theo Van Gogh agli attentati a Londra, Madrid, ecc. Allora, giornata della memoria s√¨, ma non solo celebrativa, ma di studio sulle cause, sui motivi, quelli veri: dall’intolleranza religiosa all’alibi economico, dai piani esoterici del nazismo all’intolleranza di razza. Anche giornata della memoria per tutte quelle stragi, superiori di numero, che il comunismo ha perpetrato contro l’umanit√†. E memoria per le minoranze vessate da Hitler e vessate anche oggi dai cittadini onorabili: rom, sinti, omosessuali, testimoni di Geova. Una giornata della memoria che dovrebbe anche spiegare le ragioni dell’esistenza dello stato d’Israele. Dare una mano a Israele oggi aprendolo all’Europa cio√® alla Comunit√† Europea e sostenendolo in ogni senso √® ricordare degnamente la Shoah! Una giornata della memoria che dovrebbe vedere l’intera civilt√† occidentale schierata a sostegno della guerra globale contro il terrorismo nella quale il popolo d’Israele da decenni √® in prima fila anche per affermare il proprio diritto ad esistere. E come negli anni passati la Cesareviviani ha voluto dedicare l’incontro di mercoled√¨ 27 gennaio, che si √® tenuto a Lucca presso la Casermetta Santa Maria delle Mura Urbane ad una riflessione sul Giorno della Memoria, istituito per ricordare il 27 gennaio 1945, data dell‚Äôabbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. Marco Vignolo Gargini, scrittore, traduttore, saggista e studioso del movimento GLBTQ, ha parlato della persecuzione e sterminio degli omosessuali nei Lager sulla base del Paragrafo 175 del codice penale tedesco. Un‚Äôoccasione questa per commemorare e informare su di un aspetto di solito, non senza motivo, poco divulgato della Shoah.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart