Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

A MESTRE: Venerdì 26 febbraio 2010: Melania G. Mazzucco Corso CUCINA DI STORIE

17 Febbraio 2010

Venerdì 26 febbraio 2010: Melania G. Mazzucco a Mestre Corso CUCINA DI STORIE (“La Vida Nova”) e A tavola con l’autore (Ristorante Dall’Amelia)
Doppio appuntamento, venerdì 26 febbraio, con la scrittrice Melania G. Mazzucco, a Mestre.

Alle 18.00 terrà un incontro intitolato “Immaginare”, nell’ambito del corso di narrazione “Cucina di storie”(saletta superiore dell’Osteria “La Vida Nova” in Piazzale Candiani), organizzato dall’Associazione “RistorArti” con il sostegno del Centro Culturale Candiani e curato da Annalisa Bruni con la collaborazione di Lucia De Michieli e Anna Toscano, intitolato quest’anno “RaccontArti” che si propone di offrire ai partecipanti spunti narrativi tratti da opere d’arte per scrivere dei racconti che saranno pubblicati in un’antologia, come di consueto. (Iscrizioni al n.: 329.9030999, Marco)

Alle 20.30, la scrittrice, sarà poi protagonista di “A tavola con l’autore”, al ristorante Dall’Amelia. Nel corso della cena, aperta a tutti coloro che vorranno partecipare (prenotazioni al n.: 041 913955), Melania G. Mazzucco presenterà le sue opere più recenti, ispirate alla figura, all’opera e alla vita di Tintoretto: La lunga attesa dell’angelo e Jacomo Tintoretto e i suoi figli. Storia di una famiglia veneziana. 

MELANIA G. MAZZUCCO. È nata nel 1966 a Roma, dove vive e lavora. Si laurea in Lettere presso L’Università degli Studi di Roma La Sapienza e poi in Cinema presso il Centro Sperimentale di Roma. Melania Mazzucco ha sempre amato viaggiare. Il lavoro di scrittrice la porta spesso a trasferirsi all’estero per lunghi periodi dell’anno. La vocazione alla scrittura le è stata sempre stata chiara. Ha detto di sé: “Ho sempre voluto essere una scrittrice. E ho respirato la letteratura fin da piccola. Mia madre Andreina divorava una quantità impressionante di libri. E mio padre Roberto era appassionato di teatro”. Esordisce con il romanzo Il bacio della medusa (Baldini e Castoldi, 1996) finalista al Premio Strega e al Premio Viareggio. Nel 1998 pubblica il suo secondo romanzo, La camera di Baltus, incentrato su un pittore gotico e sul suo studioso moderno, (Baldini e Castoldi), nuovamente finalista al Premio Strega. Nel 2000 esceLei così amata (Rizzoli) vincitore, tra gli altri, del Premio Napoli 2000 e del Premio Vittorini. Nel 2003 pubblica, ancora per Rizzoli, Vita, romanzo picaresco che racconta una storia di emigrazione italiana all’inizio del Novecento. Con questo libro la scrittrice vince il Premio Strega, e riscuote enorme successo di critica e di pubblico. Nel 2005 ha pubblicato, con Rizzoli Un giorno perfetto, da cui è stato tratto il film omonimo di Ferzan Ozpetek. Nel 2008, sempre per i tipi di Rizzoli, è uscito La lunga attesa dell’angelo, la storia di un grande e celebre pittore e di una giovane allieva destinata a rimanere per sempre nell’ombra. Lui è Jacomo Tintoretto, lei Marietta Tintoretta. Nel 2009 ha pubblicatoJacomo Tintoretto e i suoi figli. Storia di una famiglia veneziana. Melania Mazzucco scrive oggi anche per il cinema, il teatro e la radio. Un lavoro cui è particolarmente legata è Dhulan radiodramma per il quale ha vinto il Prix Italia come miglior elaborato europeo del 2001. Scrive inoltre articoli e reportage di viaggio per “La Repubblica”, “Il Sole 24 ore” e “Io donna”, magazine de “Il Corriere della Sera”.


Letto 1422 volte.


1 commento

  1. Comment di laura — 11 Maggio 2010 @ 18:57

    Salve. Vorrei segnalare, se può interessare, che è online l’intervista che Melania Mazzucco ha rilasciato in esclusiva al nostro blog http://leragazze.wordpress.com

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart