Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

ARTE: PITTURA: I MAESTRI: Magritte e Fantomas

23 Marzo 2019

di Patrick Waldberg
(dal ‚ÄúCorriere della sera‚ÄĚ, domenica 16 marzo 1969]

Londra, marzo.

Qualche anno dopo il passaggio di Andr√© Masson l’¬ę atelier ¬Ľ di Con¬≠stant Montalt, all’Accademia di Belle Arti a Bruxelles, ac¬≠coglieva un giovanotto venu¬≠to da Charleroi che si chia¬≠mava Ren√© Magritte. Era na¬≠to a Iessines nel 1898. Silen¬≠zioso, di indole melanconica, era uno di quelli che mal si adattano alla condizione of¬≠ferta all’uomo dal mondo mo¬≠derno. Lasci√≤ l’Accademia nel 1918, poi sempre guadagnan¬≠dosi il pane con umili lavo¬≠ri ‚ÄĒ perch√© era povero ‚ÄĒ prosegu√¨ le sue esperienze pittoriche influenzato ora dai cubisti, ora dai futuristi, mal¬≠contento dei risultati che tut¬≠tavia erano assai prometten¬≠ti. Questo dur√≤ fino al giorno che un amico, il poeta Marcel Lecompte, gli mise sotto gli occhi la riproduzione di un quadro di Giorgio de Chirico, ¬†Il canto d‚Äôamore. Ne fu cos√¨ emozionato che cominci√≤ a piangere.

Lo spaesamento

Il Maestro degli Enigmi gli aveva rivelato che era possi¬≠bile rappresentare la realt√† in modo tale da includervi non soltanto il sogno, ma anche tutta la carica emotiva degli eventi vissuti durante l’infan¬≠zia. Si arriva cos√¨ alla rappresentazione di un mondo i cui elementi sono tutti immediatamente riconoscibili men¬≠tre le loro relazioni abituali, quotidiane, sono del tutto sconvolte. Tale spaesamento ha l’effetto di far piombare lo spirito in uno stato di ra¬≠pimento analogo a quello che prova il bambino leggendo un racconto delle fate. Magritte allora cap√¨ che perseverando in una ricerca puramente pla¬≠stica voltava le spalle all’es¬≠senziale, cio√® alla ricerca, in arte, di una rappresentazione suscettibile di uguagliare, co¬≠me potere di sortilegio, le emozioni infantili o i senti¬≠menti provati negli istanti pi√Ļ intensi della vita. Da allora il problema dell‚Äôarte non si poneva pi√Ļ ai suoi occhi in termine di estetica, ma piuttosto di poetica.

A partire dal 1926, data del suo primo quadro veramente magrittiano, egli ci ha dato un’opera nello stesso tempo molto semplice e affatto scon¬≠certante. E’ una lunga medi¬≠tazione, che non ha l’eguale nella storia della pittura, sul¬≠la natura della realt√† concepi¬≠ta come trampolino del miste¬≠ro. Le figure, gli oggetti, i paesaggi che egli ci fa vedere sono normali: una donna nu¬≠da, un uomo con cappello e soprabito, case, finestre, por¬≠te, cieli, nuvole, montagne, s√®die, strumento musicale, so¬≠naglio, uccello, fiore, e cos√¨ via. Tutto √® tratto dall’arse¬≠nale familiare della vita quo¬≠tidiana e banale. Ma in ogni quadro ognuna di quelle crea¬≠ture o di quegli oggetti si tro¬≠va privato del suo significato consueto: appare in un nuovo contesto dotato di nuove pro¬≠priet√† e la sua presenza, a cui noi eravamo cos√¨ abituati da non accorgercene neppure, si impone d’improvviso ai nostri occhi in tutto il suo mistero.

Qualit√† e quantit√† esagera¬≠te o ridotte, analogie imba¬≠razzanti, contrasti, mutazioni, inversioni dei segni, spaesa- menti nel tempo e nello spa¬≠zio, ecco alcune delle pi√Ļ semplici operazioni di questa sorprendente alchimia. Il ri¬≠sultato, in certo modo, ha un sapore di fiaba, di quel desi¬≠derio infantile che fortunatamente talora sopravvive nei grandi, di oltrepassare le leg¬≠gi che ci inceppano: resistere al fuoco, passare attraverso i muri. librarsi nell’aria.

Magritte amava raccontare un ricordo d’infanzia che per tutta la vita lo aveva accom¬≠pagnato. A otto o nove anni andava a giocare con una bambina, cui era molto af¬≠fezionato, in un vecchio cimi¬≠tero abbandonato e quasi sem¬≠pre deserto, le cui cripte in rovina servivano loro da nascondigli. Un giorno che si erano attardati nell’ombra di una di queste cappelle, come ritornarono alla luce, videro un uomo davanti a un cavalletto, intento a dipingere. A questo spettacolo Magritte fu preso da una emozione straor¬≠dinaria. ¬ę Fui colto all’improv¬≠viso ‚ÄĒ mi disse ‚ÄĒ da un sen¬≠timento di mistero che non avevo mai conosciuto, provai un’immensa felicit√† ¬Ľ. Non c’√® dubbio che questo episodio contribu√¨ fortemente a deter¬≠minare una precoce vocazione di pittore.

Pensieri-immagini

Un altro elemento che con¬≠tribu√¨ a orientare, non gi√† que¬≠sta vocazione, ma il significa¬≠to della sua opera, fu la ap¬≠passionata lettura tra i dodi¬≠ci e i quindici anni, di Fantomas, interminabile romanzo di avventure criminali che compariva settimanalmente in fascicolo con la copertina a colori. Fantomas raccontava le imprese di un malfattore pe¬≠ricolosissimo e invincibile, che si appropriava delle identi¬≠t√† altrui. Uomo dai mille vol¬≠ti, viveva in case tutte traboc¬≠chetti, dove i muri si apriva¬≠no all’improvviso sul vuoto, le porte erano finte, gli og¬≠getti pi√Ļ innocenti si trasfor¬≠mavano in armi terribili. Sol¬≠levata al pi√Ļ alto livello poe¬≠tico, si ritrova, nell’opera di Magritte, quell‚Äôincertezza sull‚Äôidentit√† degli esseri e delle cose, la cui intuizione gli fu suggerita appunto da Fantomas.

I quadri di Magritte ‚ÄĒ una splendida raccolta viene espo¬≠sta in questi giorni alla Tate Gallery ‚ÄĒ pi√Ļ che delle pitture, sono dei pensieri-immagini, che senza tregua rimettono in discussione la realt√† Vi si fondono, secondo il processo di una dialettica estremamente pura, l’incubo e l’incantesimo. Grazie ad essi l’angoscia umana ha conosciuto una nuova dimensione.

 


Letto 325 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart