Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

CINEMA: GORBACIOF

3 Dicembre 2010

di Francesco Improta

                    Regia РStefano Incerti
¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†Cast ‚Äď Toni Servillo; Yang Mi; Geppy Gleijses; Nello Mascia
                    Italia  2010
                    Lucky Red distribuzione

Marino Pacileo, cassiere del carcere di Poggioreale, detto Gorbaciof per una vistosa voglia in fronte, ha il vizio del gioco e un sentimento, tenero ma profondo, nei confronti della figlia del titolare di un ristorante cinese, nel cui retrobottega ogni sera si gioca a poker. Quando scopre che l’uomo ha con¬≠tratto un debito che non pu√≤ pagare, Gorbaciof decide di prendersi cura della ragazza e, per farlo, dapprima sottrae dei soldi dalla cassa del carcere poi accetta di partecipare ad altre e pi√Ļ pericolose attivit√†.

Questa la trama di uno dei film pi√Ļ interessanti della stagione, presentato a Venezia fuori concorso e selezionato per il festival di Toronto.
Va subito detto che l‚Äôinterpretazione di Toni Servillo √® di altissimo livello; del resto tutti, critici, addetti ai lavori e spettatori, lo considerano attualmente il mi¬≠gliore attore italiano e tra i primi nel mondo, anche perch√© quella generazione di mostri sacri del cinema americano (De Niro; Pacino; Nicholson, per intenderci) ¬†√® ormai alla frutta o quasi. In questo caso poi il regista Stefano Incerti, ha costruito tutto il film su Servillo, cogliendone¬†le molteplici sfumature, gli ammic¬≠camenti, le mosse, i tic. La macchina da presa gli sta perennemente addosso, lo bracca, lo fruga, lo accarezza… sembra fare l’amore con lui. Si pensi alla sua andatura un po’ caracollante, alle smorfie clownesche nella metropolitana, al sorriso ingenuo e disarmato quando √® in compagnia della cinesina e soprattutto a quegli occhi assetati di azzurro su cui si chiude il film. E’ la storia di un vinto in cerca di un impossibile riscatto; l’aereo a cui aveva affidato le sue speranze si alzer√† in volo da Capodichino senza di lui. La trama √® alquanto esile e abba¬≠stanza scontata, ma io da tempo ritengo che non ci sia pi√Ļ nulla di originale da dire o da fare, in quanto tutto √® stato gi√† fatto e detto, quel che conta, quindi, √® dire ci√≤ che si vede, ci√≤ che si pensa o ci√≤ in cui si crede in modo originale, stilisticamente originale (Francesco Biamonti √® un grandissimo scrittore non perch√© abbia parlato di un mondo di macerie o di una civilt√† allo sbando, di cui molti prima di lui avevano gi√† parlato, ma per il modo in cui l’ha detto, per le parole evocative che ha adoperato, per le immagini poetiche che √® riuscito a creare) pertanto, tornando al film, il merito di Incerti √® di aver descritto il sottobosco napoletano, e di qualsiasi altra metropoli, in maniera diretta, scarna, senza toni pietistici o retorici, spogliando oltretutto la narrazione di tutti gli orpelli decorativi, scarnificandola, riducendo al minimo i dialoghi, privilegiando la mimica dei personaggi, gli sguardi, quella carta topografica che √® il volto di Servillo, e la musica che talvolta √® in sintonia (accompagnando e sottolineando le azioni) e altre volte √® dissonante, quasi in contrasto con ci√≤ che accade sullo schermo. Bellissima la contrapposizione tra la violenza del contesto e dello stesso protagonista con la dolcezza e la tenerezza di una storia d’amore che ha la leggerezza e la trasparenza di un sogno adolescenziale ed altrettanto bella √® la scelta di una Napoli non oleografica n√© nel bene n√© nel male. Mancano, cio√®, gli abituali stereotipi e se non fosse per un’unica inquadratura in campo lungo in cui si vede il carcere di Poggioreale con il centro direzionale alle spalle, si po¬≠trebbe pensare a qualsiasi citt√† degradata e ferita nel corpo e nello spirito.


Letto 2344 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Carlo Capone — 3 Dicembre 2010 @ 14:05

    La trama √® alquanto esile e abba¬≠stanza scontata, ma io da tempo ritengo che non ci sia pi√Ļ nulla di originale da dire o da fare, in quanto tutto √® stato gi√† fatto e detto, quel che conta, quindi, √® dire ci√≤ che si vede, ci√≤ che si pensa o ci√≤ in cui si crede in modo originale, stilisticamente originale (Francesco Biamonti √® un grandissimo scrittore non perch√© abbia parlato di un mondo di macerie o di una civilt√† allo sbando, di cui molti prima di lui avevano gi√† parlato, ma per il modo in cui l‚Äôha detto, per le parole evocative che ha adoperato, per le immagini che √® riuscito a creare….

    Questa √® una di quelle affermazioni/intuizioni che andrebbero affisse alla porta di qualunque chiesa letteraria, sia essa una casa editoriale, un meeting con scrittori, la presentazione di un libro, un’antologia degli anni zero.

    Solo la re-invenzione del linguaggio ci potr√† salvare da un sempre pi√Ļ noioso dejavu

  2. Commento by Giorgio — 15 Dicembre 2010 @ 23:59

    S√¨, mi √® piaciuto questo film cos√¨ bene ‘giudicato’ in ogni suo aspetto da questa competente ‘critica’. Qualche riserva, per me, sul ‘finale’ un po’ troppo scontato e ‘pretestuoso’ e sul rapporto con ‘l’ Oriente napoletano’.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart