Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

CINEMA: I film visti da Franco Pecori

7 Febbraio 2009

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera.¬†√ą autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Dani√®le Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccich√®, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori pu√≤ vantare la stima di Franco Fortini.]

 

Operazione Valchiria

Valkyrie
Bryan Singer, 2008
Tom Cruise, Kenneth Branagh, Bill Nighy, Tom Wilkinson, Carice van Houten, Thomas Kretschmann,Terence Stamp, Eddie Izzard, Kevin McNally, Christian Berkel, Jamie Parker, David Bamber, Justus Kammerer, Tom Hollander, David Schofield, Halina Reijn, Stephen Fry.

Mentre ancora c’√® chi dice che le camere a gas servirono per disinfettare, c’√® chi dice che ai migliori generali tedeschi non piacque l’evolversi della dittatura hitleriana. Su quest’ultima “realt√†” storica Singer ci fa un film. Scoperto e lanciato dal Sundance Festival nel 1993 per¬†il provocatorio¬†Public Access, su una certa commistione massmediologica di bene e di male nella provincia americana, il regista si √® assestato poi¬†su X-Men (2000) e¬†su Superman (Returns, 2006). Qui Singer¬†usa la tecnica hitchcockiana della suspense sul come (sappiamo che l’attentato alla vita di Hitler non riuscir√† e per√≤ siamo presi dalla curiosit√† di vedere come possono essere andate le cose). √ą il lato del film che funziona, con un Cruise verosimile, che non deve sfoggiare chiss√† quali espressioni, limitandosi a condurre l’azione nel rispetto della¬†verosimiglianza narrativa.¬†Operazione Valchiria era il piano studiato dal dittatore tedesco per far fronte all’ipotesi di un’insurrezione antinazista. Un gruppo di ufficiali pens√≤, dopo altri tentativi andati male, di utilizzare il progetto contro Hitler e contro le SS, per presentarsi poi agli alleati e chiedere una resa onorevole. Era il luglio 1944. Vediamo un f√ľhrer curvo e pensoso cavarsela miracolosamente (Dio √® con la Germania!) e vediamo gli eroici ufficiali tedeschi, con i testa il colonnello Claus von Stauffenbeg seguire la loro sorte. Non ce ne verr√† una virgola in pi√Ļ sul giudizio storico riguardo al nazismo e alla Santa Germania. La parola centrale ancora una volta¬†√® lasciata a¬†Hitler: ¬ęNon si comprende il nazionalsocialismo se non si comprende Wagner¬Ľ (e le sue Valchirie).

 

Space Chimps – Missione spaziale

Space Chimps
Kirk De Micco, 2008
Animazione, voci orig.: Andy Samberg, Cheryl Hines, Patrick Warburton, Jeff Daniels, Kristin Chenoweth, Stanley Tucci, Kenan Thompson, Jane Linch, Carlos Alazraqui, Omid Abtahi.

Un “buco temporale” inghiotte la sonda Infinity Space. Il compito di recuperare la navicella spaziale¬†da 5 miliardi di dollari √® affidato ad Ham III, nipote di Ham,¬†lo scimpanz√® dello spazio, partito da Cape Canaveral il 31 gennaio 1961. Il viaggio fu breve, 155 miglia, e dur√≤ poco, 16 minuti e mezzo, ma da quando Ham torn√≤ gi√Ļ nell’Atlantico lo si ricorda come uno degli eroici¬†pionieri del programma¬†americano. Ad Ham III tocca di “scimmiottare” il nonno. Il giovane primate √® tutt’altro che portato per incarichi tanto impegnativi, giacch√© √® un semplice acrobata da circo, si fa tutti i giorni sparare dal cannone e si diverte un mondo a volteggiare nel vuoto, ripiombando nel buco del tendone per il gran divertimento di tutti. Ma la missione gli tocca. Del resto, il simpatico¬†primate potr√† contare sulla compagnia di altre¬†due scimmie, il comandante Titan e¬†il tenente¬†Luna,¬†attraente esemplare femminile,¬†nonch√©¬†sull’assistenza da Terra¬†di gente perfettamente preparata. Si parte ma non si sa dove si andr√† a finire. Sul pianeta Malgor, dall’altra parte dell’Universo, una popolazione di alieni √® dominata dal malvagio Zartog. Ham, che non √® affatto incline a comportamenti eroici, sar√† costretto ad impegnarsi per salvare Titan e liberare tutti¬†dalle grinfie del cattivone. Ne sar√† contenta la¬†dolce aliena¬†Kilowatt. E non poca influenza avr√† avuto su Ham la graziosa Luna. Il ritorno sar√† trionfale. L’animazione (Vanguard Animation) √® divertente e suggerisce anche, con grazia,¬†qualche riflessione sul rapporto tra intelligenza e sensibilit√† umana e analoghi comportamenti delle scimmie. Tanto che il film si rif√† alla vera storia di Ham, che la Nasa addestr√≤ e sped√¨ nello spazio per sperimentare alcune condizioni di vita senza rischio per l’uomo. Ora che¬†la famosa navicella Mercury Redston si √® trasformata in un disegno, i piccoli spettatori trarranno vantaggio dai fantastici salti logici e dalle invenzioni sceniche del film,¬†mentre¬†la memoria degli adulti potr√† riandare a quella lontana esperienza, un po’ scientifica e un po’ romantica, che segn√≤ mezzo secolo fa un capitolo decisivo nell’esplorazione spaziale.

 

Ti amerò sempre

Il y a longtemps que je t’aime
Philippe Claudel, 2008
Kristin Scott Thomas, Elsa Zylberstein, Serge Hazanavicius, Frédéric Pierrot, Laurent Grévill, Lise Ségur, Jean-Claude Arnaud, Mouss Zouheyri, Souad Mouchrik, Catherine Hosmalin, Claire Johnston, Olivier Cruveiller, Lily-Rose.
Berlino 2008, Premio Giuria Ecumenica. European Film Awards 2008, Kristin Scott Thomas atr.

Letterario¬†in diversi¬†passaggi eppure risolto in cinema con dignit√† estetica. Claudel,¬†scrittore e¬†sceneggiatore, realizza il suo primo lungometraggio affrontando un tema psicologicamente spinoso. Lo colloca in un quadro familiare e sociale ben disegnato, lasciando agli attori,¬†specialmente alla protagonista, la libert√† dei tempi e delle espressioni. Juliette (Scott Thomas) sa riassumere sul suo volto e sul suo sguardo la profonda “purezza” di un dolore irrisolto – e, dir√†, irrisolvibile. Rivede il mondo dopo 15 anni di prigione. Le strutture sociali la consegnano alla sorella minore,¬†L√©a (Zylberstein), sposata a Luc (Hazanavicius) insieme al quale ha adottato due bambine per non aver voluto sentirsi una creatura in grembo –¬†decisione estrema, nella quale s’intuisce l’orrore per il destino di Juliette, colpevole di aver ucciso il proprio bambino. Dimenticata dalla sua famiglia, Juliette deve ora¬†cercare il giusto respiro, il nuovo rapporto con L√©a e con il cognato diffidente verso di lei, la nuova sistemazione nella societ√†, il lavoro da trovare, sentimenti che man mano rinascono, sensibilit√† sopite che si riaffacciano. Dopo tanta prigione, la “normalit√†”¬†sembra quasi impossibile¬†a Juliette, pur nel contesto¬†–¬†lei ex medico, L√©a professoressa di letteratura – che dovrebbe essere favorevole al¬†riavvio relazionale. Il peso che porta dentro di s√©¬†le richiede una grande¬†forza interiore. Juliette¬†ne uscir√†¬†anche grazie alla sensibilit√† di L√©a, la quale sapr√† riattingere agli affetti infantili che la legarono alla sorella. Il maggior merito di Claudel √® di aver evitato¬†il sociologismo e l'”universalizzazione” del tema (non enunciabile qui esplicitamente giacch√© al suo disvelamento attiene il clou drammaturgico). Con disinvolta determinazione descrive situazioni e caratteri, ma guardandosi dal “tipologico” e anzi accompagnandoci con discrezione in una “visita” ambientale¬†(siamo a Nancy), in una Francia non teorica n√© “internazionale”, quale potrebbe essere la Parigi cinematografica. Non a caso, una sera a cena fuori citt√†,¬†uno degli amici¬†parla di Rohmer. E insiste nel domandare a Juliette dove sia stata prima di allora, per tanto tempo: ¬ęSono stata 15 anni in prigione per omicidio¬Ľ, risponde lei suscitando una risata generale. √ą il sottile confine della verit√†, della differenza, del racconto e delle sue¬†prospettive morali. Non a caso Rohmer.¬†

Frost/Nixon – Il duello

Frost/Nixon
Ron Howard, 2008
Michael Sheen, Frank Langella, Kevin Bacon, Rebecca Hall, Toby Jones, Matthew Macfadyen, Oliver Platt, Sam Rockwell, Patty McCormack, Gabriel Jarret, Andy Milder, Jim Meskimen, Jenn  Gotzon.

Televisione e politica a confronto. Il vero duello √® tra i due mondi, i due modi di essere, di esprimersi: se sia la Tv a valorizzare l’oggetto su cui mette l’occhio, o se sia l’oggetto a rivelare la reale consistenza della Tv, al di l√† del successo mediatico che una trasmissione pu√≤ avere. La vicenda dell’ex presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon,¬†il cui nome¬†resta legato allo scandalo Watergate, per molti versi √® leggibile, a distanza di oltre 30 anni,¬†in chiave attuale: gli interessi personali, le bugie al popolo,¬† il sangue versato in una guerra disastrosa, le intercettazioni, gli imbrogli –¬†non sono pochi gli uomini politici, anche non americani, ai quali non¬†farebbe male una presa di coscienza. Ma il film di Howard √® qualcosa di diverso da un “ripasso” del Watergate o delle stragi in Cambogia.¬†Il personaggio di David Frost (Sheen), nonostante crediamo di essere¬†ormai supervaccinati verso le aggressivit√† dei “talk show” e dei “reality”, colpisce per la distanza, che attraverso di lui possiamo misurare, tra la realt√† storica – di un paese o anche¬†di una persona – e la rappresentazione che di tale realt√† pu√≤ darci il piccolo schermo con le sue leggi interne,¬†implacabili combinazioni¬†di pubblicit√† e audience. Furono 45 milioni i telespettatori che nell’estate 1977 assistettero alla trasmissione¬†dell’intervista di Frost a Nixon, registrata e mandata in onda in 4 puntate. Il “duello” divenne leggendario. Ora, dopo anche il successo¬†di Frost/Nixon ottenuto dalla pi√®ce teatrale di Peter Morgan¬†da cui¬†il film, Howard¬†non poteva certo contare sul colpo di scena di Nixon (Langella)¬†che ammette la sua colpa. Il regista preferisce farci vivere il set e tutto quello che sta intorno, le lunghe fasi della preparazione, gli accorgimenti strategici e i rischi¬†commerciali nella costruzione del successo del programma. Siamo dentro¬†la Tv, possiamo vedere il miracolo della nascita della relativa verit√† elettronica. Vediamo a confronto due ambizioni tanto diverse quanto cortocircuitanti. Frost, che non √® niente senza il suo furbo sorriso televisivo, sembra lui¬†il principale problema da risolvere: riuscir√† a essere all’altezza del match? E Nixon riuscir√† a schivare le insidie della forma “confessione”, che sta in agguato dietro le apparenze della struttura “intervista”? C’√® suspence. Non per l’esito del confronto, ch√© sappiamo come si concluse, bens√¨ per la scelta di¬†Howard, tutta nella pertinenza massmediologica, dalla quale il film non¬†si scosta¬†neanche per un istante. Alla fine, conclusa l’intervista, ciascuno dei protagonisti (eccellenti le interpretazioni di Langella e Sheen) sembra uscire, finalmente,¬†all’aria aperta. Tutto¬†√® subito cos√¨¬†lontano, accaduto, irrecuparabile se non per il cinema. Curiosa vita televisiva, che prende¬†valore in un film.


Letto 2308 volte.
ÔĽŅ

1 commento

  1. Pingback by CINEMA I film visti da Franco Pecori : cinextutti — 7 Febbraio 2009 @ 14:50

    […] Fonte Bartolomeo Di Monaco […]

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart