Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

CINEMA: I film visti da Franco Pecori

21 Febbraio 2009

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera.¬†√ą autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Dani√®le Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccich√®, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori pu√≤ vantare la stima di Franco Fortini.]
 

Il curioso caso di Benjamin Button

The Curious Case of Benjamin Button
David Fincher, 2008
Brad Pitt, Tilda Swinton, Cate Blanchett, Julia Ormond, Taraji P. Henson, Elle Fanning, Elias Koteas, Jason Flemyng, Faune A. Chambers, Josh Stewart, Mahershalalhashbaz Ali, Peter Donald Badalamenti II, David Ross Paterson.

Benjamin, nato vecchio, morir√† neonato. Non √® un gioco di parole, tuttavia √®, per quanto drammatico, un gioco. Intanto, un infante con la faccia raggrinzita di un Brad Pitt ottantenne √® gi√† un bell’impatto (e una bella sfida per il truccatore Greg Cannom). L’idea √® di Francis Scott Fitzgerald. L’omonimo racconto scritto nel 1922 porta¬†con s√© quell’aria inventiva, intelligente e appassionata, che caratterizz√≤ in tutti i campi i primi decenni del secolo scorso. Poi, superato il primo sbigottimento, visto che il vecchietto non muore e anzi tende a ringiovanire, entriamo in una dimensione di “verifica”, siamo curiosi di vedere come il regista, gi√† bravo in magheggi come i video per Madonna e per i Guns’n Roses nonch√© nella gestione di misteri orripilanti quali l’attivit√† spavalda del serial killer Zodiac (2007),¬†riesca a soddisfare il paradosso delle due linee temporali che da opposte partenze vanno ad incrociarsi in un punto per poi riallontanarsi inesorabilmente. Il curioso caso ci √® narrato in flash da Daisy (Blanchett). La donna, in fin di vita, si fa leggere dalla figlia Caroline (Ormond)¬†un diario che ha conservato gelosamente e in segreto e che comincia cos√¨: ¬ęMe ne vado dal mondo come ci sono entrato, solo e senza niente. Tutto ci√≤ che mi resta √® la mia storia. La scrivo ora mentre ancora me la ricordo. Il mio nome √® Benjamin Button e sono nato in circostanze inusuali¬Ľ. Il diario √® datato 4 aprile 1985. Benjamin nasce a New Orleans¬†la notte in cui finisce la prima guerra mondiale. La madre muore di parto, il padre abbandona il “mostro” sulle scale di un ospizio. Ringiovanito rapidamente, Benjamin se ne andr√† presto. Nel 1930, uomo ancora maturo, vede Daisy bambina. I loro due tempi dovranno ancora scorrere separati¬†prima che, all’incrocio,¬†l’amore si compia.¬†Fincher procede senza scossoni, mantiene fede ad una verosimiglianza ambientale che lascia i necessari spiragli all’evolversi paradossale della vicenda. Certo, quando si tratterebbe di rendere la poesia intima e insieme¬†deflagrante di tutto un mondo che sembra continuamente rovesciarsi come la manica di un cappotto, il trucco non basta pi√Ļ,¬† forse non basta nemmeno il volto del “vero” Pitt, per quanto impegnato al limite delle possibilit√†. √ą la forza della letteratura a non trovare sempre il¬†degno corrispettivo. Sicch√©, paradosso interno, il momento pi√Ļ autenticamente drammatico e fantastico¬†del film sta proprio nella storia di Benjamin nascosta,¬†quella evocata, invisibile, vissuta e sentita soltanto da Daisy, che dal suo letto di morte trasmette alla figlia lo stupore di un accidente irripetibile e assolutamente privato.

Aspettando il sole

Aspettando il sole
Ago Panini, 2007
Raoul Bova, Vanessa Incontrada, Gabriel Garko, Claudia Gerini, Rolando Ravello, Sergio Albelli, Thomas Trabacchi, Raiz, Giuseppe Cederna, Massimo De Lorenzo, Corrado Fortuna, Claudio Santamaria, Bebo Storti, Alessandro Tiberi, Michele Venitucci, Guido Morozzi.
Festival del cinema italiano di Annecy, 2008: Giuseppe Cederna at.

Figure del cinema “di genere” si impegnano in un gioco risarcitorio, per sentirsi meglio, con un film dove non si bada allo spettacolo n√© ci si preoccupa di lisciare il pelo allo spettatore pigro, giovane o meno che sia. Questa √® l’impressione. Ma non siamo negli anni Settanta. N√© Moretti n√© Filmstudio; e indietro, meno che mai Nouvelle Vague, ch√© Belmondo e Seberg si rivolterebbero nel loro¬†letto parigino. Molto pi√Ļ banale. Un alberghetto e tre “balordi” che stuzzicano il portiere di notte in attesa dell’alba. Col permesso del regista possiamo sbirciare¬†nelle camere, luoghi esemplari di ripassi e di ironie merlettate e ammuffite. Una minitroupe di bravi ragazzi del cinema gira un porno con aria stanca, un incontro sadomaso sfocia nel sangue¬†sorprendendo l’ingenuit√† della ragazza. Intanto, i tre balordi gi√Ļ in portineria esasperano il portiere in una trafila di provocazioni cos√¨ finte da sembrare drammatiche. Finch√© il peso progettuale della sceneggiatura cade e si schianta sul set¬†come un pasto mal digerito. Qualsiasi traduzione del senso rischia di apparire esagerata, mentre andrebbe bene per la vendita del prodotto, ben confezionato. Cosa che per√≤¬†il progetto esclude con sdegno.¬†Ma che male c’√® a fare della pubblicit√†?

Underworld: La ribellione dei Lycans

Underworld: Rise of the Lycans
Patrick Tatopoulos, 2009
Michael Sheen, Bill Nighy, Rhona Mitra, Steven Mackintosh, Kevin Grevioux, Craig Parker, Tania Nolan, Jared Turner.

Aristocratico e crudele, il vampiro Viktor (Nighy), assegnato all’immortalit√† da una tradizione che non sopporta la decadenza del male, √® condannato a lottare contro l’altra gen√¨a, dei licantropi imbestialiti nella loro subcondizione. Lo scenario √® medievale, di un medioevo cupo e “sotterraneo”, in cui le manifestazioni relative ai “superpoteri” stridono con le oppressive limitazioni culturali. Lo scontro tra vampiri e lupi ha l’aria di voler essere archetipo oltre che atavico. √ą un mondo dal quale sembrerebbe impossibile uscire. Interviene per√≤ un fattore “romantico”, che stravolge i piani della storia e lascia che dal buio scaturisca l’energia di un amore, capace anche di trasmettere il senso di un riscatto “sociale”. La scintilla √® tra la figlia di Viktor, Sonja (Mitra), e il licantropo Lucian (Sheen), maniscalco “a corte”. Lei, la figlia prediletta, diviene per il padre¬†la vittima da sacrificare dopo l’irrimediabile tradimento; lui,¬†per salvare Sonja dalle grinfie di Viktor, riesce a coinvolgere l’intera schiera di lupi schiavizzati e tutta la¬†popolazione di licantropi scorrazzanti nei boschi: se lo seguiranno potranno¬†uscire dalla misera esistenza e ritrovare l’umanit√† sottratta loro dal malefico vampiro. Lucian ha dalla sua il nuovo potere venutogli dalla propria nascita “impura” (da una licantropa prigioniera), di¬†prendere a piacimento forma umana o di lupo.¬†Indeciso tra la storia romantica¬†d’un amore segreto¬†e l’azione epica di una corsa verso il trionfo della luce e della libert√†, il film chiarisce comunque una tendenza di fondo, del procedere dei destini verso una fatale liberazione dell’umanit√†. Restano oscure le ragioni dei due modelli messi a fronte nella guerra feroce: il vampiro e il lupo. Ma questa √® materia di studi superiori. Lo spettacolo, meno ingenuo dei precedenti due film della saga (Underworld, 2004, e Underworld evolution, 2006), pur nell’accentuazione di forme immaginifiche attinenti all’ibrido, riesce a trasmettere il senso di uno spietato e fatale dolore (Viktor, vittima di se stesso) e di un¬†recupero del sentimento nel passaggio fluido bestialit√†/umanit√†. Gli effetti digitali, questa volta, aiutano.

The Reader – A voce alta

The Reader
Stephen Daldry, 2008
Kate Winslet, Ralph Fiennes, David Kross, Lena Olin, Bruno Ganz, Alexandra Maria Lara, Karoline Herfurth, Volker Bruch, Hannah Herzsprung, Linda Bassett, Susanne Lothar, Matthias Habich, Jeanette Hain, Moritz Grove, Max Mauff, Claudia Michelsen, J√ľrgen Tarrach, Vijessna Ferkic.
Berlino 2009, fc. Golden Globe 2009: Kate Winslet atrnp.

Imparare a leggere. Germania, anni Cinquanta. Michael (Kross), il giovane studente che, a letto prima o dopo l’amore, legge ad alta voce Omero (Odissea), Mark Twain (Le avventure di Huckleberry Finn) e Cechov (La signora con il cagnolino) alla donna¬†pi√Ļ grande il doppio¬†di lui √® convinto di farlo per un esercizio estetico e si compiace dell’intima fusione di piacere trasgressivo e culturale, fuori dalla scuola e lontano dai genitori. L’incontro con Hanna (Winslet) √® stato casuale e fulmineo, per un malessere del ragazzo proprio sul portane di casa di lei. La donna lo ha soccorso amorevolmente come una madre, poi il rapido sviluppo di un’intesa irresistibile. E quella richiesta quasi provocatoria della lettura: ¬ęPreferisco che sia tu a leggere¬Ľ. Pu√≤ sembrare la rappresentazione di un sogno erotico adolescenziale, tanto che improvvisamente Hanna scompare, come per un invito a Michael a tornare alla realt√†. Senonch√© il ragazzo, passato all’universit√† e seguendo per un seminario le fasi di un processo sui crimini del nazismo, ritrova proprio Hanna tra gli imputati, lei che da ex cap√≤, si rese responsabile della morte di trecento donne. Michael rimane sconvolto. Hanna viene condannata all’ergastolo. La rivedr√† dopo 20 anni, all’uscita dal carcere, in tempo per venire a sapere che, analfabeta, ha da lui imparato a leggere. L’Anno Zero della Germania sembra non finire mai. Il bestseller di Bernhard Schlink, A voce alta (1998), da cui il film, √® stato tradotto in 40 lingue. La ferita dell’Olocausto sanguina ancora coinvolgendo il rapporto tra generazioni ormai lontane. L’inglese Daldry (Billy Elliot, 2000, e The Hours, 2003) rischia, trasferendo il romanzo al cinema, di lasciar prevalere la componente romantica su quella della riflessione politica. Ma la sua esplicita tendenza a muoversi sul filo del sentimentale/intellettuale, gi√† espressa con successo specialmente nel 2003, lo salva dall’estetismo e, insieme, dalla riduzione del racconto a film per dibattito. Merito inscindibile dalla bravura della Winslet e di Fiennes, capaci di trattenere nei propri “corpi” il mistero, prolungato nel tempo, di una proiezione interna, necessaria, del destino dei singoli nella durata dell’esperienza. Non per niente The Hours ha fruttato l’Oscar alla Kidman (parte di un terzetto delle meraviglie, con Julianne Moore e Meryl Streep). E questa Winslet pare anche pi√Ļ convincente che non nella scontata e un po’ compiaciuta “lettura” degli anni Cinquanta in Revolutionary Road (con Di Caprio).


Letto 3971 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart