Libri, leggende, informazioni sulla cittĂ  di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

CINEMA: I MAESTRI: La televisione. Piazza o salotto?

28 Novembre 2013

di Raffaello Brignetti
[da “La fiera letteraria”, numero 18, giovedì 2 maggio 1968]

Nonostante la buona diffusione delle utenze radiotelevisive e contrariamen­te a quanto il luogo comune, « una sel­va di antenne », lascerebbe credere, l’Italia è ben lontana dal poter dire che tutti i suoi abitanti seguano la radio o la televisione. La percentuale degli abbonamenti alle radiodiffusioni è del 25,45 al Nord, del 22,90 al Centro, del 15,42 al Sud e del 14,81 nelle Isole. Gli abbonamenti alla televisione sono, al Nord, 16,85 su cento abitanti, al Centro 15,71, al Sud 9,72 e nelle isole 8,64. Si va da percentuali relativamen­te alte come quelle del 18,87 in Lom­bardia, del 18,51 in Liguria e del 17,51 in Piemonte, a percentuali di appena il 7,09, 7,01, in Basilicata e in Calabria.

Anche nel caso della percentuale maggiore (18,87 in Lombardia) biso­gna immaginare che davanti al televi­sore siano almeno tre persone perché la TV giunga a poco più della metà della popolazione. Con le percentuali del 7,09 e del 7,01 le persone davanti a ogni televisore dovrebbero essere otto. E’ possibile che questo succeda, ma, a parte che una metà degli italiani ri­marrebbe comunque estranea ai pro­grammi televisivi, quante persone so­no ancora in ascolto dopo le 22?

Sicuramente i partiti politici avran­no tenuto conto di tale situazione ef­fettiva nell’impostare, specie nel tono, i loro comizi per Tribuna elettorale. Questa del comizio ripreso, tramite un locale pubblico, dalla radio e dalla te­levisione, è un’innovazione che in Ita­lia conosciamo nella presente campa­gna elettorale, utile alle formazioni politiche e agli elettori; e non c’è dubbio che, per diffusione di ciò che i partiti hanno da dire e per comodità e chiarezza di ascolto fra i cittadini, il sistema sia efficace.

Interessa solo i politici

Ma sostanzialmente le cose sono molto cambiate? Il punto è vedere se alle possibilità offerte dallo strumento radiotelevisivo corrisponda un nuovo discorso politico. Finora non sembra.

Aver collocato due comizi, di mez­z’ora ciascuno, dalle 22 in poi, ha con­tribuito a operare una specie di sele­zione e in ogni caso una ulteriore ri­duzione nel numero degli ascoltatori. Ciò è contrario allo spirito di una campagna elettorale, che invece vor­rebbe la parola degli esponenti dei partiti diretta al maggior numero pos­sibile di ascoltatori. Così, pare che la trasmissione sia riservata piuttosto a coloro che di politica si interessano particolarmente; che aspettano, per sentirne parlare. I comizi del PCI e del PSU rispettivamente da Sesto San Giovanni e da Roma succedevano, ap­punto dalle 22, a un telefilm di produ­zione americana e a un quarto d’ora di canzoni. Perché non farli precedere? Sentite le canzoni la maggior parte de­gli ascoltatori se n’è andata a letto.

Se si considera che in media, fra ra­dioascoltatori e telespettatori, i pre­senti erano già pochi, non si ha la sen­sazione che il comizio radio e teledif­fuso abbia raggiunto la penetrazione che rinnovazione avrebbe permesso. Una volta poi accettato il principio che per la media non alta di abbonati e per l’ora tarda si formi, tra il pubbli­co, una selezione, è ovvio che i partiti ne tengano conto. I loro esponenti so­no indotti a rivolgersi a un e non al pubblico.

Quale? Quello, che, fornito di un ap­parecchio radio o di un televisore, ab­bastanza interessato alla situazione politica da far tardi la sera per ascol­tare un oratore e, beninteso, non necessariamente o soltanto del proprio partito, ma, coerentemente col giudi­zio da dare dopo la campagna elettora­le, di tutti gli altri. Un pubblico infine prevalentemente urbanizzato, di città dove l’orario è, di solito, inoltrato. Nei piccoli centri e nelle campagne la gior­nata si chiude presto.

Il comizio radio e teletrasmesso per un pubblico che finisce, quindi, con l’essere abbastanza simile a quello che andava al comizio anche in piazza o in teatro, ha conservato la maggior parte dei caratteri tradizionali. Il tono è di spettacolo non meno che di comunica­zione del programma del partito. La trasmissione in questo senso è at­traente, ma più suggestiva che logica, che informatrice.

Tutta la politica in mezz’ora

Gli applausi, come nel costume più risaputo dell’eloquenza e magari della retorica, arrivano puntuali e intonati alla chiusura sonora del periodo. E’ inevitabile che l’oratore li richiami con qualche frase a effetto. Nella sera­ta dei due comizi citati il clima dello spettacolo si è segnalato anche con l’in­dicazione dei presenti ragguardevoli in prima fila. C’erano Sophia Loren e De Sica, ha avvertito lo speaker, il che, se può aver allietato il pubblico curioso di questi particolari, può non aver avuto alcun particolare significa­to politico.

I « pochi minuti » più volte, a ragio­ne, lamentati, nel suo discorso, dall’on. Nenni, hanno comportato e comporta­no una trattazione rapida degli argo­menti. Per esempio, era stato chiesto al vice-presidente del Consiglio di par­lare: a) sulla programmazione; b) sul­le case, gli ospedali e le scuole; c) sul divorzio; d) sulla condizione degli stu­denti; e) sulla sua personale esperien­za governativa dopo decenni di lavoro all’opposizione; f ) sull’Italia « ricca » e l’Italia « povera »; g) sull’evoluzione politica della Cecoslovacchia. Ora, sen­za entrare nel merito di che cosa Nen­ni pensasse di tutto ciò, non è difficile constatare l’impossibilità, per un ora­tore sia pure esperto e per molti versi come lui affascinante, di esaurire in una mezz’oretta, fra applausi e inter­ruzioni, anche uno solo di quei sette temi, fra l’altro tanto disparati.


Letto 1785 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart