Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

FAVOLE: Il merlo Merlino e il signor Merlot

30 Gennaio 2008

di Lucetta Frisa
[Gli ultimi libri di poesie pubblicati da Lucetta Frisa sono: “L‚Äôaltra”, Manni, 2001 e “Se fossimo immortali”, Joker, 2006]

Il merlo Merlino era un piccolo merlo dalle piume sempre arruffate, che apparteneva al signor Merlot, un signore come ce ne sono tanti, sempre vestiti di grigio o di beige, che vivono da soli perché sono molto timidi e convinti che tutti gli uomini sono cattivi e la vita una cosa triste da sopportare con rassegnazione.

¬†¬† Il merlo Merlino viveva appollaiato in cima al suo trespolo, da dove dominava,con i suoi occhietti che sembravano intorpiditi e invece erano molto svegli, tutto l’appartamento del suo padrone, mentre il suo padrone viveva appollaiato su uno sgabello davanti alla scrivania del suo ufficio e non dominava niente e nessuno. Collegarsi a Internet, sul computer, gli dava la fantastica sensazione di attraversare il mondo, il tempo e lo spazio, ma poi, quando lo spegneva, questa illusione finiva di colpo.
¬†¬† Il merlo Merlino beveva acqua, fischiettava tutto il giorno ed era abbastanza felice.¬† Dico abbastanza perch√©, in fondo, gli sarebbe piaciuto, come a tutti gli uccelli, volarsene via fuori dalla gabbia e fuori dalla finestra. Mentre il signor Merlot, poverino, mangiava poco perch√© soffriva di bruciori allo stomaco, per√≤… per consolarsi un po’, non poteva fare a meno del merlot. Come sapete, il merlot √® un delizioso vino veneto, veneto come il signor Merlot, che si chiamava proprio come il vino. Ma il vino era rosso brillante, il signor Merlot, grigio spento. Insomma, non era per niente felice.
   Tornava alla sera tardi dal lavoro, si buttava come un sacco sul divano del soggiorno, e borbottava.
¬†¬†¬† – Non ne posso pi√Ļ. Domani gli dico tutto quello che penso, a quello l√† (quello l√† era il suo collega Fortebraccio, un fustaccio alto e biondo, palestrato e molto fortunato. Gli faceva un sacco di dispetti e lo umiliava( ora questo si chiama mobbing). Imparer√† a conoscermi. Dovr√† chiedermi scusa o lo far√≤ licenziare.
¬†¬† Poi alzava lo sguardo su Merlino che se ne stava un po’depresso e arruffato nella gabbia – e sospirava.
   РMerlino mio, solo tu mi capisci.
   A quel punto il merlo, che era stato ammaestrato, rispondeva.
   РBravo Merlot, sei un figo. Fortebraccio è una ciofeca.
¬†¬† Allora Merlot, pi√Ļ sollevato, gli dava da mangiare.
   Dopo mangiava anche lui, cioè mangiucchiava cosucce prese a caso dal frigo,  fredde e insipide, ma il merlot non mancava mai.
   Finita la cena, diventava sentimentale (il merlot cominciava a fare il suo effetto) e iniziava un altro lamento.
   -Oh Agata, Agata del mio cuore, dove sei? Cosa fai? Con chi sei?
¬†¬† Agata era una ragazza che abitava al piano superiore. Il signor Merlot era troppo timido per rivolgerle la parola quando la incontrava nell’ascensore o al supermercato.
   Il merlo aveva imparato a dire
  РAgata,ti amo.
¬†¬† Poi il signor Merlot accendeva la tiv√Ļ, si sdraiava sul divano e si addormentava¬† come un sasso sognando Agata.
   Tutte le sere si ripeteva la stessa scena.
¬†¬† Il merlo Merlino non ne poteva pi√Ļ. Le sue piume erano diventate una matassa aggrovigliata. Aveva gi√† la venerabile et√† di tredici anni e a forza di assistere a questa scenetta per 4743 volte – dato che si moltiplica 365 che √® il numero dei giorni dell’anno, per 13 – il numero egli anni di Merlino –¬† era sempre sull’orlo di una crisi di nervi.
   Ma una sera Рnon si sa se la 4746 esima o la 4747 esima Рil merlo Merlino si ribellò. Invece di dire Bravo Merlot, sei un figo, quando era il suo turno di parlare, si mise a fischiare. Un fischio così lungo, acuto e potente, che tutte le finestre del quartiere si spalancarono, le luci si accesero, la gente si affacciò, protestando. Immaginava che quel suono provenisse da un nuovo modello di antifurto.
   Anche il signor Merlot si affacciò, facendo finta di niente ma era sconvolto perché il suo merlo ammaestrato,dopo tredici anni di assoluta obbedienza, si era comportato così.
¬†¬† Quella sera, il merlo Merlino continu√≤ a fischiare fino a notte alta, non c’era verso di farlo tacere. Neppure lasciandolo a digiuno, neppure dandogli da bere qualche goccia di merlot. Anzi…
¬† Questo non era che l’inizio di una serie di fatti straordinari.
   Infatti, la mattina seguente, il timido signor Merlot, disse al collega palestrato e fortunato, quello che da troppo tempo gli pesava sullo stomaco. Fortebraccio rimase a  bocca aperta, perché mai si sarebbe immaginato da lui tanto coraggio, ma il suo stupore aumentò quando Merlot, con un sorriso, lo invitò a cenare a casa sua.
  РLe farò assaggiare il mio merlot Рbalbettò Merlot, emozionato.
   Anche Merlot era stupito di sé stesso.
¬†¬† Anche Fortebraccio era un bevitore accanito – non di merlot ma solo di acqua e limone- e accett√≤ subito l’invito con entusiasmo. Anche il signor Merlot fu molto stupito della reazione del collega. Un tipo come lui – pensava Merlot – campione di surf e sempre molto aggiornato sugli ultimi modelli dei cellulari, avrebbe fatto cadere dall’alto il suo consenso.
¬†¬† Invece Fortebraccio and√≤ a trovarlo la sera stessa. Entr√≤ nell’appartamento¬† guardandosi in giro come un gallo che prende possesso del pollaio, e con la voce al massimo volume. Raccont√≤ tutte le sue imprese, passate, presenti e future, mentre Merlot lo ascoltava ammirato e anche un po’invidioso, rannicchiato nel divano.
¬†¬† Fortebraccio, quella sera, invece dell’acqua e limone, bevve 14 bicchieri di merlot. Merlino li aveva contati dal suo posto di osservazione, e quando lo vide ingoiare il quindicesimo e mettersi a raccontare un’altra delle sue imprese, non resistette pi√Ļ a quelle bufale e fischi√≤.
  Il fischio assomigliava al suono di un antifurto.
  РChi fischia? Рsobbalzò spaventato Fortebraccio, rovesciando il merlot sul tappeto.
  Fino a quel momento, non si era accorto della presenza di Merlino.
¬† – Fortebraccio √® una ciofeca –¬† disse il merlo Merlino – Merlot √® un figo.
  РLe presento il mio merlo Рbalbettò Merlot, rosso e confuso Рnon faccia caso a quello che dice.
  РMa allora voi non mi credete РFortebraccio si sgonfiò come un pallone bucato. Il suo vocione diventò una vocetta da bambina.
¬† – Fortebraccio √® una ciofeca. Fortebraccio √® una ciofeca – insisteva il merlo come un disco rotto e con le piume sempre pi√Ļ arruffate.
¬† – E’ vero, sono una ciofeca – piagnucol√≤ Fortebraccio – Io sono un uomo solo e alla sera bevo acqua e limone per farmi compagnia e di giorno vado in palestra per farmi i muscoli e a lezione di canto per ingrossarmi la voce…e faccio credere alla gente di essere quello che non sono. Perch√© mi vergogno di me.
   A questa improvvisa confessione, Merlot restò senza fiato. Si slanciò ad abbracciare Fortebraccio e gli gridò, commosso
  РAmico mio!
¬†¬† Il merlo Merlino riprese a fischiare, ma questa volta il suo era un fischio all’americana e cio√® un applauso.

¬†¬† Le novit√† nella vita del signor Merlot, non finirono qui. L’amicizia con Fortebraccio lo rese meno timido e pi√Ļ contento. Alla sera Fortebraccio gli insegnava a cantare accompagnandosi con la chitarra. Merlot si compr√≤ un tamburo. I loro concerti finivano sempre con un lungo fischio di approvazione: quello di Merlino.
  Ora Merlot era pronto ad affrontare un incontro con Agata, la ragazza del piano superiore. Aveva molti argomenti per rompere il ghiaccio.
¬†¬† Eccola sul pianerottolo. Portava i sacchi della spesa. Portava anche i capelli neri sciolti sulle spalle, i tacchi alti e un piercing brillante sul lobo dell’orecchio. Era bellissima, almeno cos√¨ sembrava a Merlot.
¬†¬† – Forse, di sera, la disturberemo con la nostra musica – disse Merlot mentre il cuore gli batteva pi√Ļ del suo tamburo –¬† Volevo scusarmi molto per questo.
¬†¬† – Ma si figuri! – rispose Agata con un sorriso sfavillante – la musica mi piace. Solo che non capisco quel fischio, alla fine delle vostre esecuzioni. Che cos’√®?
   РMa è Merlino, il mio merlo.
   РLei ha un merlo? Oh guarda! Non lo sapevo!
   РVuole che glielo presento? РMerlot si fece audace.
   РMa  con piacere! Adoro gli uccelli.
   РPrego, si accomodi.
¬†¬† Agata entr√≤ nell’appartamento di Merlot come se ci fosse sempre stata. Si guardava in giro incuriosita, cercando con gli occhi la gabbia di Merlino.
¬† Merlot si fece ancora pi√Ļ audace.
¬†– Gradisce un bicchiere di merlot? Poi si pent√¨ perch√© le donne che lui aveva conosciuto preferivano tutte l’aranciata.
¬† –¬† Con piacere. E ci possiamo anche mangiarci insieme qualcosina. Le va?
  Agata aprì il sacco della spesa, estrasse un sacchetto di patatine, un sacchetto di olive, un sacchetto di stuzzichini vari, un sacchetto di grissini, un sacchetto con del parmigiano e un salame.
  Si accomodarono sul divano. I due occhioni teneri di Agata era meglio non guardarli troppo da vicino per non farsi venire le vertigini. Da seduta, poi, si vedevano bene le sue belle gambe.
  Un fischio potente li fece sussultare.
¬† – Non si preoccupi. E’ il mio merlo – disse Merlot, arrossendo –¬† vorrei che lei lo vedesse…
¬†¬† Ma dov’era? Merlino non era pi√Ļ in gabbia. Era riuscito ad aprirla e stava appollaiato sul lampadario. Come aveva fatto? Anche lui, da lass√Ļ, con la testa rovesciata, vedeva l’appartamento in modo diverso.
   Merlot si ricordò che, ai tempi di suo padre, gli uomini, quando vedevano una bella ragazza, si mettevano a fischiare. Forse Merlino lo sapeva?
¬† – Alla nostra salute! – disse Merlot, alzando un bicchiere di merlot- e lui e Agata si misero a ridere di trovarsi l√¨, a bere il merlot, a mangiare tutto quello che c’era nei¬† sacchetti, dopo tanti anni che si conoscevano e vivevano sotto lo stesso tetto senza avere mai fatto amicizia.
¬†¬† Ci fu un lungo silenzio un po’ imbarazzato, durante il quale la signorina Agata si sistem√≤ le pieghe della gonna, si lisci√≤ i capelli con le mani e si raschi√≤ la gola. Il signor Merlot batt√© nervosamente la suola sul pavimento e cominci√≤ a grattarsi un foruncolo.
¬†¬† – Agata, ti amo – url√≤ il merlo Merlino all’improvviso, dall’alto del lampadario e quella frase ebbe l’effetto di un’esplosione.¬† Merlot e Agata, prima sobbalzarono, poi caddero l’uno nelle braccia dell’altra.
   Era fatta.
¬†¬† Il merlo scese gi√Ļ dal lampadario, gir√≤ i suoi occhietti vivaci e soddisfatti sui due innamorati, poi sulla sua gabbietta aperta e, con un leggero saltello, vol√≤ fuori dalla finestra. Aveva le piume lisce, tutte a posto.
   Ora, si sarebbe sentito di troppo, tra quei due.


Letto 2771 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart