Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

LETTERATURA: I MAESTRI: Appunti sulla lingua dei giornali: Virgole e virgolette

23 Luglio 2008

di Luciano Satta
[da “La Nazione”, 30 settembre 1968]¬†

Giudicare in lingua il proprio direttore, criticarlo o elogiarlo, √® compito in ogni modo difficile e ingrato; e non tanto per il ri¬≠schio del licenziamento da una parte, quanto per quello del so¬≠spetto di adulazione dall’altra. Ci√≤ nonostante anche di Enrico Mattei, come abbiamo fatto e faremo per gli altri, cercheremo di dire, oltre che tutto il bene, anche tutto il male possibile, ga¬≠rantiti con opportune trattative preliminari, e comunque sia ag¬≠giungendo al dir male di lui, con sicuro effetto di salvaguar¬≠dia personale, il dir male degli altri.
Sbarazziamoci subito delle po¬≠che note negative. Ce n’√® una molto piccola, anche ortografica¬≠mente: la virgola. Mattei usa virgolare fra sostantivo e pro¬≠nome relativo pur quando la pro¬≠posizione relativa ha la funzione di limitare e di restringere. Ci spieghiamo terra terra. Quando si dice ¬ę I ministri che hanno sbagliato devono dare le dimis¬≠sioni ¬Ľ, si esprime un concetto diverso dal seguente: ¬ę I mini¬≠stri, che hanno sbagliato, devono dare le dimissioni ¬Ľ. Nel primo caso sembra che lo scrivente suggerisca le dimissioni di ¬ę alcuni ¬Ľ ministri, nel secondo quelle di tutto un governo. ¬ę L’uomo che √® intelligente ¬Ľ √® diverso da ¬ę L’uomo, che √® intelligente ¬Ľ; e ne sanno qualche cosa i giovi¬≠netti alle prese con il latino, i quali devono scegliere, in casi come questi, tra congiuntivo e indicativo.
Mattei trascura questa distin¬≠zione. Alcuni esempi: ¬ęL’uomo, che dovrebbe avere l’iniziativa nell’elaborazione della politica nazionale… ¬Ľ; ¬ę II governo, che sta per nascere… ¬Ľ; ¬ę … la verit√† dei fatti, che sono oggetto dei nostri rilievi… ¬Ľ; e cos√¨ via.
Non √® una virgolatura sbaglia¬≠ta, ma una virgolatura all’antica che oggi la buona prosa ha la¬≠sciato da parte. Ed √® una sciocchezza, ma pu√≤ portare a errori di concetto, a un travisamento del pensiero di chi scrive. Pu√≤ accadere persino, per l’inezia di una virgola, che Mattei opposi¬≠tore del governo ne sembri un lodatore se, in luogo di ¬ę II go¬≠verno che sa il fatto suo ¬Ľ (cio√® ¬ę Un governo che sappia il fatto suo ¬Ľ, scrive ¬ę II governo, che sa il fatto suo ¬Ľ (cio√® ¬ę Questo governo sa il fatto suo ¬Ľ). Bisogna per√≤ aggiungere che il di¬≠fetto, se difetto √®, √® proprio di altri bravissimi commentatori politici.
Si pu√≤ inoltre mettere in rilievo di Enrico Mattei, frutto inevitabile della sua veemenza di argomentatore e della sua indignatio politica, il vezzo de¬≠gli interrogativi retorici. Si contano quattordici proposizioni in¬≠terrogative in un suo articolo di fondo dell’anno scorso (e c’√® anche la frase interrogativa den¬≠tro la frase interrogativa, a sca¬≠tola cinese). E in un altro arti¬≠colo ce ne sono otto consecutivi. Ma anche qui Mattei non √® solo: con spiegabile rammarico di partigiani stavamo per attribuire proprio al nostro direttore il poco lusinghiero primato delle interrogazioni consecutive, quan¬≠do abbiamo visto che lo ha su¬≠perato di due lunghezze Mario Missiroli. Meno male.
Per√≤ i difetti finiscono qui, e si riconoscer√† che sono poca cosa. C’√® stato un collega che ha fatto giustizia sommaria del giornalismo italiano con frasi di condanna generiche e frettolose. Egli ha dedicato fra l’altro pa¬≠role di sfumata ironia al modo spesso stereotipato con il quale i nostri ¬ę fondisti ¬Ľ cominciano i loro articoli, alla formula inva¬≠riabile di certi loro ¬ę attacchi ¬Ľ. Questo modo √® anche di Enrico Mattei:
¬ę Diciamolo con tutta fran¬≠chezza ¬Ľ.
¬ę E’ incredibile ma √® vero ¬Ľ.
¬ę Diciamo la franca verit√† ¬Ľ.
¬ę Dobbiamo obiettivamente am¬≠metterlo ¬Ľ.
¬ę Non¬† c’√®¬† dubbio ¬Ľ.

 

Pastorale

Ma in verit√† non riusciamo a trovare niente di male, special¬≠mente dal punto di vista lingui¬≠stico, in questi piccoli prologhi che hanno il pregio dell’imme¬≠diatezza, inquadrano una vicen¬≠da, anticipano un commento, stabiliscono una diretta comunicazione con il lettore.
Lasciata in ogni modo da par¬≠te anche questa futile cosa, ve¬≠diamo Mattei sotto l’aspetto del¬≠le accuse pi√Ļ gravi e pi√Ļ frequenti che si fanno al giornali¬≠smo: lingua burocratica, ¬ę ger¬≠galismi ¬Ľ, e insomma identit√† con i contorcimenti lessicali e sintattici del parlare e dello scrivere dei politici. Le prove della sensibilit√† linguistica di Mattei sono assai numerose: di irreversibile dice che √® bruttis¬≠simo, arriva a scrivere rilanciare fra virgolette, un aggettivo co¬≠me statuale lo fa ridere; anzi chi lo legga con attenzione ve¬≠dr√† come egli eviti con cura tutta la florida schiera degli agget¬≠tivi che sostituiscono un genitivo; cosicch√© si pu√≤ scorgere, ol¬≠trech√© l’ironia politica, anche un po’ di ironia contro la moda lin¬≠guistica, quando a bella posta scrive pastorale anzich√© del mi¬≠nistro Pastore.
Le sue stesse parole predilette attingono al linguaggio di tutti i giorni, e da quello politico so¬≠no presi in prestito solo i ter¬≠mini pi√Ļ pittoreschi per la forza del traslato, e quindi pi√Ļ acces¬≠sibili, come rimorchiare, scolla¬≠mento. Presa a caso una sua corrispondenza politica vi abbia¬≠mo letto soltanto due parole ve¬≠ramente burocratiche, prioritario e transitorio, e sono per di pi√Ļ citazioni indirette del pensiero di uomini di governo; mentre vi abbondano espressioni del par¬≠lare comune e familiare: a tutto vapore, come quattro e quattro fanno otto, a passo di lumaca, e via di seguito. Il ripudio del bu¬≠rocratismo, della parola a corso forzoso, dell’espressione ridotta a slogan √® in lui pi√Ļ facile an¬≠che automaticamente, perch√© Mattei √® un oppositore, e la sua √® per istintivo disdegno anche opposizione di linguaggio. L’uf¬≠ficialit√† non lo attrae.
Cos√¨ egli √® uno dei meno re¬≠torici rappresentanti del giorna¬≠lismo, e introduce nello stile dell’articolo di fondo e della corrispondenza politica modi anticonformistici, una fraseologia pi√Ļ viva e pi√Ļ spontanea, un lessico meno aulico e meno logoro, qua¬≠si un riflesso di un superiore distacco e di un avveduto scetticismo nei confronti di certe pic¬≠colezze della vita politica, e una reazione ai suoi sotterfugi, che sono anche sotterfugi di lingua.
Le cose che si son dette per Enrico Mattei valgono anche, in gran parte, per Giovanni Spado¬≠lini. Anche lui indulge all’¬ę at¬≠tacco ¬Ľ immediato, con qualco¬≠sa di perentorio e di aggressivo in pi√Ļ:
¬ę Diciamo la verit√† fino in fondo ¬Ľ.
¬ę Scelba. Non Scelba ¬Ľ.
¬ę Ha ragione l’Unit√† ¬Ľ.
¬ę Possiamo¬† capire¬† tutto ¬Ľ.
¬ę Non illudiamoci ¬Ľ.
E anche lui indulge agli inter¬≠rogativi. Non arriva magari a sciorinarne otto di fila, ma solo quattro. Per√≤ √® un po’ curioso che questi quattro (in un arti¬≠colo del marzo scorso) siano introdotti dalla premessa che ¬ę il problema √® uno solo ¬Ľ. Molte volte √® interrogativa la conclu¬≠sione dell’articolo: ¬ę Ma verr√† mai quel giorno? ¬Ľ. ¬ę Ci sar√† qualcuno che lo capir√†, prima che sia troppo tardi? ¬Ľ.
La differenza tra Mattei e Spadolini √® presto detta: giorna¬≠lista puro il primo, giornalista e uomo di cattedra il secondo. Spadolini porta cos√¨ nei suoi scritti giornalistici qualcosa del¬≠l’aura dotta della sua disciplina di storico, con una leggera pun¬≠ta di retorica.
 

Le negazioni

II linguaiolo impenitente e conservatore pu√≤ s√¨ trovare qual¬≠che minuscolo neo nel suo elo¬≠quio, qualche pleonasmo: este¬≠nuanti, defatiganti; qualche ca¬≠cofonia: da parte dei partiti. Queste cosette noi le rileviamo perch√© abbiamo promesso di non essere n√© parziali n√© teneri. E per imparzialit√† annoteremo un’altra piccola pecca. Dicemmo altra volta, racimolando alcune osservazioni sul linguaggio degli uomini politici, che essi abusano dell’espressione negativa, per eufemismo o per generale vezzo retorico; per cui invece di dire ¬ę Con grande commozione ¬Ľ si preferisce dire ¬ę Non √® senza grande commozione ¬Ľ (anche il Capo dello Stato cominci√≤ cos√¨ un discorso). Notammo che l’a¬≠buso del non pu√≤ giocare brutti scherzi, essendo facile lasciarne scivolare nella frase uno di pi√Ļ che rovescia il concetto quale era nelle intenzioni del parlante o dello scrivente. E portammo a esempio una frase di un ¬ę saluto a Saragat ¬Ľ dell’Osservatore romano, dove il significato era che alla Santa Sede non impor¬≠tava nulla che il Presidente andasse a trovare il Papa; e una frase di Longo che risultava be¬≠nevola per gli americani. Cos√¨ ci pare sia accaduto anche a Spadolini, quando ha scritto: ¬ę Praticamente non passa giorno senza che ” l’Unit√† ” non esalti le ali estreme della sinistra de¬≠mocristiana e cattolica per la linea di aperta e insolente rot¬≠tura assunta nei riguardi dello Scudo crociato ¬Ľ.
 

Due caratteristiche

Due sembrano essere le caratteristiche pi√Ļ evidenti di Spadolini: una di sintassi, una di orto¬≠grafia. La prima √® il frequente ricorso alla parola olofrastica (quella cio√® che da s√© sola com¬≠pendia un’intera frase) e alla proposizione ellittica in genere. Un mucchietto di esempi: ¬ę Ma¬≠gari! ¬Ľ (a conclusione di un articolo) ; ¬ę E infine. E infine ¬Ľ; ¬ę D’accordo: ¬Ľ; ¬ę S√¨. ¬Ľ; ¬ę No. ¬Ľ; ¬ę Vietnam. ¬Ľ; il gi√† citato ¬ę Scelba. Non Scelba. ¬Ľ; ¬ę II linguaggio del buon senso e della ra¬≠gione ¬Ľ; ¬ę Tutto chiaro. ¬Ľ; ¬ę E poi. ¬Ľ; ¬ę Per nostra fortuna. ¬Ľ; ¬ę Ma Fanfani? ¬Ľ; ¬ę Nuova mag¬≠gioranza? ¬Ľ; ¬ę Statu quo. ¬Ľ; ¬ę A proposito di enti locali. ¬Ľ. ¬ę La riforma regionale, s√¨. ¬Ľ. ¬ę La di¬≠sciplina urbanistica, s√¨? ¬Ľ.
La conclusione di un articolo con frasi ellittiche in serie gli è poi particolarissima. Sentite.
¬ę E su tutti gli altri piani, re¬≠gioni comprese. Se non si vor¬≠r√† riaprire la via dell’avventura; e questa volta senza speranza di uscirne ¬Ľ.
¬ę Un ruolo di mediazione, un ruolo di moderazione e di equi¬≠librio. Contro le riaffioranti ten¬≠denze ad un centro-sinistra avan¬≠zato: foriero soltanto dell’avven¬≠tura elettorale. E magari non solo elettorale ¬Ľ.
¬ę Contro tutte le intolleranze, contro tutte le faziosit√†, contro tutte le discriminazioni. A meno di non voler restituire l’iniziati¬≠va politica ai comunisti. Col ri¬≠sultato di liquidare in una sola volta, contemporaneamente, Scelba e Nenni. E il resto ¬Ľ.
L’altra particolarit√† di Spado¬≠lini, quella ortografica, consiste nelle virgolette. Non se ne tro¬≠vano mai tante altrove come nei suoi articoli. Scusate l’inevitabi¬≠le bisticcio, Spadolini mette le virgolette alla stessa parola virgo¬≠lettato (in un articolo che ha venticinque coppie di virgolette). L’uso di questo segno √® definito da qualcuno un semanticidio, e certo qualche volta Spadolini ec¬≠cede. Per√≤ facciamo qualche esempio di parole e di espressioni usate da lui, e che sono fra vir¬≠golette: scelte di civilt√†, patito, doppio binario, delimitato, milazzismo, diarchia, verifica, einaudiano, trattative globali, avanzato, rimpastato, unitario, de¬≠cantazione, frontismo, sganciamento, terza forza, banco di prova, concorrenziale.
Qui c’√® il ripudio sistematico e consapevole di ogni bruttura della lingua burocratica, di ogni locuzione che ha visto appassire ben presto il suo vigore di tra¬≠slato per diventare logora formuletta. Spadolini √® forse l’unico giornalista che, se deve usare la parola strumentale, della quale tutti abusano sconciamente, la confina tra virgolette. E’ una ve¬≠recondia lessicale che dovrebbe essere di esempio a tutti gli in¬≠colti orecchianti del patrio idio¬≠ma; √® un decoro linguistico che onora Giovanni Spadolini e il giornalismo. Altro che semanti¬≠cidio.

 


Letto 2957 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Pingback by Libru » LETTERATURA: I MAESTRI: Appunti sulla lingua dei giornali: Virgole … — 23 Luglio 2008 @ 06:13

    […] remo: di Luciano Satta [dal “La Nazione”, 30 settembre 1968]. Giudicare in lingua il proprio direttore, criticarlo o elogiarlo, √® compito in ogni modo difficile e ingrato; e non tanto per il rischio del licenziamento da una parte, … […]

  2. Pingback by Fontan Blog » LETTERATURA: I MAESTRI: Appunti sulla lingua dei giornali: Virgole … - Il blog degli studenti. — 23 Luglio 2008 @ 07:32

    […] Read more Posted by | […]

  3. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 23 Luglio 2008 @ 16:21

    Questo piacevole articolo ha s√¨ il pregio di mettere in evidenza, in maniera arguta ed anche ironica, i difetti di chi scrive sui giornali, ma soprattutto ci fa capire quanto sia difficile l’uso della nostra lingua. Essa presenta “tranelli” (anch’io ho usato il virgolettato!) nei quali possiamo cadere in ogni momento. Succede spessissimo anche a me, che pur ci sto attento! Ma nel giornalismo, oltre allo scrivere con errori, sia di sintassi che di morfologia talvolta frequenti, notiamo che si procede frequentemente per slogan, ci si muove attraverso l’uso burocratico della parola, si adoperano termini stranieri, dimenticandoci che vi sono altrettante parole italiane con lo stesso significato e non considerando la difficolt√† di molti lettori a ben comprendere.
    E poi che dire della retorica spalmata ad ogni passo?
    Gian Gabriele Benedetti

  4. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 23 Luglio 2008 @ 20:53

    Luciano Satta ha scritto per anni su La Nazione articoli dedicati alla nostra lingua. E’ autore di “Come si dice – Uso e abuso della lingua italiana”, Sansoni,1968, e di “Scrivendo e parlando”, Sansoni, 1988.
    Ciao.

    Bart

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart