Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

LETTERATURA: I MAESTRI: Giovanni Guareschi: Un uomo solo

12 Giugno 2008

di Mosca
[dal “Corriere della sera”, marted√¨ 23 luglio 1968]¬†

Giovanni Guareschi morì 40 anni fa, il 22 luglio 1968, colpito da infarto cardiaco. Nato il 1 maggio 1908, abbiamo ricordato il centenario della nascita qui, con un articolo di Daniela Marcheschi.


Nino Guareschi, precettore in un collegio e correttore di boz¬≠ze del giornale della sua citt√† nat√¨a, ¬ęLa Gazzetta di Par¬≠ma ¬Ľ, venne al ¬†¬ę Bertoldo¬Ľ nel novembre del 1936. L’anno dopo, in aprile, ne era il redat¬≠tore capo. Mosca e Metz, i due direttori, avevano forse, allora, pi√Ļ estro di lui, ma c’era bi¬≠sogno, in un giornale fatto di gente troppo estrosa, di qual¬≠cuno che tenesse le redini e si rendesse garante presso l’edito¬≠re Rizzoli dell’uscita nel gior¬≠no stabilito.
Il giovanotto venuto da Par¬≠ma, anzi da quel gruppetto di venti case che si chiama Fontanelle che l’aveva visto nasce¬≠re il primo maggio del 1908 non aveva soltanto il bernocco¬≠lo della precisione e dell’organizzazione. Era un umorista nato, forse con meno immagi¬≠nazione e fantasia di qualcu¬≠no dei suoi compagni di lavo¬≠ro, anzi fin troppo coi piedi piantati in terra, un umorismo solido, da contadino, che come una vanga andava a fondo, fi¬≠no alle radici.
Si rivel√≤ ben presto in Gua¬≠reschi il genio d’una satira non scintillante e, in fondo, bona¬≠ria come quella alla Pasquino, ma la dura, la opaca, la osti¬≠nata di chi ha nel sangue la terra monotona e i cieli sem¬≠pre uguali della ¬ębassa¬Ľ. Gua¬≠reschi la travest√¨ di fantasia solo durante gli anni del ¬ęBertoldo¬Ľ, quando bisognava par¬≠lar per allusioni, scrivere tra le righe, ma la gente intese e avvert√¨, il ¬ęBertoldo¬Ľ fu una piccola bandiera ch’ebbe il torto, per molti, di non essere che una bandiera borghese.
Ma gli anni d’oro di Guare¬≠schi dovevano ancora venire. Cominciarono nel ’46, quando l’antico precettorino di Parma. fresco reduce da un campo di concentramento in Polonia, e direttore di ¬ęCandido¬Ľ, si bat¬≠t√© per la monarchia con mag¬≠gior impegno e pi√Ļ vivo ardo¬≠re che non un monarchico. Guareschi non amava troppo i re, suo padre, socialista, gli ave¬≠va insegnato a detestarli. Ma in prigione il simbolo di quel¬≠la magnifica resistenza che ave¬≠va avuto nel baffuto tenente il suo capo era stato il biglietto, ricordate?, da dieci lire con la effigie del re. Non uno dei se¬≠greti possessori del talismano che abbia collaborato coi tede¬≠schi. Al tempo del referendum, perci√≤, Guareschi, socialista e repubblicano nel sangue, si bat¬≠t√© generosamente e coraggiosa¬≠mente per il figlio di quel re la cui immagine, ridotta a brandelli, aveva conservato. Ve¬≠nimmo sconfitti, ma deve mo¬≠rire tutta la generazione dei lettori del primo ¬ęCandido¬Ľ perch√© si spenga il ricordo di una vignetta di prima pagina raffigurante Umberto II che parte in esilio accompagnato, come da un volo di rondini, dal biancheggiare di dieci milioni di schede.
Due anni dopo, la battaglia per la difesa della libertà. Que­sta non venne perduta, e alla vittoria del 18 aprile gli scrit­ti e i disegni di Guareschi non furono certo estranei. Ve ne fu uno, quello dello scheletro del soldato morto in un cam­po di concentramento sovieti­co che invita la madre a vo­tare per lui contro i comunisti, che non procurò certo pochi voti alla Democrazia cristiana.
Si accusa oggi Guareschi di una satira troppo ¬ęcattiva¬Ľ, troppo faziosa. Ricorderete i suoi ¬ęTrinariciuti¬Ľ. Ma non era davvero, quello, tempo di discussioni sulla ¬ędelimitazione della maggioranza¬Ľ. Perdere significava, per Roma, fare la fine di Budapest e di Praga. Perci√≤, poco pi√Ļ tardi, parve strano, o almeno incoerente, che nel ¬ęDon Camillo¬Ľ, una raccolta di racconti apparsi nello stesso ¬ęCandido¬Ľ i pro¬≠tagonisti fossero un prete e un comunista che, pur avversari irriducibili, finivano, in fondo in fondo, con l’andare d’accordo. Fu un successo mon¬≠diale. Cinque milioni di copie. Traduzioni in pi√Ļ di venti lingue.
L’incoerenza era tutta appa¬≠rente. A parte il fatto che Peppone e Don Camillo anti¬≠cipano il dialogo e la repubbli¬≠ca conciliare, Guareschi, pas¬≠sato il momento rovente della polemica, s’abbandona a una sua seconda natura, non meno schietta di quella satirica: la natura paesana, le venti case di Fontanelle, quei buoni bic¬≠chieri di fortana, un vinello leggero che non d√† alle gambe ma al cuore, cos√¨ che ogni volta, puntuale, a far fare la pace a Peppone e a Don Camillo compare De Amicis.
Forse, per una pi√Ļ lunga e serena vita del ¬ęCandido¬Ľ sa¬≠rebbe stata utile a Guareschi la compagnia di chi, pur delle sue stesse idee, lo avesse indot¬≠to, quando dopo i trionfi ven¬≠nero le amarezze, a contenere quella sua polemica giornalisti¬≠ca che moltiplicando ogni giorno i suoi bersagli fin√¨ col venire esercitata non solo contro i comunisti, ma contro tutti, e con la stessa acrimonia.
Cominciano qui gli anni in cui Guareschi, perduti i veri amici, e certo mal consigliato, va forse oltre i propri limiti e conduce in buona fede cam¬≠pagne sbagliate che lo porta¬≠no, come √® noto a tutti, alla querela mossagli da De Gasperi (e che tanto rattrist√≤ lo statista insigne) e alla condanna a un anno di prigione. E qui l’uomo di parte, e qui il grande giornalista caduto in peccato di faziosit√† si riscatta rifiutandosi di interporre ap¬≠pello e scontando intera la condanna.
L’unica supplica che mosse fu di venir chiuso in una pri¬≠gione stando alle cui sbar¬≠re si potesse respirar l’aria e sentir le voci della sua Parma.
Tredici anni fa. Fu allora che Guareschi cominci√≤ a mo¬≠rire. Usc√¨ dalla prigione deluso, amareggiato, cosciente di aver preso la strada sbagliata, ma continu√≤ a inoltrarvisi e a battersi cos√¨ come s’era battuto per quella vecchia imma¬≠gine a brandelli nascosta co¬≠me un tesoro nella fodera del¬≠la giubba da ufficiale.
Nel ’57 lasci√≤ la direzione del ¬ęCandido¬Ľ, del quale rimase collaboratore. Malato, continu√≤ a scrivere e a disegnare anche in altri giornali, ma s’era or¬≠mai andato cos√¨ chiudendo in se stesso che altri affetti non gli erano rimasti se non quelli della famiglia, la moglie Ennia, la figlia Carlotta – pro¬≠tagonista d’uno dei suoi pi√Ļ bei libri – il figlio Alberto.
Ora c’era anche un nipotino, Michele, ma il cuore del nonno che aveva tanto palpitato di entusiasmi e di ideali, di gene¬≠rosi impulsi e d’aspri rancori non gli pot√© dare che i pochi battiti rimasti, le ultime te¬≠nerezze.
E per gli antichi amici non palpit√≤ mai? Sono certo che, gli ultimi anni di Guareschi non furono privi di rimpianti e di nostalgie, quando, ricordi Guareschi?, ci leggevamo scam¬≠bievolmente ci√≤ che andavamo scrivendo, e tu un giorno mi chiedesti: ¬ęCosa dici? √ą il caso ch’io raccolga o no in volume i racconti di Don Camillo? Sinceramente. Se mi dici di no, lascio stare¬Ľ.
 

 

 


Letto 1913 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Pingback di Fontan Blog » LETTERATURA: I MAESTRI: Giovanni Guareschi: Un uomo solo - Il blog degli studenti. — 13 Giugno 2008 @ 15:28

    […] Bartolomeo Di Monaco: […]

  2. Comment di xander brut — 10 Marzo 2009 @ 02:46

    Un bel ricordo di Guareschi, però non concordo su alcuni passaggi. Guareschi non è stato malconsigliato da nessuno: le battalgie contro De Gasperi ed Einaudi furono ponderate e condotte lucidamente fino al carcere.
    Un grave errore √® considerarlo anticipatore di compromessi storici: Guareschi √® sempre stato monarchico, anntifascista e anticomunista. Combatt√© sempre l’alleanza fra Dc e Psi, a cui contrapponeva un’intesa Dc-Pli-Msi-Monarchici.
    Anche in campo religioso, si schier√≤ contro l’apertura del progressismo conciliare verso i marxisti.
    Il fatto che Peppone sia amico di don Camillo rientra nella sua visione cristiana della vita, ma certo mai avrebbe voluto un governo Dc-Pci

  3. Comment di Ettore — 24 Agosto 2009 @ 18:42

    Non mi sembra un bel ricordo di Giovannino Guareschi. Innanzitutto non volle anticipare un bel niente, anzi, il compromesso storico gli avrebbe causato un travaso di bile, se fosse stato vivo. Il fatto che Don Camillo e Peppone dialogassero con toni amichevoli (dopo essersi scontrati su ci√≤ che conta dvvero) √® un capolavoro: innanzitutto c’√® la distinzione tra Errore ed Errante, tutta cristiana e riconducibile al Concilio di Trento e a Pio XII, ma soprattutto √® l’esempio lampante di cosa deve essere veramente il dialogo. Deve essere aperto, anche aspro e polemico, e deve partire dagli aspetti fondamentali, in cui ciascuno deve portare ci√≤ in cui crede, senza sminuirlo o cedere nulla di s√®, altro che le burlette odierne del “Guardiamo a ci√≤ che ci unisce e non a quello che ci divide”, metodo che da anni conduce ai risultati che si leggono sui gionali, cio√® al nulla.
    Mi piacerebbe sorvolare sulla questione De Gasperi, ma non si pu√≤. L'”insigne statista” esce dalla questione ampiamente ridimensionato, mentre Guareschi ne viene fuori come un gigante. Innanzituto non fu mal consigliato da nessuno, se mai la macchina italica si mise in moto in modo furibondo per il suo avversario, cucinando un processo e una condanna vergognosi. Fu condannato perch√® l’altro diceva che le lettere erano false, incredibile: uno querela per diffamazione e sulla base del suo nome ha ragione in partenza, bella giustizia… Non ci fu un solo controllo delle lettere stesse, n√® furono sentiti i testimoni. Rifiut√≤ l’appello, dove era gi√† pronta un’assoluzione che avrebbe lavato la coscinza di qualcuno, perch√® riteneva ingiusta una sentenza che non dimostra nulla, n√® in un senso n√® nell’altro, tanto √® vero che i sostenitori del politico si affannano ancora oggi a dire che fu dimostrata chiaramente la falsit√† delle lettere. Quanta mancanza di carit√† cristiana, da parte di De Gasperi (quando comment√≤ sprezzante che poteva andare in galera anche Guareschi come lo aveva fatto lui, e non si accorgeva forse che paragonava questa detenzione alla sua sotto il fascismo, e perci√≤ ingiusta!, senza neppure un briciolo di gratitudine per chi pi√Ļ di tutti col proprio lavoro lo aveva messo nella “stanza dei bottoni” alle elezioni del ’48). Dire che usc√¨ di galera conscio di aver preso la strada sbagliata √® una balla, la stessa che scrisse di proposito Enzo Biagi. Non √® vero che Guareschi ammise di avre sbagliato, egli in coscienza rimase sempre convinto di aver ragione. Del resto non vedo proprio come sia cos√¨ impossibile che avesse ragione, quanto a pelo sullo stomaco De Gasperi non doveva star male… ad ogni modo √® indimostrabile sia l’una che l’altra cosa. L’unica cosa certa √® che egli scrisse che gli dispiacque della morte dell’avversario, che riteneva un gigante. “Inchiniamoci ai voleri del Padreterno” scrisse, ribadendo la propria retta coscienza e buona fede. L’altro invece disse “Questo processo non l’abbiamo fatto per vendetta”. Fatto? Ma i processi li fa il querelante o la Magistratura? Un bel lapsus, direi. Se devo proprio scegliere nella disputa, scelgo la sportivit√† e la carit√† cristiana dell’Uomo, rispetto all’inutile e tracotante infierire del politicante su chi ha perso perch√® doveva perdere.
    Infine una puntualizzazione, mi d√† fastidio che gli articolisti non si documentino pi√Ļ di tanto….

  4. Comment di Bartolomeo Di Monaco — 24 Agosto 2009 @ 19:05

    Ho scelto dal mio archivio questo articolo di Mosca, che fu un grande giornalista del Corsera.

    Grazie dei vostri interventi, molto ampi.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart