Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

LETTERATURA: “Legenda aurea”: I sette dormienti

20 Giugno 2022

(Estratto da Jacopo da Varazze: “Legenda aurea”. Curatori e traduttori dal latino Alessandro e Lucetta Vitale Brovarone. Editore Giulio Einaudi)

La “Legenda aurea” è un’opera del XIII secolo, a cui hanno attinto molti artisti. Ancora oggi la si legge con molto interesse. Ci narra la vita di numerosi Santi, raccontando fatti che pertengono più alla leggenda che alla storia. (bdm)

l sette dormienti nacquero nella città di Efeso. Quando l’imperatore Decio perseguitava i cristiani andò a Efeso e fece edificare dei templi in mezzo alla città, perché tutti si unissero a lui per sacrificare agli dèi. Fece cercare tutti i cristiani e li fece mettere in catene, obbligandoli a scegliere se sacrificare agli dèi o morire: tale era il terrore che l’amico rinnegava l’amico, il padre il figlio e il figlio il padre. C’erano in quella città sette cristiani, Massimiano, Malco, Martiniano, Dionisio, Giovanni, Serapione e Costantino, che, vista la situazione, se ne rammaricavano molto. Essendo molto in vista alla corte, non volendo sacrificare agli dèi, stavano nascosti in casa, sempre intenti in digiuni e preghiere. Processati in presenza di Decio, e dimostrato che erano realmente cristiani, furono lasciati in libertà, fino al ritorno dell’imperatore, perché avessero il tempo di ravvedersi. Ne approfittarono invece per distribuire tutti i loro averi ai poveri. Decisero di ritirarsi sul monte Celion, dove avrebbero potuto rimanere nascosti. Cosi rimasero a lungo nascosti, mentre uno di loro serviva gli altri, e ogni volta che andava in città assumeva le vesti e l’aspetto di un mendicante.
Quando Decio tornò in città, mandò a cercare i sette per farli sacrificare. Malco, che serviva loro, ne fu atterrito, tornò dagli altri e riferì le brutali intenzioni dell’imperatore. Dato che tutti avevano paura, Malco dette loro i pani che aveva portato, perché, rifocillatisi, acquistassero più forze per la battaglia. Poi cenarono, sedendo e parlando in pianto e lacrime, e, come Dio volle, si addormentarono. La mattina li cercarono, ma senza successo; Decio si doleva di aver perso dei giovani di tale valore. Furono poi accusati di essere nascosti sul monte Celion, di aver distribuito tutti i loro averi ai poveri e di non aver assolutamente cambiato proposito. Decio allora fece venire i loro genitori, minacciandoli di morte se non avessero detto tutto quello che sapevano. Anche loro fecero le stesse accuse, e si lamentarono che le ricchezze erano state tutte date ai poveri. Decio allora pensò cosa fare di loro, e ispirato da Dio, fece chiudere l’ingresso della caverna con un ammasso di pietre, perché i sette, rinchiusi là dentro, morissero di fame e di stenti. Cosi fecero gli incaricati, e due cristiani, Teodoro e Rufino, descrissero tutto il loro martirio, e nascosero il testo fra le pietre della prigione.
Morto Decio e morti tutti i contemporanei, nel 371, nel trentesimo anno d’impero di Teodosio, si diffuse l’eresia di coloro che! negavano la resurrezione dei morti e Teodosio, imperatore cristianissimo, ne fu molto rattristato, poiché vedeva essere messa in pericolo la fede con una tale empietà. Ogni giorno si ritirava a piangere in un luogo appartato, indossando il cilicio. Iddio, vedendo questo, volle consolare quelli che piangevano e confermare la speranza nella resurrezione; aprì il tesoro della sua pietà e risvegliò i martiri di cui si è parlato. Mise allora in mente a un efesino di costruire su quel monte alcuni ovili per i suoi pastori. Quando i muratori aprirono la grotta, i santi si svegliarono e si salutarono l’un l’altro, convinti di aver dormito una sola notte, e ricordandosi delle pene del giorno precedente, chiesero a Malco, che li accudiva, che cosa aveva deciso Decio in merito della loro sorte. Ma egli rispose la stessa cosa che aveva risposto la sera:
– Ci è stato richiesto di sacrificare agli idoli: ecco cosa vuole da noi l’imperatore.
Massimiano rispose:
– Ma Dio sa che non sacrificheremo.
Dopo aver confortato i compagni ordinò a Malco di scendere in città a comprare il pane, un po’ più che il giorno precedente, e tornare a riferire cosa aveva disposto l’imperatore. Malco prese cinque soldi, usci dalla spelonca, vide le pietre ammassate, se ne stupì, ma pensando ad altro, non vi dette molto peso. Arrivò, circospetto, alla porta della città, e si meravigliò molto di vedervi esposto il segno della croce; andò allora a un’altra porta e di nuovo vide il segno della croce, e si stupì ancora di più. Andò a vedere tutte le porte, e sempre c’era il segno della croce: la città era cambiata. Si fece il segno di croce e tornò alla prima porta, convinto di star sognando. Si coprì la faccia, e avvicinatosi ai venditori di pane, sentì che tutti parlavano di Cristo, e, al colmo dello stupore esclamò:
– Com’è che ieri nessuno osava neppur nominare Cristo, e oggi tutti proclamano il suo nome? Forse questa non è la città di Efeso, perché è diversa: ma non conosco altre città fatte cosi.
Ma quando gli fu risposto che si trattava veramente di Efeso, credette di essersi sbagliato, e pensò di tornare ai compagni. Decise comunque di andare dai venditori di pane, ma quando tirò fuori le monete d’argento, i venditori stupiti credettero che il ragazzo avesse trovato un antico tesoro. Malco, vedendo che confabulavano tra di loro, pensò che volessero portarlo dall’imperatore, e allora per la paura li implorò di lasciarlo andare e di tenersi il pane e le monete d’argento. Allora quelli lo fermarono e gli dissero:
– Ma tu da dove vieni? Se hai trovato dei tesori degli antichi imperatori, diccelo, e saremo compari: ti terremo nascosto, altrimenti tutti lo sapranno.
Malco per la paura non sapeva più cosa dire; gli altri, visto che stava zitto, gli misero una fune al collo e lo trascinarono per tutte le strade fino in centro alla città; intanto si diffuse la voce che un giovane aveva scoperto dei tesori. Tutti si accalcavano attorno a lui, e lui voleva convincerli di non aver trovato nulla; guardava attorno ma nessuno lo riconosceva, e lui pure, guardando la folla, voleva trovare qualche suo parente – che credeva in buona fede fosse vivo e vegeto -: non trovava nessuno e stava in mezzo alla gente della città come uno scemo.
Quando lo seppero il vescovo san Martino e il proconsole Antipatro, che era appena giunto in città, dettero disposizione di portare loro, con cura, quell’uomo e le sue monete d’argento. Mentre era condotto alla chiesa dalle guardie pensava che lo stessero portando dall’imperatore. Il vescovo e il proconsole, meravigliati delle monete d’argento, gli chiesero dove aveva trovato quel tesoro sconosciuto, ma lui rispose che quei soldi venivano dal sacchetto dei suoi genitori. Alla domanda da che città venisse, rispose:
– Sono di questa città; è ben Efeso, no?
– Fai venire i tuoi genitori, – disse allora il proconsole, – che possano giustificarti.
Quando però disse i loro nomi, nessuno li conosceva, e pensarono che stesse architettando qualcosa per poi poter scappare. Il procuratore gli disse:
– Come vuoi che facciamo a credere che questi soldi siano dei tuoi genitori, se la scritta che c’è sopra dice che hanno più di trecentosettantadue anni? Risalgono ai primi anni di Decio imperatore, e sono del tutto diverse dalle monete d’argento dei nostri giorni. Vorrai mica che i tuoi genitori siano cosi vecchi? Tu, ragazzo, vuoi forse prenderti gioco dei sapienti di Efeso? Ti affiderò alla giustizia, fino a che non confesserai cosa hai trovato.
Malco allora si gettò ai loro piedi e disse:
– Signori, per carità di Dio, ditemi ciò che vi chiedo, e io vi aprirò il mio cuore. L’imperatore Decio, che è stato in questa città, dov’è ora?
– Non c’è ai giorni nostri, – rispose il vescovo, – un imperatore di nome Decio; ce ne fu uno molto tempo fa.
– Mio signore, questo mi stupisce, e nessuno mi crede. Seguitemi, però, e vi farò vedere i miei compagni, che sono nel Monte Celion, e a loro crederete. So di certo che siamo scappati dal cospetto di Decio, e io proprio ieri sera l’ho visto entrare in questa città, sempre che questa città sia proprio Efeso.
Il vescovo pensieroso disse al proconsole:
– Dio vuol mostrarci una qualche prodigiosa visione attraverso questo ragazzo.
Dunque lo seguirono, e con loro venne una gran folla di gente dalla città. Entrò per primo Malco dai suoi compagni, poi il vescovo, che vide fra le pietre la lettera con due sigilli d’argento. Chiamata la folla attorno la lesse, e tutti quelli che l’ascoltavano erano pieni di meraviglia. Vedendo i santi seduti nella grotta freschi come rose, si gettarono a terra a glorificare il Signore. Il vescovo e il proconsole mandarono a dire a Teodosio di venire presto a vedere il grande prodigio compiuto da Dio in quei giorni. Subito alzandosi dal sacco su cui giaceva a terra piangendo, venne da Costantinopoli a Efeso rendendo grazie a Dio; tutti quelli che gli si facevano intorno andarono con lui alla grolla. Appena i santi videro l’imperatore, i loro volti risplendettero, e l’imperatore si gettò ai loro piedi rendendo gloria a Dio; rialzatosi li abbracciò, e pianse su ciascuno di loro dicendo:
– Vi guardo ed è come se vedessi il Signore che resuscita Lazzaro.
Allora san Massimiano disse:
– Credici, è per causa tua che il Signore ci ha resuscitati proprio alla vigilia della festa della resurrezione, e credi che la resurrezione dei morti è una verità. In verità noi siamo risorti e viviamo, e come un bambino sta nell’utero della madre senza sentire urti, cosi anche noi fummo vivi, giacendo addormentati, senza sentire alcuno stimolo.
Pronunciate queste parole sotto gli occhi di tutti reclinarono nuovamente il capo a terra, addormentandosi e rendendo lo spirito, come Dio volle. L’imperatore si rialzò e cadde su di essi piangendo e baciandoli. Avendo l’imperatore deciso di farli riporre in sepolcri d’oro, la notte stessa apparvero all’imperatore dicendogli che, come sino a poc’anzi erano giaciuti in terra e dalla terra erano risorti, cosi li lasciasse, sino a che il Signore non concedesse una seconda resurrezione. L’imperatore allora dispose che quella località fosse adornata di pietre dorate, e che tutti i vescovi che professavano la fede nella resurrezione fossero prosciolti.
Quando è stato detto che dormirono in pace per trecentosettantadue anni, si potrebbero avere dubbi sul fatto che risorsero proprio nel 448. Decio infatti resse l’impero soltanto un anno e tre mesi, cioè nel 252, e perciò non dormirono se non centonovantasei anni.


Letto 23 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart