Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

LETTERATURA: “Legenda aurea”: San Patrizio

29 Dicembre 2021

(Estratto da Jacopo da Varazze: “Legenda aurea”. Curatori e traduttori dal latino Alessandro e Lucetta Vitale Brovarone. Editore Giulio Einaudi)

La “Legenda aurea” è un’opera del XIII secolo, a cui hanno attinto molti artisti. Ancora oggi la si legge con molto interesse. Ci narra la vita di numerosi Santi, raccontando fatti che pertengono più alla leggenda che alla storia. (bdm)

Patrizio nacque verso l’anno del Signore 280. Una volta predicava la passione di Cristo al re degli Scoti. Stava in piedi davanti al re, appoggiandosi con le mani a un bastone, e senza volere spostò il bastone sul piede del re, bucandoglielo con la punta. Il re credette che il santo vescovo l’avesse fatto apposta, e pensando che il solo modo per acquistare la fede fosse di accettare in suo onore simili prove, sopportò pazientemente. Quando il santo se ne accorse, si stupì e con le sue preghiere guari il re e ottenne per l’intera provincia (L’Irlanda. Ndr) la grazia che nessun animale velenoso vi potesse vivere. E non solo: si dice che anche il legno e il cuoio di quella regione siano immuni dal veleno.
Un uomo aveva rubato una pecora al vicino e l’aveva mangiata; il sant’uomo richiese più volte che il ladro, chiunque fosse, restituisse il maltolto, ma nessuno si era presentato. Mentre tutta la popolazione era riunita in chiesa, comandò, in nome di Gesù Cristo, che colui che aveva la pecora nella pancia si mettesse a belare davanti a tutti. E cosi accadde. Il colpevole fece penitenza e gli altri si guardarono in futuro dal rubare.
Era sua abitudine venerare devotamente ogni croce che vedeva, ma gli capitò di passare davanti a una bella croce, senza vederla. I suoi compagni gli fecero notare che era passato oltre senza vederla, e gli chiesero perché. Patrizio pregò il Signore, chiedendogli chi fosse sepolto sotto di essa, e udì una voce di sotto terra:
– Non l’hai vista perché io, che sono sepolto qui, sono pagano e non sono degno del segno della croce.
Allora Patrizio fece togliere la croce da quel luogo.

Mentre Patrizio predicava agli Irlandesi, con frutti molto scarsi, pregò il Signore di mandare qualche segno, che li spaventasse e li convincesse a credere. Il Signore gli ordinò allora di tracciare in un luogo un grande cerchio con un bastone, ed ecco che la terra all’interno del cerchio si aprì e vi apparve un profondissimo pozzo. Patrizio spiegò che era un luogo di purgazione e che chi avesse voluto scendervi non avrebbe più dovuto fare altra penitenza; la maggior parte non sarebbe tornata, e quelli che sarebbero tornati dovevano fermarsi là dentro dalla mattina di un giorno sino alla mattina del giorno dopo. Molti dunque erano entrati, ma non erano più tornati.


Letto 91 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart