Libri, leggende, informazioni sulla cittĂ  di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

LIBRI IN USCITA: Danilo Di Gangi: “Viaggio al limitare del tempo”, Il Ciliegio

21 Giugno 2010

Danilo Di Gangi
Viaggio al limitare del tempo
Racconto esoterico
Edizioni Il Ciliegio
Pagine: 98
con illustrazioni a colori
Euro: 15,00

«…spingersi al limite della psiche, in quel mondo di mezzo indefinibile, dove si smarrisce l’identità della persona e si ritrova la propria vera essenza.»

Presentato all’ultimo Salone Internazionale del Libro di Torino, Viaggio al limitare del tempo è il primo testo dal sapore esoterico di Danilo Di Gangi.
Un “libro-mandala”, come l’autore stesso lo definisce, «formato principalmente da parole e non da
immagini, perché proprio come un mandala rappresenta simbolicamente i vari aspetti dell’universo e ha il compito di portare il lettore in contatto con i diversi piani della Realtà.»

Si tratta di un racconto ambientato tra lo stato di veglia e sonno, dove esiste un mondo ai più sconosciuto, in cui si smarrisce l’identità della persona e si ritrova la propria vera essenza, dove tempo e spazio sfuggono al controllo della coscienza. Un mondo in cui domina la fantasia, lo spirito può volare libero da condizionamenti esterni e la mente varcare luoghi oscuri per avvicinarsi alla profonda conoscenza del Sé.
Kedyr si ritroverĂ  a percorrere un viaggio inizialmente incerto su quale direzione seguire e quali
segni decifrare, timoroso dell’ignoto e di perdere il contatto con il mondo concreto, ma infine vicino alla
verità, alle risposte a lungo cercate. Il viaggio è metafora del cambiamento, della trasformazione interiore dell’uomo che trova finalmente la sua anima.

«Kedyr fu travolto dalla forza sconosciuta che emanava dal centro della sala, la stessa energia che teneva uniti il Sole e le galassie, che tesseva i fili imperscrutabili dell’universo, che creava la successione dei mondi. Quel luogo rappresentava l’Infinito inconoscibile, l’Assoluto, uno dei centri di potere attraverso i quali si costruivano le storie dei mondi, l’evoluzione del tempo, la sua circolarità, il suo continuo riformarsi affinché tutti gli uomini potessero, un giorno, raggiungere la primigenia natura divina.»

Peculiare di questo racconto è la prosa poetica, le descrizioni e gli oggetti non solo nominati bensì
arricchiti da dettagli olfattivi, sonori, cromatici: profumi, odori, colori, forme… Concetti trasmessi non
solo attraverso la descrizione verbale, bensì ricostruendo delle impressioni, vere e proprie immagini
mentali: le montagne multicolori, la seta bianca, il rosso porpora, il giallo topazio, il blu cobalto, il mormorio, il tintinnio dei campanelli e dei timpani, il gong, il canto, il cupo boato. Affascinano le figure, le forme (il triangolo, il cerchio, il semicerchio, il sole, la falce di luna, la fiamma) e gli odori (profumo di astri, odore di resina).

Di Gangi propone con quest’opera uno «strumento per andare al di là della sfera sensoriale e poter scoprire gli infiniti orizzonti dell’invisibile realtà spirituale, apparentemente meno tangibile ma non per
questo meno vera. Un libro che deve aiutare a ritrovare quel ponte di collegamento tra vita umana e vita divina che rende consapevoli dell’armonia divina del Creato.»

Danilo Di Gangi, classe 1963, è un insegnante e scrittore cuneese nonché appassionato studioso delle culture e delle religioni asiatiche, a cui si è avvicinato dalla fine degli anni Ottanta. Molti sono i suoi viaggi e gli itinerari trekking che lo hanno portato a intenso contatto con le popolazioni di Ladakh, Sikkim, Zanskar, Nepal, Tibet, India,Mongolia, Russia, Siberia, Cina. Attivo sostenitore della causa tibetana, è stato relatore di diversi convegni e conferenze sulla regione asiatica. Tra i suoi libri: Cieli d’infinito. Mongolia, terra senza tempo (2003), Il Gioiello di neve.
Kailash, l’essenza del Tibet (2004), Fra barbari e dei. La vera politica cinese in Tibet (2008) – tutti pubblicati con
L’Arciere, e Siberia (in)contaminata (2010) pubblicato con Edizioni Campanotto.

Edizioni Il Ciliegio
info@edizioniilciliegio.com

Fabiola Marchet
GIRO DI PAROLE divisione di Metaphor
Via Cavour, 38
20094 Corsico – Milan (Italy)
T +39.02.30910986
Email: redazione@girodiparole.it
www.girodiparole.it – www.metaphor.it


Letto 1476 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart