Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

LUCCA: 13 marzo: Mostra fotografica di Sergio Tori

12 Marzo 2012

Martedì (13 marzo) al mercato di Piazza del Carmine (Lucca)
dalle ore 11 alle 13, dalle 15 alle 18
mostra fotografica di Sergio Tori, in occasione del suo compleanno.
Sergio Tori ci ha lasciato otto anni fa, il 29 febbraio 2004.

Ma chi era Sergio Tori per coloro che di lui non sanno niente?
Un uomo che non accettava il quieto tran tran quotidiano, generoso, desideroso di comprendere e comunicare con un’ironia tagliente e battute fulminee.
Giovanissimo aveva iniziato a viaggiare.
Non da turista, ma avventurosamente nel Maghreb, in America Latina e in lungo e largo nell’Asia, fino ad un Afghanistan, guerriero ed arcaico.
Ma allo stesso tempo aveva attraversato anche la storia dei nostri anni: dal ’68 agli anni di piombo, dalla crisi dei movimenti degli anni ’80 fino alle grandi manifestazioni per la pace del Duemila.
Aveva un occhio fotografico duttile, molto recettivo, che si trasformava per suggestioni, per sperimentazioni.
Si definiva foto-poeta.
Del poeta aveva il sentimento bruciante delle “cose”, la trasfigurazione metaforica, la forza ritmico-musicale.
Alcune sue foto erano apparse sul bimestrale “Arcipelago” e su “Luna nuova” e in diverse mostre,
l’ultima delle quali “Dall’immagine all’immaginario” sul Vietnam, alla Galleria Officina Fotografica di Milano.


Letto 747 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart