Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

LUCCA: 28 novembre: “Se perdo te… quando il lavoro manca” a cura di Tiziana Luciani – Edizioni Pliniana

7 Novembre 2013

Libreria LuccaLibri
Corso Garibaldi, 54, Lucca
tel. 0583 469627
Giovedì 28 novembre 2013, ore 17,00

presentazione del libro

Se perdo te …quando il lavoro manca.
Crisi e arti terapie
Pliniana, 2013

Intervengono:

Virginio Bertini, sindacalista Cgil
Tiziana Luciani, arte terapeuta, curatrice del libro

Le parole di una famosa canzone di Patty Pravo anni ’60 per parlare, mezzo secolo più tardi,
non di amori perduti, ma di lavori persi.

Il lavoro:

– quello che gli adolescenti non riescono più a sognare;

– quello chimerico inseguito dai giovani adulti;

– quello da cui si rischia di essere estromessi in età adulta, all’improvviso;

– quello che, in altri casi, non si potrà lasciare sino a tarda età;

– quello che, con preoccupazione, i genitori immaginano per i figli e le figlie.

Ne derivano crisi e depressione, termini che, non a caso, economia e psicologia condividono.

La crisi sociale si sta infiltrando negli aspetti più personali e profondi delle nostre vite e richiama quanti si occupano professionalmente degli “altri” a una nuova vocazione civile.

Il lavoro fonda la Costituzione, è dovere e diritto.

Questo libro raccoglie gli atti del convegno tenutosi ad Assisi nel marzo 2013.
Pagine che parlano dell’immaginario del precariato, di auto mutuo aiuto aiuto, di invenzioni sociali, di attimi felici …

Info: 0583 469627


Letto 1644 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart