Libri, leggende, informazioni sulla cittĂ  di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

LUCCA: Circolo del Cinema Ezechiele: Programmazione

5 Marzo 2012

Martedì 6 marzo 2012
Cinema Italia – Lucca
Prime visioni
I focus di Ezechiele: la Redenzione
Ore 18.00 – AMERICAN GIGOLO
di Paul Schrader – Usa 1980 – 117’ con Richard Gere, Lauren Hutton
Ore 20.00 – PICKPOCKET
di Robert Bresson – Fra 1959 – 75’ con Martin Lassalle, Marika Green
Ore 21.30 – SHAME
di Steve McQueen – GB 2011 – 109’ con Michael Fassbender, Carey Mulligan
Cosa c’entra Bresson con Richard Gere e con il film-scandalo di Venezia? C’entra che al di là delle formulette pubblicitarie si tratta di tre film che hanno un elemento in comune: il percorso redentivo che passa attraverso tutte le tappe del peccato. Che si tratti di furto, giro di prostituzione o erotismo compulsivo, i protagonisti di questi film devono fare un lungo cammino per approdare a un riscatto umano, morale e soprattutto spirituale. «Quanto tempo mi ci è voluto per arrivare a te!» dice nel finale il borsaiolo di Pickpocket,capolavoro bressoniano di rara asciuttezza, sorta di noir giansenista, metafora per l’autore della condizione umana costretta nel carcere della vita terrena. Ma la stessa frase potrebbe ripeterla anche l’American Gigolò griffato Armani che si ritrova coinvolto in un gioco più grosso di lui da cui saprà riemergere dopo un percorso di espiazione che lo porta alla salvezza. Forte di questi precedenti, Steve McQueen, talentuoso regista britannico alla seconda opera, realizza con Shame un racconto dostoevskijano su come uno yuppie attuale possa sopravvivere in un’esistenza vergognosa prima di tutto per se stesso, accecato da un istinto sessuale degradante e sordo ai richiami della Grazia che pure gli arrivano (anche con le note di New York New York). Arricchito da autentici tour de force registici (si veda la cena al ristorante in tempo reale) e recitativi (Michael Fassbender, giustamente premiato a Venezia),Shame è una delle opere più significative, e perciò imperdibili, della stagione.

Mercoledì 7 marzo 2012 ore 21.30
Cinema Italia – Lucca
Cinema delle donne
QUANDO LA NOTTE
di Cristina Comencini – Italia 2011 – 116’ con Filippo Timi, Claudia Pandolfi
Ingresso gratuito riservato ai soci in collaborazione con il Centro Donna di Lucca
Una mamma in vacanza da sola con il suo bambino in uno chalet alpino per far respirare aria buona alla sua creatura; un uomo tenebroso, guida alpina, scostante e pronto a giudicare le donne in virtù di una ferita che si porta dentro da sempre. La vicinanza tra i due genera incomprensioni ma anche curiosità, attrazione, preoccupazione, salvezza. Lei può aver commesso un gesto lesivo sul bambino, lui ha la conferma del suo pregiudizio sul genere femminile. Due solitudini che entrano in contatto e finiscono per comprendersi e compenetrarsi sfidando il tempo che passa. Opera intensa scritta e diretta da Cristina Comencini (anche autrice dell’omonimo romanzo), sorretta dall’interpretazione sfumata di Claudia Pandolfi e ruvida di Filippo Timi, Quando la notte è un film che sa avventurarsi in territori impervi come i monti che gli fanno da sfondo. E si sa, quando si va in salita è facile anche fare qualche scivolone. Ma resta comunque un’opera coraggiosa che permetterà una riflessione su alcuni rischi connessi alla maternità grazie all’intervento del Centro Donna di Lucca

Giovedì 8 marzo 2012 ore 21.15

Chiesa Inglese – Bagni di Lucca

I mostri sacri della commedia all’italiana

SEDOTTA E ABBANDONATA

di Pietro Germi, Italia 1963 – 125’

con Aldo Puglisi, Lando Buzzanca, Stefania Sandrelli

Ingresso gratuito in collaborazione con la Fondazione Michel de Montaigne e il Comune di Bagni di Lucca

Agnese, sedici anni, viene sedotta dal fidanzato della sorella Matilde. Il babbo pretende le nozze riparatrici, ma il seduttore nicchia. Costretto con le maniere forti, quando l’uomo accetta è Agnese a rifiutare. Il gentore non demorde e la giovane minaccia di rinchiudersi in convento.
Il film cercò di bissare il grande successo di Divorzio all’italiana, sempre di Germi. Le concessioni al macchiettismo da commedia nostrana finiscono per essere, nelle mani dell’autore, addirittura funzionali all’equilibrio del racconto. Il personaggio di Leopoldo Trieste, “simpatizzante” (e non esperto) di pastasciutte, è memorabile, come tutte le macchiette e i personaggi secondari.

Venerdì 9 marzo 2012 ore 18.00

Cinema delle Donne
Libreria Edison – Lucca
MARCO VANELLI presenta LE EROINE DISNEY
In occasione della Festa della Donna, il Cineforum Ezechiele 25,17 propone con Marco Vanelli un percorso divertente e serio all’interno degli archetipi femminili che per decenni hanno formato l’immaginario di generazioni di bambine: le eroine Disney. Non si tratta solo di principesse arriviste o orfane maltrattate, ma di una serie di ritratti elaborati per rendere nei cartoni animati lo spessore a personaggi che rischiavano di rimanere pure figurine bidimensionali. Attraverso la visione di alcune scene famose, sarà possibile fare un viaggio indietro nella memoria per scovare le tracce dell’eterno femminino dietro i casti sorrisi di Biancaneve e Cenerentola.

Venerdì 9 marzo 2012 ore 21.15
Cinema Eden – Castelnuovo Garfagnana
Effetto Cinema
IL RAGAZZO CON LA BICICLETTA
di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
Belgio 2011 – 87’
con Jérémie Renier, Cecile de France
Rassegna oroganizzata dall’Unione Comuni della Garfagnana in collaborazione con Cineforum Ezechiele 25,17
Cyril ha solo 12 anni e un’idea fissa: ritrovare suo padre che lo ha lasciato provvisoriamente in un istituto per l’infanzia. Sulla sua strada trova per caso Samantha, che ha un negozio di parrucchiera e che accetta che lui resti da lei durante i fine settimana. Cyril non è però in grado di apprezzare e comprendere l’amore che questa donna gli offre, accecato dalla collera e dai sentimenti di abbandono.
Il film ha concentrazioni di drammaticità da horror: la messa in scena della più minacciosa delle fobie – l’abbandono – è compiuta con una radicalità che solo gli intellettuali cattolici, per professione indagatori del Male, possono permettersi. Nonostante tutto, però, il segreto più dolce del film è in quel titolo. La bicicletta, per due registi che si sentono eredi anche del Neorealismo, evoca il più famoso film italiano con il quale Vittorio De Sica diede forma al mistero più toccante, quello per cui un adulto, e un bambino – come scoprirà Samantha – sentono misteriosamente di non poter fare l’uno a meno dell’altro.

Il sito http://ezechiele2517.wordpress.com/

Facebook http://www.facebook.com/home.php#/group.php?gid=34848605769


Letto 1895 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart