Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

MERANO: 21 novembre: “Miti ladini delle Dolomiti – Le Signore del tempo”

16 Novembre 2013

Giovedì 21 novembre, alla Libreria Alte Mülhe, ore 20.30
Miti ladini delle Dolomiti – Le Signore del tempo
Presentazione del secondo volume dell’Istitut Ladin Micurà de Rü

Merano – La Libreria Alte Mülhe ospita la presentazione del secondo volume, dedicato a I Miti ladini delle Dolomiti ed incentrato su ventuno racconti che hanno come protagoniste Le Signore del tempo.

All’incontro saranno presenti accanto a Leander Moroder, direttore dell’Istitut Ladin Micurà de Rü, cooditore dei volumi insieme a Palombi Editori di Roma, l’autore Nicola Dal Falco e la professoressa Ulrike Kindl, autrice a sua volta delle glosse e del saggio finale Nei Labirinti del tempo. Alla fine dell’incontro verrà proiettato il video Le Signore del tempo, realizzato da Andreas Linder con musiche originali di Luca Signorini, primo violoncello del Teatro San Carlo di Napoli.

Prosegue la rilettura e riscrittura dei Miti ladini delle Dolomiti, iniziata con Ey de Net e Dolasíla e condotta su un doppio binario, letterario e saggistico, da parte di Nicola Dal Falco e di Ulrike Kindl, docente di germanistica all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Dopo la storia della caduta del regno di Fanes, preceduta dal racconto di Lidsanél, che ne rappresenta la più recente variazione sul tema e il vero antefatto mitico, costituito dalla vicenda di Moltina, il libro si era fermato a narrare dei Tre figli del Sole.

Ora, con il secondo volume, si riprende il filo della narrazione da ventuno storie, divise in tre sezioni di sette racconti, dedicate alle Signore del tempo. Signore che l’immaginazione carica di gesti e di prerogative diverse: le Regine, le Spose, le Parche a seconda del momento e dell’esito dell’incontro.

Il nuovo libro, Miti ladini delle Dolomiti – Le Signore del tempo, sempre edito da Palombi Editori in collaborazione con l’Istitut Ladin Micurà de Rü, continua ad alternare il testo letterario di Dal Falco con le glosse e il saggio Nei Labirinti del tempo della Kindl, descrivendo il rapporto tra fato e destino, identificabile nel modello della triplice dea, su cui si regola l’alternarsi della luce e dell’ombra, l’ascesa e la caduta e, in definitiva, il cammino dell’anima attraverso la cosiddetta «gran passione» che la conduce a passare e ripassare il confine delle sette montagne di vetro, a scendere sulla terra e a tornare, poi, alla luce che l’ha generata.

I ventuno racconti, riuniti nel secondo volume, dedicato a i Miti ladini delle Dolomiti, scandiscono il ritmo sacro delle Signore

del tempo che hanno potere sulle tre età dell’uomo e del mondo.

Nel loro aspetto di Regine, Spose e Parche srotolano ineffabili il gomitolo che permette di orientarsi nel labirinto dell’esistenza. Ma ad ogni incontro, il tempo chiede il giusto compenso, un tratto di filo che, avanzando, né si consuma né si rompe.

C’era e c’è un luogo dove il mistero del tempo era narrato in forma mitica. Quel luogo sono le Dolomiti.

Il primo volume, Miti ladini delle Dolomiti – Ey de Net e Dolasíla di Nicola Dal Falco con le glosse e il saggio Raccontare le origini di Ulrike Kindl è edito dall’Istitut Ladin Micurà de Rü e da Palombi Editori, Roma 2012.

Miti ladini delle Dolomiti – Le Signore del tempo
di Nicola Dal Falco
con le glosse
e il saggio Nei Labirinti del tempo
di Ulrike Kindl
foto di Markus Delago

Istitut Ladin Micurà de Rü
www.micura.it
Palombi Editori
www.palombieditori.it
Roma 2013
pagine 208
15 euro


Letto 1384 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart