Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

MESTRE: Beppe Bovo alla Vida Nova, martedì 10 novembre

6 Novembre 2009

Si conclude la breve rassegna di autori dal titolo “Aspettando…. Cucina di storie!”, martedì 10 novembre 2009, alle ore 18.00, nella saletta superiore dell’Osteria “La Vida Nova”, con la presentazione del libro: Giuseppe Bovo, Il dodicesimo quaderno. Gli 83 giorni di Etty Hillesum ad Auschwitz, Molfetta, La Meridiana, 2009 (collana passaggi).

Lo scrittore Marco Franzoso ne parla con l’autore. Letture a cura di Annalisa Bruni.

Ingresso libero.

Ancora un libro su Etty Hillesum nel catalogo de La Meridiana. Un libro particolare questo Il dodicesimo quaderno, perché lei non l’ha mai scritto. Martedì 7 settembre 1943, sul vagone n. 12 Etty parte per Birkenau. Su quel treno ci sono 170 bambini, 602 adulti, 215 anziani. Morirà il 30 novembre 1943. In 83 giorni Etty ha forse scritto qualcosa. Beppe Bovo ha immaginato il suo dodicesimo quaderno. L’ultimo di una giovane che ha conosciuto una straordinaria pienezza di vita. 
Beppe Bovo, studioso, appassionato (chi non lo è dopo aver letto i Diari e le Lettere di Etty?) immagina ciò che Etty avrebbe scritto negli 83 giorni in cui è rimasta a Birkenau, se solo ne avesse avuto la possibilità. Bovo incrocia i possibili pensieri e la vitadi Etty con gli avvenimenti accaduti nel campo di cui si ha documentazione storica.
Come egli stesso afferma: “è successo che ho letto i quaderni e le lettere con grande amore e con un’angoscia crescenti. È stato allora che ho pensato che potevo farla vivere ancora, continuare la sua storia per altri 83 giorni. Da quando mi è entrata nella mente questa idea non ho avuto pace finché non ho scritto, immaginando, il dodicesimo quaderno… che è insieme un diario e una follia, una ricerca e un’ossessione”.
Nella postfazione al libro Nadia Neri:, la più importante studiosa della figura di Etty Hillesum in Italia, scrive: “oggi più che mai la libertà di pensiero, lo spirito laico della Hillesum fanno paura. Sicuramente l’autore ha voluto fare qualcosa in più, ha osato addentrarsi fino all’estremo di una situazione estrema, ha voluto dar voce immaginativa alla Hillesum nelle sue ultime settimane di vita, quando il dolore è indicibile e incomunicabile”.

Osteria “La Vida Nova”
Piazzale Candiani
MESTRE-VE
tel. 041.8220213

INFO: 
Associazione Culturale RistorArti
329.9030999 (Marco); marco@dallamelia.com


Letto 1227 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart