Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

STORIA: Comunione

23 Ottobre 2014

di Costanza Caredio

Se è il Battesimo a segnare l’appartenenza alla comunità dei Cristiani, e se è indelebile, non si vede come la Comunione possa essere negata, previa penitenza ampiamente già scontata con il divorzio stesso. Porre a divieto le parole di Gesù, sposta la questione su che cosa effettivamente abbia detto Gesù e apre dibattiti senza fine tra gli eruditi, che vanno avanti da duemila anni. Tuttavia la cultura odierna comune dà luogo al dubbio: Gesù parlava aramaico, antica lingua del luogo e i Vangeli sono redatti in greco e a distanza di decenni: dov’è la certezza che le parole siano quelle?
Ma l’essenziale non è questo: la figura del Cristo-Messia esce sminuita dall’importanza attribuita a questo generico richiamo morale: Gesù non era né magistrato né rabbino e il suo ruolo è diverso: i significati storici del Cristo-Messia vanno ben oltre singole vicende personali infelici.
Cristo è il Logos-Sofia e la Filosofia ha coabitato con il rito cattolico durante tutta la nostra storia e quindi la formula riassume in sé la civiltà greca. E’ il Pane e il Vino e perciò santifica una civiltà legata alla Terra, che sarà laboriosa e felice poiché il vino (Dionisio) esprime allegria e gioia. La Comunione sostituisce le offerte di sangue: la vittima, l’ostia, un tempo animale, ma anche umana, è divisa e consumata tra il popolo e crea un legame di sangue comunitario e sacro.
Era questa la grande funzione dei templi precristiani che non doveva essere dimenticata con il crollo dell’antica eucumene.
La Chiesa Cattolica ne ha raccolto l’eredità, dando a queste cerimonie, spogliate della loro crudeltà, un’importanza, un prestigio, una bellezza che invano si cercherebbe in una memoria centrata esclusivamente sulla “Parola”.
Ne é prova lo stesso Sinodo odierno nella sua scenografia universale, ben scandita nel ritmo, nel colore, nei ruoli, nella magnificenza, negli argomenti. La Comunione è la Pace ritrovata, ma anche la speranza (il verde) e la possibilità di un nuovo inizio.


Letto 1362 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart