Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

STORIA: Giuseppe Flavio

3 Agosto 2013

di Costanza Caredio

Era nato nel 37-38 d.C da nobile famiglia sacerdotale discendente dai Maccabei; si era presto distinto per intelligenza, memoria, conoscenza della Legge. Trascorse tre anni nel deserto, discepolo di un certo Banno che “viveva vestito con quanto ricavava dagli alberi e nutrito dai frutti della terra”. Il deserto era allora- e forse anche ora- come la foresta per Robin Hood: il luogo di rifugio, di fuga, di protesta individuale, ma anche di rivolta programmata e preparata. Nel 63-4 Giuseppe è a Roma, a sostenere la causa di sacerdoti ebrei accusati di sedizione e a prender contatto con Poppea. Il 64 è l’anno dell’incendio di Roma:

“Furono dati alle fiamme il Tempio, innalzato da Servio Tullio alla Luna, la grande ara e il santuario consacrato dall’arcade Evaristo ad Ercole, quello votato da Ercole a Giove Statore, la Reggia di Numa, il sacrario di Vesta e dei Penati, ricordi di vittorie, raccolte di memorie antiche”(Tacito)

Era un’aggressione intesa a distruggere Roma, la grande meretrice e la sua civiltà. La setta dei Cristiani è accusata e al fuoco degli incendiari, Nerone risponde con il rogo dei capi e degli attivisti.
Giuseppe non ne parla nella sua opera: rientra in patria. Sa che la vendetta arriverà.
Alessandro Magno aveva atteso un secolo per vendicare la distruzione dei templi ateniesi ad opera dei Persiani, ma poi aveva incendiato, saccheggiato e distrutto i loro santuari di Persepoli.
Roma non può aspettare: avrebbe dato tempo ai Parti di organizzarsi e intervenire in Palestina. Nel 66 la guerra è già iniziata; a Gerusalemme il Gran Sacerdote, alleato dei Romani è ucciso, gli Zeloti occupano il Tempio e si preparano a resistere dopo aver assassinato la guarnigione romana.Giuseppe si pone ai loro ordini e ottiene l’incarico di condurre le operazioni in Galilea. Egli conosce la forza di Roma e sa che partita è perduta. Il suo compito sarà di temporeggiare.Contatta i capi notabili ribelli e si chiude con 40 di essi nell’ultimo rifugio di Iotapata. Li convincerà al suicidio come inevitabie conclusione: tutti si uccideranno meno lui.
Con queste credenziali si presenta nel campo di Vespasiano ed è assunto come futuro storico. Al generale romano profeterà l’impero, ovvero l’appoggio delle Comunità alla elezione imperiale.

(segue)


Letto 4379 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart