Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

STORIA: I MAESTRI: L’invasione cecoslovacca. Nuovi «Annali»

28 Ottobre 2013

di Carpendras (Manlio Cancogni)
[da “La fiera letteraria”, numero 37, giovedì, 12 settembre 1968]

« E’ una grande vittoria per la Cecoslovacchia », mi di­ceva F. con un accento di disperazione più che di giubilo nella voce, l’indomani del ritorno di Svoboda e degli altri dirigenti cechi a Praga. « Nei prossimi giorni te ne accorge­rai, è una grande vittoria; il nuovo corso del comunismo non si arresterà né a Praga né a Mosca ».

F. non è il solo (o meglio, non era il solo) a pensarla così; molti altri come lui si ostinavano a non ammettere che il nuovo corso fosse definitivamente schiacciato dalia reazione russa. Penso che oggi siano sempre di meno. Quel­li che continuano a non disperare lo fanno ormai per pun­to d’onore o per volontà di credere.

Non possedendo questa volontà, le previsioni non po­trebbero essere più lugubri. I fatti hanno una loro logica e una volta messi in moto, chi li arresta più? Ora Svoboda e i suoi amici sono i garanti, davanti a Mosca, della restaura­zione in corso a Praga. Lotteranno, hanno detto, per impe­dirla o almeno attenuarla. Queste sono certamente le loro intenzioni. Ma che cosa potrà accadere?

Svoboda e i suoi amici da oggi rispondono dell’applica­zione degli accordi di Mosca con le loro teste. Disubbidire non potranno: i sovietici avrebbero ragione di accusarli di tradimento. Ritirarsi nemmeno: un gesto simile, dopo ave­re firmato gli accordi, equivarrebbe a una diserzione. Re­steranno, pensando che altri al loro posto, farebbero peg­gio. E’ una necessità che si impone in queste circostanze. Così se non saranno eliminati prima, di ritirata in ritirata, di compromesso in compromesso, corrono il rischio di fini­re per identificarsi, nonostante la loro nobiltà, ogni giorno di più con i loro mandanti.

E’ quanto vogliono Breznev e i suoi colleghi. Perché a questo punto Svoboda e i suoi avranno perso l’appoggio e la fiducia del loro Paese, saranno odiosi ai cecoslovacchi quanto e più dei russi. Le misure di repressione, gli arre­sti, le condanne, infatti, porteranno la loro firma.

Avvilire l’avversario, corromperlo, precipitarlo, per di­mostrare che non c’è virtù, che libertà, onore, fratellanza, fiducia, sono chiacchiere, foie per bambini: questo il biso­gno profondo di ogni regime dispotico. Un bisogno che va oltre quello specifico, nel caso di Breznev e dei suoi colle­ghi, di eliminare persino l’idea che possa esistere una via al socialismo diversa da quella russa. Una volta persa la fiducia dei cittadini, isolati, Svoboda e i suoi amici — pen­sano i sovietici — scenderanno sempre più in basso. I su­perstiti, quelli che non saranno caduti dalia finestra, o fini­ti in cliniche per malati di mente, o impiccati misteriosa­mente nei boschi, dovranno combattersi fra loro, sotto gli occhi divertiti dei loro padroni. I meno forti, credendo di salvarsi, confesseranno le loro colpe, accuseranno i compa­gni di ieri.

Immagino le proteste di F.: « Ma questo è un incubo! E’ una tua elucubrazione morbosa! ». E’ facile rispondergli che morti e confessioni a Praga sono già cominciate. Tutte le congiure, o cospirazioni, vere o inventate, finite con la vit­toria del tiranno presentano del resto gli stessi fenomeni. Si legga come esempio che vale per tutti il racconto della congiura di Pisone fatto da Tacito nel XV libro degli « An­nali ».

Si dirà: ma in Cecoslovacchia era in corso una rivoluzio­ne appoggiata dal popolo non una congiura di notabili. Ma è proprio questo ciò che i governanti di Mosca negano riso­lutamente. Per loro si è trattato di un complotto. Anche se non ci credono, devono farlo credere, non potendo ammet­tere che in uno Stato socialista possa scoppiare una rivolu­zione popolare contro il regime. Per questo fucilarono Nagy e Maleter nel ’57. Complotto, dunque, e non rivoluzione. E possiamo stare certi che se la situazione interna della Cecoslovacchia non verrà rapidamente «normalizzata», ne produrranno ben presto le prove. E saranno creduti anche da molti che ancora oggi ridono su tale ipotesi.

A questo punto è perfino inutile seguire le notizie. Ri­leggiamoci piuttosto la storia di Pisone. « Questi », scrive Tacito, « imparentato con molte insigni famiglie godeva presso il popolo di una fama che gli veniva dalla virtù… ». Era amato, quanto Nerone con la sua corte era odioso; a lui si unirono alcuni fra i più nobili intelletti, fra gli altri Lucano, Seneca. Ma ci fu una delazione e molti vennero ar­restati. « Tra questi Lucano, Quinziano e Senecione a lun­go negarono, poi corrotti dalla promessa di avere salva la vita, per farsi perdonare l’indugio nella confessione denun­ciarono Lucano sua madre Acilia, Quinziano e Senecione i loro amici più cari ». Cominciò il massacro; quando finì… « a uno era stato ucciso il figlio, all’altro il fratello o il pa­rente o l’amico, e tutti rendevano grazie agli dei, ornavano di lauro la casa, si gettavano ai piedi del principe e s’affan­navano a coprire di baci la sua destra ».

Non credo che in Cecoslovacchia finirà tutto nell’abie­zione. Ci saranno anche episodi coraggiosi, esempi di no­biltà, come quello di Epicari, la schiava liberata che al cor­rente della congiura (mi riferisco sempre a Tacito), trat­ta in arresto e sottoposta a tortura non tradì un congiu­rato. « Infine, mentre era portata alle stesse torture su di una portantina perché con le membra slogate non pote­va stare più in piedi, pose il collo entro il laccio formato da una fascia che aveva tolto dal petto e legato ad arco sulla spalliera a mo’ di capestro, e premendo con tutto il peso, spinse fuori dal corpo la poca vita che ancora le restava. Questa schiava liberata che in una situazione così grave difendeva gente estranea e quasi a lei scono­sciuta, offerse un esempio tanto più luminoso proprio quando dei nati liberi e uomini e cavalieri romani e senato­ri, che la tortura non aveva ancora toccato, si affrettavano a tradire ciascuno le persone più care ».


Letto 921 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi più libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso più accontentare nessuno. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart