Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui
Download gratuito VIVERE CON L'ACUFENE.

Storia: I MAESTRI: Mussolini e le sue metamorfosi

29 Ottobre 2010

di Mario Cervi
[dal ‚ÄúCorriere della Sera‚ÄĚ, gioved√¨ 19 febbraio 1970]

Ancora una biografia di Mussolini: e perci√≤, implicita¬≠mente, ancora una storia del fascismo. L’ha scritta Gaspare Giudice (Mussolini, UTET, pp. 708. L. 8.500) che per√≤ non ripercorre, e gliene dobbiamo essere grati, la strada seguita da altri storici: la sua non √® una ricostruzione e rielaborazione accurata, paziente, im¬≠ponente, del materiale docu¬≠mentario, alla De Felice; e nemmeno √® una svelta e bril¬≠lante volgarizzazione di ele¬≠menti noti. Giudice ha proce¬≠duto secondo una traccia cro¬≠nologica, in sostanza ha illu¬≠minato tutti gli avvenimenti fondamentali dell’avventura mussoliniana. Ma ha osserva¬≠to il suo personaggio con l’oc¬≠chio dello psicologo, o dello psicanalista, piuttosto che con quello dello storico. Le vicen¬≠de italiane, e qualche volta le vicende europee o mondiali, vengono cos√¨ ricollegate alle inquietudini e ai complessi dell’uomo che aveva in pugno l’Italia.

*

La personalizzazione di eventi che hanno molte e complesse radici √® senza dub¬≠bio discutibile: portata allo estremo, fa discendere le mag¬≠giori iatture dell’umanit√† ‚ÄĒ l’ipotesi √® recente ‚ÄĒ dalle di¬≠sfunzioni gastriche o nervose o cardiache di questo o quel protagonista di un determina¬≠to periodo storico. Ma altret¬≠tanto arbitrario √® il voler pre¬≠scindere dall’apporto indivi¬≠duale, e rappresentare la sto¬≠ria soltanto come uno scontro di grandi forze, un meccani¬≠smo gigantesco e irresistibile che travolge anche un Napo¬≠leone, o un Giulio Cesare, o un Roosevelt, o un Lenin. La impostazione di Giudice ha l’indubbio merito di cogliere, nell’azione e nella parole del Duce, un sottofondo poco esplorato: l’insicurezza che si nascondeva dietro l’ostenta¬≠zione di forza, l’irrazionale mascherato con l’abuso di una presunta e falsa logica.

S√¨ potrebbe obbiettare che l’indagine di Giudice sul com¬≠portamento mussoliniano √® ri¬≠proponibile per molti altri au¬≠tocrati e dittatori: tutti insi¬≠diati da un processo di dege¬≠nerazione, che gi√† aveva avu¬≠to, poco meno di duemila an¬≠ni or sono, una esemplifica¬≠zione quasi perfetta nelle vite di alcuni Cesari (Nerone e Ti¬≠berio, tanto per citarne un paio). Verissimo. Ma la vici¬≠nanza del ¬ę caso ¬Ľ di Musso¬≠lini, e soprattutto la assai di¬≠versa complessit√† di un rap¬≠porto moderno tra il dittato¬≠re, i mezzi di propaganda, gli strumenti del potere, e la fol¬≠la, collocano gli antichi temi in una cornice inedita.

La crisi del delitto Matteot¬≠ti doveva occupare, e infatti occupa, in un libro di questo tipo, un posto di grandissimo rilievo: essa diede all’oppres¬≠sore, non ancora dittatore, la frustata della paura, cui suc¬≠cedette, insieme a una sorta di ebrezza per lo scampato pe¬≠ricolo, anche l’affannoso sfor¬≠zo di eliminare ogni opposi¬≠zione. Un ¬ę trauma violento ¬Ľ che ¬ę segn√≤ il probabile sboc¬≠co di una latente nevrosi ¬Ľ.

*

¬ę Per quanto anche prima (Mussolini) fosse continua¬≠mente ridotto all’isolamento, era stato tuttavia capace di una interna reazione e s’era a pi√Ļ riprese riavvicinato a una societ√† e a una storia che si evolvevano verso forme di tipo democratico, pluralistico, socialistico… adesso √® la nuova epoca della vita di Mussolini. Si era operato un salto quali¬≠tativo nell’interno della sua coscienza, un salto chiaramen¬≠te regressivo con l’abolizione dell’io sociale e con la sostitu¬≠zione di questo con una proie¬≠zione di tensioni fondamenta¬≠li, anche se mascherate anco¬≠ra con varia sublimazione. Mussolini si era legato in esclusiva definitivamente con se stesso, senza molti margini di comunicazione esterna. La situazione narcisistica si sta¬≠bilizzava. Gli altri, la societ√† italiana (la folla italiana), si evolveva verso l’identificazio¬≠ne con quella immagine ¬Ľ. Ed ecco il Mussolini che tut¬≠to accentra, che nella prima¬≠vera del 1929 √® titolare di otto dicasteri, che identifica cio√® il potere dello Stato con la sua persona, ma ancora non ha assunto dimensioni miti¬≠che. Si vanta di essere un buon funzionario, un super-funzionario che ¬ę ha firmato in sei anni duemila leggi ¬Ľ che ¬ę amministra il patrimo¬≠nio rurale degli italiani, libe¬≠ra sorgenti e attiva la flora dei monti, √†ncora la lira a una quota parsimoniosa, si muove per mettere in pace la doppia anima cattolica e lai¬≠ca degli italiani ¬Ľ. ¬ę Il suo vo¬≠cabolario √® ancora adeguato a ciascun avvenimento, effica¬≠ce ma non profetico. Mussoli¬≠ni non √® ancora costretto a impegnarsi titanicamente nel vuoto ¬Ľ.

Lo sar√† presto. La metamor¬≠fosi √® rapida. Lascia le sedi ministeriali di eredit√† libera¬≠le, occupa palazzo Venezia per il lavoro, villa Torlonia come sontuosa dimora priva¬≠ta. Il suo ufficio √® immenso. La luce vi rimane accesa an¬≠che quando l’insonne se n’√® andato. ¬ę Il linguaggio dei se¬≠gni mussoliniani ‚ÄĒ osserva Giudice ‚ÄĒ era una rielabora¬≠zione di reperti dei vari stra¬≠ti linguistici archeologici. Ave¬≠va tentato una mimesi napo¬≠leonica, e aveva parlato in¬≠fatti del 1926 come di un ‘an¬≠no napoleonico’: ma nel 1932 Napoleone era per lui gi√† for¬≠se un modello meno utile, egli attingeva ormai con costanza alla fabbrica romana… Tra templi, fori, obelischi e archi di trionfo romani trovava un suggerimento immediato. Una mattina del 1934 usc√¨ da Villa Torlonia trasformato in un pertinente animale totemico di estrazione archeologica: una perfetta antica testa ro¬≠mana dal cranio raso, dal col¬≠lo potente ¬Ľ.

Questo preteso erede di una civilt√† che ebbe la sua mag¬≠gior gloria nel diritto, e la sua caratteristica pi√Ļ ammi¬≠revole nel culto della raziona¬≠lit√†, era invece un edificatore della parola. La parola che diventa fatto: un procedimen¬≠to non nuovo, anzi praticato da molti popoli (si pensi agli arabi, e ai loro atteggiamenti di fronte alla cruda realt√†) ma da lui portato al parossi¬≠smo. Vaneggiava di una splen¬≠dida razza italiana, di una nazione guerriera che anelava solo alla prova del sangue. Si avventurava in profezie ormai malinconiche, pi√Ļ che assur¬≠de: ¬ę Nel 1950 l’Europa avr√† le rughe, sar√† decrepita. L’uni¬≠co paese di giovani sar√† l’Ita¬≠lia ¬Ľ. ¬ę Se si vorr√† imparare come si sostituiscono in po¬≠chi minuti i ponti ferroviari bisogner√† venire in Italia ¬Ľ. Mussolini ¬ę aveva costruito un nuovo reale modo di essere politico e questo non esisteva al di fuori delle false verit√†, o delle verit√† fittiziamente co¬≠struite. E’ difficile trovare una frase specificamente mussoli¬≠niana che possa resistere a una rigorosa analisi linguisti¬≠ca o che sappia sopportare una buona verifica empirica ¬Ľ.

Infatti, quando alla verifi¬≠ca empirica si arriv√≤, e fu la guerra mondiale, il mondo delle parole mussoliniane crol¬≠l√≤, croll√≤ l’idolo. E solo nelle ore ultime e buie, alla vigilia di piazzale Loreto, la masche¬≠ra sparir√† per rivelare di nuo¬≠vo il volto: Mussolini recupe¬≠rer√† una sua sepolta, elemen¬≠tare umanit√†.

 


Letto 7349 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Invito tutti a non inviarmi pi√Ļ libri in lettura. Per mancanza di tempo, e dall'11 novembre 2013 anche di salute, non posso pi√Ļ accontentare nessuno. Cos√¨ pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Chiedo scusa.
Bart