Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone

TUTTI I MIEI LIBRI SU AMAZON qui

La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Piante e fiori del mio giardino e altre bellezze: qui

VARIE: La mia vita con le oche

9 Luglio 2022

di Bartolomeo Di Monaco

Mi sono rimaste 3 oche: Rachele, Giosuè e Ismaele. Agar si trova da qualche giorno presso un’altra famiglia. Non sta ancora bene, ma l’accudiscono con molta attenzione e soprattutto con tanto amore.
Ormai ho deciso che giunto a 80 anni dovevo aprire un altro capitolo della mia vita e considerare chiusi i precedenti: l’infanzia-adolescenza; gli anni di scuola; quelli del lavoro e quelli dedicati alla letteratura. Di essi, col passare del tempo, restano e resteranno brandelli di memoria.
Ora trascorro il mio tempo con le mie oche. Quando, sbrigate poche consultazioni al pc, esco all’aria aperta, le cerco e le chiamo affinché mi seguano dove andrò a sdraiarmi: nell’albereta, o nel frutteto, o sotto la pergola di glicini.
Qualche volta, appena le chiamo una ad una, mi seguono subito, in ordinata fila indiana. Altre volte mi ascoltano e non si muovono. Ma ormai le conosco. Vado a sistemarmi sulla sedia a sdraio prescelta e le attendo, chiamandole ogni tanto per nome. Passa poco tempo ed eccole comparire. In fila indiana. Mi becchettano le dita dei piedi, o il braccio; comincio a parlarci, cerco di accarezzarle, ma solo Giosuè lo consente, le altre due sono più diffidenti. Mi trattengo con loro per delle ore, parlandoci e osservandole. Ogni tanto chiudono gli occhi, paiono dormire in piedi, e non si allontanano. Poi si accucciano e non si muovono più per molto tempo. Giosuè è quello più restio ad accucciarsi. Sembra faccia la sentinella, con il collo ben eretto e gli occhi spalancati. Gira continuamente il capo in qua e là. Sembra voler proteggere gli altri, sebbene Ismaele sia più grosso di lui. Ma Giosuè è il più aggressivo. Quando gioco con lui, non si arrende mai; vuol vincere la nostra competizione.

Sono ore magnifiche quelle che trascorro con loro. Sopra il capo, saltando da un ramo all’altro, si muovono gli uccelli, scuotendo rami e foglie. Soprattutto merli. Le cicale, sollecitate dalla calura, friniscono a più non posso.
Sento di essere immerso nella natura. E’ quello che voglio. Nient’altro mi interessa più dell’ascoltare le voci della natura, mie compagne. Sono felice.


Letto 51 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart