Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

STORIA: I MAESTRI: Verso Porta Pia. Roma e l’Europa

29 Luglio 2011

di Franco Valsecchi
[ dal ‚ÄúCorriere del Sera‚ÄĚ, sabato 19 settembre 1970]

¬ę Immaginatevi un Paese, di cui un terzo √® composto di preti, un terzo di gente che non lavora, e un terzo di gente che non fa niente del tutto; se uno Stato, dove non v’√® agricoltura, n√© commercio, n√© fabbriche…; dove il sovrano, sempre vecchio, dura poco in carica…; dove tutto il denaro necessario per i bisogni della vita viene dal di fuori, perch√© ¬ę dal di dentro non si pu√≤ cavar nulla ¬Ľ.

Le battute del Des Brosses, se del pi√Ļ maligno, certo, ma anche del pi√Ļ incisivo fra gli osservatori stranieri che scris ¬≠sero della Roma pontificia, conservavano nel 1870, anche se datavano da un secolo prima, tutta la loro attualit√†. Lo Stato della Chiesa nel 1870 era di fatto, se non di diritto √Ę‚ÄĒ qualche mutamento di forma, in un secolo, era pur avvenuto √Ę‚ÄĒ lo stesso di cento anni prima: un governo teocratico, in cui gli organi dello Stato erano ad un tempo gli organi della Chiesa; un governo sacerdotale, in cui l’elemento laico era ridotto ai margini della vita politico-amministrativa, e in condizioni di dipendenza. Con tutti gli inconvenienti che derivavano, per la Chiesa come per lo Stato, da un sovrapporsi di funzioni, di poteri, di interessi per loro natura diversi e spesso contra ¬≠stanti.
Un anacronismo, nell’Euro ¬≠pa dei grandi Stati nazionali, che appunto in quel fatale 1870 stava coronando la sua evoluzione: un ¬ę ramo secco sull’albero del passato ¬Ľ, come fu definito.

E’ questa, sul piano stori ¬≠co, la prima spiegazione della singolare assenza di reazioni, nella politica europea, di fron ¬≠te alla scomparsa del potere temporale. Il crollo di questa millenaria costruzione, che aveva avuto tanta parte nella storia d’Europa, si verifica fra la disattenzione e l’indifferenza delle grandi potenze, in un clima spirituale e politico tur ¬≠bato e distratto dal grande con ¬≠flitto che riempiva di s√© l’Europa, la guerra franco prussiana.

Le cancellerie guardano a Parigi e a Berlino, non a Rama: la questione romana recita una parte del tutto marginale, in funzione della grande partita che si gioca, in quel momen ­to, fra Parigi e Berlino.
Parigi, dopo Sedan, e il crollo dell’impero, √® troppo assorta nel proprio dramma per vivere e soffrire il dramma che si svolge a Roma. Jules Favre, il ministro degli este ¬≠ri della repubblica, si tiene, ostentatamente, in disparte: non vuole, in quel momento, in un momento in cui la Fran ¬≠cia sta combattendo per la sua stessa esistenza, distrarre e turbare l’opinione pubblica francese. Fate pure √Ę‚ÄĒ rispon ¬≠de agli approcci del governo italiano √Ę‚ÄĒ non sar√† la Francia ad opporsi. Ma, per conto suo, non intende muovere un sol passo: non intende nemmeno denunciare la convenzione di settembre, l’accordo concluso dall’impero con l’Italia, a tu ¬≠tela del potere temporale. Non intende denunciarla. N√© di ¬≠fenderla. La considera morta. Ma non vuol firmare l’atto di decesso. ¬ę Il giorno in cui la repubblica francese ha so ¬≠stituito con la dirittura e la lealt√† una politica tortuosa che non sapeva dare senza prendere √Ę‚ÄĒ scrive il rappre ¬≠sentante francese a Firenze, S√©nard, al re Vittorio Emanuele √Ę‚ÄĒ la convenzione del 15 settembre ha virtualmente cessato di esistere ¬Ľ.

*

La Francia repubblicana si ritira, dunque, in disparte. Pi√Ļ spregiudicato, e pi√Ļ sottile, il gioco di Bismarck, a Berlino. Per lui, il problema di Roma non √® che uno strumento da manovrare ai fini della sua politica. Quando ancora la partita non era decisa al ta ¬≠volo della diplomazia e sui campi di battaglia; quando ancora l’impero di Napoleone III appariva come uno dei grandi protagonisti della poli ¬≠tica . m. e si poteva te ¬≠mere che l’Italia volesse scen ¬≠dere in campo a fianco del ¬≠l’antico alleato, Bismarck ave ¬≠va puntato le sue carte, in Italia, sulla opposizione di si ¬≠nistra, contraria all’imperato ¬≠re e al suo regime, contraria ad un’alleanza in cui vedeva il pi√Ļ valido sostegno della reazione. Il no di Napoleone III rappresentava l’unico vero ostacolo sulla via di Roma.

Le sinistre vogliono che l’Ita ¬≠lia si liberi della tutela napo ¬≠leonica e dei suoi divieti; vo ¬≠gliono che l’Italia vada a Ro ¬≠ma nonostante Napoleone III, se necessario, contro Napoleone III. Consenta o no il governo italiano. ¬ę Se non volete andarci voi, a Roma √Ę‚ÄĒ intima ai ministri, in piena camera, il 18 agosto, Nicotera √Ę‚ÄĒ levatevi di mezzo, e lasciateci andar noi ¬Ľ.

E’ anche questa una carta, per Bismarck, un mezzo ai suoi fini, al suo fine pi√Ļ im ¬≠mediato e impellente: mette ¬≠re in imbarazzo il governo italiano, paralizzarne l’inizia ¬≠tiva, togliergli ogni velleit√† di venire in soccorso di Pa ¬≠rigi, gettare il pomo della di ¬≠scordia di Roma fra Firenze e Parigi. E’ disposto, Bismarck, ad andar molto avanti su que ¬≠sta strada. Lo confesser√†, pi√Ļ tardi, nelle sue memorie: se vi fosse stato costretto, non avrebbe esitato a sostenere ¬ę tutti i malcontenti d’Italia ¬Ľ col denaro e con le armi, in caso di emergenza, nel ca ¬≠so che il governo italiano si fosse compromesso con la Francia.

Caduto Napoleone III, sva ¬≠nito il pericolo dell’alleanza, Bismarck corregge, con un deciso colpo di timone, la rotta: si converte da radicale a moderato, lascia cader le sinistre e le loro soluzioni estreme per Roma: assume, a Roma, il ruolo di ¬ę onesto sensale ¬Ľ fra la Chiesa e lo Stato italiano. Almeno, questo √® il ruolo che assume il suo rappresentante a Roma, von Arnim, che si d√† gran da fa ¬≠re a proporre mediazioni, a sol ¬≠lecitar garanzie; e si atteggia, dopo l’occupazione, a porta ¬≠voce del papa presso il co ¬≠mando e il governo italiano.

*

Corre voce, nel corpo di ¬≠plomatico, che egli voglia spin ¬≠gere il papa ad abbandonar la citt√†. Bismarck smentisce. ¬†Ma sta di fatto che, all’invito di interporre i suoi buoni uffici perch√© il papa si astenga da un passo che potrebbe aver imprevedibili conseguen ¬≠te, il governo prussiano ri ¬≠sponde evasivamente: dichiara ¬ę di non sentirsi autorizzato a dare dei consigli a Sua Santit√† ¬Ľ. La parola d’ordine, a Berlino, √® il riserbo. Quando de Launay, il ministro d’Italia, si reca alla Wilhelmstrasse ad annunciare l’occupazione di Roma, il sottosegretario Thile, che lo riceve in assenza di Bismarck, non ha una parola di commento.
In fondo, la politica di Bismarck è sempre la stes ­sa: mantenere un clima di so ­spensione a Roma, finché la partita non è decisa a Parigi.

Poich√© – ¬†de Launay ¬†se ne rende ben conto √Ę‚ÄĒ ¬ę l’attenzione di Berlino √® rivolta ben pi√Ļ verso Parigi che verso Roma ¬Ľ.
Roma, dunque, pedina del gioco europeo. Lo stesso imperatore apostolico di Vienna non pare affatto disposto a compromettersi, a Roma. Gioca il suo gioco con Pa ¬≠rigi e Berlino, e subordina a quel gioco Roma. Si preoccu ¬≠pa soltanto che ¬ę l’operazio ¬≠ne ¬Ľ intrapresa dal governo italiano sia il pi√Ļ possibile indolore, che la libert√† e la indipendenza del pontefice siano il pi√Ļ possibile salva ¬≠guardate. ¬ę S.M. l’imperatore √Ę‚ÄĒ si dichiara al Ballhaus – non pu√≤ assistere senza emo ¬≠zione a quel che avviene a Roma. Il governo dell’Austria-Ungheria tiene a levar la sua voce, e a insistere presso il governo italiano perch√© lo ras ¬≠sicuri e lo tranquillizzi sulla inviolabilit√† del Santo Padre e sul libero esercizio delle sue funzioni spirituali ¬Ľ

Tutto qui. Spira aria di fronda, nella cattolicissima Austria, nei riguardi del pon ¬≠tefice e della Chiesa. Il can ¬≠celliere Beust, il responsabile della politica estera, √® un protestante. E il Concilio Vaticano, la proclamazione del ¬≠l’infallibilit√† pontificia hanno messo in allarme i governanti viennesi√Ę‚ā¨¬¶

L’altra potenza cattolica, la Spagna, ha i suoi problemi da risolvere: non √® in grado di alzare la voce, e non vi pensa nemmeno. Al ministro d’Italia che gli annuncia l’oc ¬≠cupazione di Roma, il reggen ¬≠te, il maresciallo Serrano, esprime ¬ę la sua soddisfazio ¬≠ne sull’esito degli avvenimen ¬≠ti ¬Ľ. Non si dimentichi che due mesi dopo le Cortes of ¬≠friranno la corona di Spagna ad Amedeo di Savoia√Ę‚ā¨¬¶

Cos√¨ √Ę‚ÄĒ notava lo storico Gregorovius √Ę‚ÄĒ ¬ę un avveni ¬≠mento che in altre circostan ¬≠ze avrebbe messo in agitazio ¬≠ne il mondo intero, si com ¬≠piva come un piccolo epi ¬≠sodio del grande dramma europeo ¬Ľ. Ma non √® su que ¬≠sto terreno, sul terreno della politica, che si misura la sua portata. Non √® soltanto un capitolo di storia italiana, il capitolo del Risorgimento, che si conclude con Roma capi ¬≠tale. E’ un nuovo capitolo che si apre nella storia della Chie ¬≠sa, di quella grande istituzio ¬≠ne universale che √® la Chiesa. E’ la rinuncia della Chiesa al fragile scudo e all’ingrombrante bagaglio del potere temporale, la rinuncia ¬ę √† ses liens terrestres, √† l’h√©ritage funeste des r√©sponsabilit√©s mondaines ¬Ľ.
Un piccolo episodio, misu ¬≠rato col metro della politica. Una tappa nel cammino spi ¬≠rituale dell’umanit√†, misura ¬≠to, a cento anni di distanza, col metro della storia.


Letto 1888 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart