Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

A chi festeggiò il 12 novembre va l’Oscar dell’idiozia

14 Febbraio 2012

Marcello de Angelis
(dal “Secolo d’Italia”, 14 febbraio 2012)

A  più voci e da più parti si so ­stiene che il governo tecni ­co voluto da Napolitano stia facendo quello che ci si aspet ­tava da un governo di destra. Que ­sto, per alcuni, significa che va be ­ne così, per altri – tipo gli ultra-si- nistri – che finalmente sono nuo ­vamente legittimati come “alter ­nativa”. Monti sarebbe “di destra” perché decisionista, liberalizzato- re e attento alle necessità dei set ­tori economici e imprenditoriali che sono il motore dello sviluppo. Secondo i comunisti Monti sareb ­be invece “di destra” perché sta facendo macelleria sociale, fa pa ­gare la crisi ai più deboli, piega il sindacato, abolisce l’articolo 18. Lo stesso mister B forse comincia a pensare che in fin dei conti Mon ­ti sia capitato a fagiolo, se non al ­tro perché dinanzi al peso delle tu ­tele nazionali e intemazionali che lo coprono, persino la magistratu ­ra dovrà accettare ima riforma che tutti auspicano da venti anni e più. Monti è riuscito a far ingo ­iare al popolo cose che un gover ­no veramente di destra non avreb ­be mai osato e uno di sinistra non avrebbe nemmeno concepito. E il popolo ne è felice, semplicemente perché i giornali dicono che va be ­ne così. La conseguenza sarà forse la sparizione del Pd, fagocitato al ­le primarie dai vendolini, con imo slittamento a sinistra che riani ­merà anche i post-comunisti. Bersani dovrà scegliere se morire bolsceviko o democristiano e Casini su quale riva del guado mettere piede. Comunque la rigiri, quelli che cantavano “Bella ciao” il 12 novembre hanno vinto l’Oscar dell’idiozia.


Letto 1136 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart