Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Chi vota No fa vincere il Sì

12 Giugno 2011

Ieri sera ero ad un cena paesana, affollatissima: ad un certo punto coi miei commensali ci siamo messi a parlare dei referendum.

Ho potuto constatare che c’è molta ignoranza in giro. Per fortuna sono riuscito a farmi capire da alcuni che desideravano andare a votare per il No. Non ci andranno.

Il ragionamento è semplicissimo e spiega perché in talune province vengono offerti cappuccini e brioche agli elettori che sono andati a votare.

Chi non l’ha capito, e ce n’è ancora qualcuno che si è incaparbito di andare ad esprimere 4 No oppure un Sì e tre No, e tante altre combinazioni, mortifica l’intelligenza, e mi dispiace fortemente dichiararlo.

Chi va a votare ed esprime, mettiamo, quattro No, in realtà ha votato per il Sì, non rendendosene conto giacché ha rinunciato ad ingranare la cervice.

Ci provo un’altra volta a spiegare.
Il tale elettore va a votare perché è orgoglioso di esprimere il suo No. Ci tiene a distinguersi dalla sinistra.
In realtà si è fatto fregare. Infatti, se egli ha contribuito con la sua partecipazione a raggiungere il quorum, e posto che in questa tornata referendaria vinceranno i Sì, egli ha creduto di votare No ma ha reso validi i voti maggioritari del Sì. Ossia il suo No è stato travolto e si è trasformato in un contributo alla vittoria dei Sì.

Ci vuole tanto a capirlo?
Mi auguro che questo ragionamento, così lapalissiano, arrivi alla mente di molti sostenitori del No.
Insomma, quelli che vogliono il No non devono andare a votare. Solo con il fallimento del quorum il loro desiderio del No si sarà realizzato.
Se invece vanno alle urne, votano No, ma è come votassero Sì.

Insomma si sono tagliati gli zebedei. Da sciocchi.

Altri articoli

“Il diritto di astenersi e gli errori del Colle” di Magdi Cristiano Allam. Qui.


Letto 1167 volte.


Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart