Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

Cinema: I film visti da Franco Pecori

22 Novembre 2008

[Franco Pecori dal 1969 ha esercitato la critica cinematografica – per Filmcritica, Bianco & Nero, La Rivista del Cinematografo e per il Paese Sera. ¬†√ą autore, tra l’altro, di due monografie, Federico Fellini e Vittorio De Sica (La Nuova Italia, 1974 e 1980). Nel 1975, ha presentato alla Mostra di Venezia la Personale di Jean-Marie Straub e Dani√®le Huillet; e alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, con Maurizio Grande, una ricerca su Neorealismo: istituzioni e procedimenti (cfr. Lino Miccich√®, Il Neorealismo cinematografico italiano, Marsilio). Dal 2002, ha tenuto per 4 anni, sul Televideo Rai, la rubrica settimanale Film visti da Franco Pecori. Noto anche come poeta, Pecori pu√≤ vantare la stima di Franco Fortini.]

Nessuna verità

Body of Lies
Ridley   Scott, 2008
Leonardo   Di Caprio, Russell   Crowe, Mark Strong, Golshifteh   Farahani, Mark   Strong, Michael Gaston, Vince   Colosimo, Oscar   Isaac, Ali   Suliman, Ali   Khalil, Carice   van Houten.

Una verit√† c’√®, ma non ha la maiuscola. Ed √® che, allo stato delle cose, √® inutile cercare la Verit√† sul principale conflitto nel mondo, tra America/Occidente e Islam. Il duello, non sappiamo se mortale davvero, √® in corso e ciascuno dei duellanti usa le armi che ha, l’uno in nome della Democrazia, l’altro in nome di Allah. Su questa complessa e scomoda ¬†ovviet√†, Scott, ¬†il quale ¬†di “duellanti” se ne intende ¬†(I duellanti ha aperto nel 1977 ¬†la sua carriera di grandi successi), costruisce, a partire dal libro di David Ignatius, un thriller d’azione dominato dal senso progressivamente ¬†ambiguo della filosofia sottostante. La Cia (Hoffman/Crowe) controlla a distanza il comportamento dell’agente Ferris (Di Caprio), inviato in Giordania ¬†per stanare ¬†un pericoloso esponente di Al Qaeda. E passo dopo passo, constata quanto le “leggi” del terrorismo ¬†possano essere ¬†“misteriose”, coinvolgenti oltre che spietate. ¬†Ancora di pi√Ļ se ne accorge Ferris. Mentre Hoffman conduce il gioco via satellite, √® l’agente sul campo a ¬†verificare col proprio corpo ¬†la tremenda consistenza dell’intreccio globale. E man mano ci accorgiamo che ¬†un “duello” si ¬†delinea anche all’interno della Cia. Non siamo ai livelli di Alien o di Blade Runner, ma Scott non perde il ritmo. ¬†Nonostante si lasci ¬†“distrarre” da una ¬†curva narrativa non necessaria (la storia quasi d’amore tra Ferris e l’infermiera Aisha/Farahani), le scene “movimentate” non mancano e, soprattutto, non perdono mai il loro valore strutturale, non ¬†degradano a ¬†vuota attrazione. Ben si coniuga con lo stile complessivo della regia la prova degli attori. Crowe appare concentrato nella caratterizzazione del personaggio (ha dovuto anche ¬†crescere di peso in misura notevole), Di Caprio √® bravo nel contenere la sofferenza fisica (tortura compresa) nei giusti ¬†limiti, come vuole il suo ruolo di eroe-antieroe.

Galantuomini

Galantuomini
Edoardo Winspeare, 2008
Donatella Finocchiaro, Fabrizio Gifuni, Marcello Prayer, Giorgio Colangeli, Giuseppe Fiorello, Gioia Spaziani, Lamberto Probo.
Festival Internazionale del Film di Roma 2008, Anteprima-Concorso. Antonella Finocchiaro atr.

Ancora il Salento, la terra di Winspeare. Il regista di Sangue vivo (2000) ci torna dopo la parentesi de Il miracolo (2003). I materiali profilmici sono abbastanza schematici: ¬†il ¬†traffico della ¬†droga, l’amore, le auto, lo scontro tra bande per il controllo del territorio. Ma c’√® qualcosa di nuovo. Intanto, Lecce, che non √® teatro usuale. E il ruolo di protagonista alla donna, non per il versante sentimentale, che pure √® importantissimo nell’economia del racconto, quanto per la funzione di capobanda. La scelta di Donatella Finocchiaro si rivela perfetta. Anna (Finocchiaro) non √® nata in un ambiente di malavita. All’inizio del film, un flash ce la mostra bambina che gioca insieme ad altri bambini in un paesaggio “antico”, primi anni Sessanta. Nel gruppo c’√® anche Ignazio (Gifuni). I due si incontreranno di nuovo 30 anni pi√Ļ tardi. Ignazio √® diventato magistrato e non sa che Anna ha preso la cattiva strada. Tutto potrebbe rientrare ¬†in un ¬†genere gangster all’italiana, scene costruite bene, con ritmo, senza digressioni espressive da cinema “d’autore”. Il nuovo e difficile rapporto tra Anna e Ignazio, nelle pieghe della lotta tra “cattivi”, sia pure sfumato con ¬†le differenze ¬†ben articolate dei due caratteri e delle rispettive situazioni ambientali, non sarebbe novit√† decisiva. Nel cinema americano, il film farebbe comunque la sua figura, ma c’√® qualcosa di pi√Ļ. C’√® il contesto autentico e c’√® la capacit√† di Winspeare di tenersi lontano da “spiegazioni” esplicite, didascalie pedagogiche, “istruzioni per l’uso” di tipo televisivo. L’interpretazione della Finocchiaro, di notevole sensibilit√†, colpisce pancia cuore e intelletto dello spettatore, con una cifra espressiva che da sola satura il senso della storia e nello stesso tempo rimanda a un “oltre” non semplificabile. Insomma, siamo in presenza di uno di quei rari casi di film-prodotto che diventa, per un miracolo del fare, film-cinema.


Letto 2046 volte.
ÔĽŅ

Nessun commento

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart