Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Autotelepatia del pensiero e dello sguardo (recensione della silloge poetica “I germogli di Ground Zero”)

10 Novembre 2008

di Pietro Pancamo

Integrato nel circuito quotidiano di gesti a catena e impegnato a interagire coi banali minuti di giorni scontati – abili e ossessivi nel proporre con ritmo ostinato sequenze identiche di parole attività e situazioni – l’uomo non è più in grado di scorgere i semplici miracoli che potrebbero allietare il colore  plumbeo della noia programmata (neanche improvvisa o inaspettata; macché, prevista: dunque noia due volte!) e vive gli unici singulti d’energia, solo quando costretto ad affrontare quei malesseri, che ogni tanto indugiano ad avvilire il cuore.

Ecco, in sintesi, la consistenza esatta della nostra condizione, poco invidiabile.
Ma per fortuna, emergono qui e là alcuni autori, o meglio poeti, capaci di scorgere nuovi significati e stimoli nella realtà possessiva, che opprime le nostre azioni. Ad esempio Michelangelo Cammarata, nato a Gela nel 41 e giunto ormai al suo quarto volume di versi, sa vedere per noi – nella raccolta “I germogli di Ground Zero”, pubblicata nel 2003 dalla Francesco Federico Editore di Palermo – l’indomita bellezza del pensiero, il quale si rivela in sostanza una sorta di autotelepatia, che il poeta in questione sfrutta per comunicare con se stesso, con l’anima. Intanto, nell’intimo séparé della propria scatola cranica, costruisce a mente (meditando con la voce endovena del cervello) sentimenti e sorrisi in codice. Però – come Umberto Saba consigliava un tempo, mormorando: “Guardo e ascolto […] in questo è tutta/ la mia forza […]” – la scintilla fondante di ciascuna intuizione, di ciascun verso, è pur sempre la retina.
E così Cammarata – imitando peraltro le “scelte matrimoniali” di qualsiasi artista o poeta, effettivo e autentico – va sposo ai propri occhi, conducendoli (in viaggio di nozze) a fissare con pupilla attenta – e sguardo vero – i lati comprimari, i dettagli minimi del giorno, delle ore. Dettagli, e inezie marginali, che poi (in componimenti quali “Natale”, “Linosa”, “Stromboli”, “Farfalla”, “Fuochi d’artificio”, “Valzer viennese”) si trasformano – perché osservati con affetto incantato, quasi fossero gli elementi di un’esistenza piccola, subnucleare – in fiabe viventi di profumi e tinte. O magari in sogni leggeri e corti, prontamente aerei e costanti nell’elevare immagini, parole e sussulti alla speranza, sull’onda di una forza amabile, di una dolce eleganza conquistata con gli anni, e proveniente dalla serenità della saggezza.
È doveroso comunque sottolineare che Cammarata – già lodato dalla critica nel ’69, per una silloge concitata e polemica, “capillarmente” apprezzata all’epoca da Giorgio Bàrberi Squarotti – non è certo persona dal sorriso automatico e superficiale. Prova ne sia il suo stile, impeccabile e sincero nel compito di dar corpo non solo alla quiete riflessiva della maturità, ma anche alla ricchezza e densità della commozione che, insonne di vita, rifugge dal creare carmi di sole (o generosi di splendore e consolazione), per manifestarsi ed esprimersi, invece, come un fluente armonico del dolore, nelle pause, nei ritmi e nelle frasi afosamente cupe del brano intitolato “Scirocco”: “È il fiato del deserto che oggi squassa/ gli oleandri schiumosi/ e precipita sontuoso/ dalle palme secolari/ in un graffiante vortice di sabbia./ Camminiamo squarciando la calura/ in un crescendo di ali liquefatte/ che ci piovono addosso,/ di grevi nostalgie in cui anneghiamo”.
A ogni modo, che sia luce di riscatto – dopo la tragedia mondiale di New York (vedi la lirica “11 Settembre”) – o penombra di malinconia, irradiata dalla memoria, quella che Cammarata vuole trasmettere ne “I germogli di Ground Zero”, i testi continuano a susseguirsi – nel corso del libro – invariabilmente concisi e brevi. A dimostrazione di come l’autore abbia evidentemente compreso che la poesia stampata deve occupare un cantuccio e basta, affinché il resto della pagina sia libero per gli appunti del lettore. Per le sue sensazioni, per i suoi commenti, per i suoi pareri: per la sua vita.


Letto 1620 volte.


1 commento

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 10 Novembre 2008 @ 22:48

    Scavo profondo e lucido nell’opera di un autore di valore. Le varie tematiche, i vari aspetti, le consonanze liriche, lo stile emergono sistematicamente in un quadro compiuto e preciso. La sensibilità della presente recensione giova al momento poetico e progettuale ed è ben supportata da uno spessore verbale e da una vitalità comunicativa ricca di pregevoli invenzioni verbali.
    Diversi motivi sarebbero degni di attenzione e di commento. Mi soffermo sull’ultimo pensiero, che condivido pienamente. Paul Claudel diceva addirittura: “La poesia non è fatta di queste lettere che pianto come chiodi, ma del bianco che resta sulla carta.
    Mi permetto di ricordare, quasi con commozione, quanto ebbe a dirmi una signora (non di certo “acculturata”), che aveva letto e riletto una mia modesta raccolta di poesie: “Tutte le sere mi soffermo a leggere alcune sue poesie. Poi torno a rileggerle. Ogni volta le stesse poesie mi danno sensazioni diverse”. Per me questo è stato il più bel complimento
    Gian Gabriele Benedetti

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart