Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Carla Ammannati: “La guaritrice di Ventotene”, Meridiano Zero, 2008

30 Luglio 2008

di Stefania Nardini

[È la prima autrice contemporanea tradotta in Ucraina con il suo romanzo Matrioska, Tullio Pironti editore, 2001. Giornalista, cura la pagina culturale Scritture & Pensieri del quotidiano “Il Corriere Nazionale”]

Scogli e montagne. Mare e neve. Contrapposizioni forti. Come quel momento d’amore che Zina la zoppa porterà con sé per tutta la vita.
Senza paura del peccato, senza esitazioni, senza neanche la certezza del domani.
Un ricordo vivo. Vivo come le sue mani di guaritrice, come quel suo corpo che sapeva di bosco. Un amore, su un’isola meravigliosamente aspra al tempo delle passioni. A Ventotene, dove venivano confinati gli antifascisti. Dove alba e tramonto erano la speranza della libertà.
Libertà che aveva un prezzo. Grande. E lei questa giovane donna conosciuta per quel tesoro che custodiva nelle sue mani, non aveva più nulla. Non aveva da perdere nulla, tranne se stessa. E consapevole si getta tra le braccia di Pacifico, giovane avvocato, confinato. E Zina decide. Nel momento del piacere decide che in lei dovrà germogliare il frutto di quell’incontro, di quell’amore. E se ne andrà Zina la zoppa. In silenzio, senza dire una parola, su una barca che la porterà a navigare nel mare della vita. Una donna sola e la sua bambina. Sull’isolotto di S. Stefano in quella notte di tempesta in cui divenne madre. E lei, quella creatura divenuta donna un giorno vorrà sapere, cercherà suo padre, tenterà invano di amarlo.
Ma tutto arriverà quando sembrerà tardi. Perché la figlia di Zina conoscerà suo fratello, dalle sue parole ricostruirà quel momento d’amore sull’isola protetta da Santa Candida.
Un romanzo “La guaritrice di Ventotene” di Carla Ammannati (ed. Meridiano Zero), delicato e al tempo stesso forte, con una narrazione che si svolge su piani diversi, in cui il tempo, i ricordi, hanno un unico denominatore comune: il senso della vita.
Una storia che ruota intorno a una figura femminile che è espressione di un’epoca, di una cultura, di dolori e momenti di gioia generosamente regalati dal tempo attraverso cose semplici, talvolta piccoli dettagli. Zina non abbandonerà mai quel suo amore, Pacifico, e nel ricordo di quella passione continuerà a cantare le canzoni della radio, a raccogliere le sue erbe per guarire il prossimo. E sua figlia ne ripercorrerà la storia, entrando in punta di piedi nei suoi sentimenti. Perché Zina sarà finita quando si immergerà in questo percorso. Zina é morta sotto la neve di un luogo dove non c’è il mare. Ma il suo canto è vivo. Di lei lascia un corpo piccolo e una storia d’amore.
Vissuta con quel ragazzo che espiava la colpa di essere un ribelle. Su quell’isola dove l’eternità è nel Mediterraneo, un mare che sa regalare quel grande sogno che è l’utopia dell’esistenza.

(da “Il Corriere Nazionale”)

 


Letto 2357 volte.


4 Comments

  1. Pingback by Fontan Blog » LETTERATURA: Carla Ammannati: “La guaritrice di Ventotene … - Il blog degli studenti. — 30 Luglio 2008 @ 08:09

    […] Read more Posted by | […]

  2. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 31 Luglio 2008 @ 15:32

    Pagina esemplare per concisione ed autorevolezza. Testo chiaro e godibile. Ad una prima parte che riassume felicemente alcuni aspetti essenziali dell’opera, ne segue una seconda, dove viene focalizzato “il tema portante”. Intelligenti e sostanziali l’interpretazione e l’approfondimento.
    Eccezionale ed avvincente il tratto finale, in cui emerge la metafora bellissima, che apre alla vita e va oltre
    Gian Gabriele Benedetti

  3. Commento by stefania nardini — 2 Agosto 2008 @ 07:59

    Grazie infinite
    stefania

  4. Commento by lucetta frisa — 5 Agosto 2008 @ 11:35

    cara Stefi, sei sempre bravissima e ti leggo con piacere anche perché hai la dote della concisione.
    un abbraccio
    lucetta

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart