Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: Futili motivi

22 Giugno 2009

di Felice Muolo
(Ha pubblicato cinque romanzi, tra cui Il ruolo dei gatti, Azimut, 2008)  

¬† ¬† ¬† ¬† Quando inizio a scrivere un racconto, so solo vagamente come andr√† a finire e il pi√Ļ delle volte lo chiudo diversamente da com’erano le mie intenzioni iniziali. La storia che vorrei raccontare adesso ho cercato di scriverla infinite volte ma non sono mai riuscito a incominciarla. Il motivo credo consista nel fatto che conosco esattamente come va a finire. E, dal momento che narra una vicenda realmente accaduta, non potrei terminarla diversamente da come si √® conclusa. Per poter riuscire nel mio intento, liberare una volta per tutte il mio cervello dalla sua incombenza, ho pensato di riportarla dalla fine.
¬† ¬† ¬† ¬† La ragazza, che attualmente √® una parvenza di quella bellissima che era una volta, spesso la incontro per le strade del mio paese, imbottita di psicofarmaci, con lo sguardo assente e la sigaretta perennemente tra le labbra, procedere con un’andatura instabile.
¬† ¬† ¬† ¬† Molti anni fa, quando non aveva neanche diciotto anni, era fidanzata a un ragazzo che adorava. Come spesso succede, i rapporti d’amore sono destinati a rompersi per futili motivi. I futili motivi sono molteplici, tanto che non serve individuarli. Lei per√≤ non aveva accettato che la sua storia fosse finita. Ignoro le tappe che l’abbiano portata alla follia. Posso assicurare che il percorso non √® stato lungo. Il suo ex fidanzato ha messo su famiglia con un’altra donna. Della sorte della ragazza impazzita dice che non gliene frega niente.
        Mi auguro solo che non sia sincero.


Letto 1889 volte.
ÔĽŅ

4 Comments

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 22 Giugno 2009 @ 18:50

    Futili motivi per molti possono creare situazioni insopportabili. Dipende dalla sensibilità o dalla fragilità delle persone.
    Qui la storia, nella sua essenzialit√†, ci offre un dramma ed una amara conseguenza, da una parte, mentre pare vi sia colpevole indifferenza, dall’altra. √ą spesso ci√≤ che avviene nella vita?
    Capita a molti, che scrivono, di iniziare una narrazione, gi√† organizzata per intero nella mente, e di cambiarne ‚Äúin corsa‚ÄĚ il finale.
    Un saluto ed un bravo, come sempre, a Felice
    Gian Gabriele

  2. Commento by Felice Muolo — 23 Giugno 2009 @ 09:56

    Grazie, Gian Gabriele, gentile a non stroncarmi mai. Questo pezzo rappresenterebbe una mia personale “ricerca letteraria”, certamente fuori dai canoni ma leggibile.

  3. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 23 Giugno 2009 @ 14:26

    I tuoi lavori, Felice, meritano sempre alta considerazione, soprattutto per la loro genuinit√†, la loro autenticit√†, per la grande umanit√† che racchiudono, per il loro affrontare sempre temi di grande interesse e sostanza, per la chiarezza della forma…
    Un saluto affettuoso
    Gian Gabriele

  4. Commento by Felice Muolo — 23 Giugno 2009 @ 16:24

    G. G., mi obblighi di nuovo a ringraziarti. Commosso.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart