Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Chi prega #2/6

11 Gennaio 2009

di Carlo Bo
[dal “Corriere della Sera, luned√¨ 25 gennaio 1969]

Nelle varie proposte di nuo ­vo cristianesimo si nota una curiosa coincidenza, manca o, per lo meno, appare estrema ­mente ridotta la parte che ri ­guarda la preghiera.
AI fatto √® facile opporre una spiegazione di carattere storico. Per troppo tempo si √® fatto, a proposito della pre ¬≠ghiera, solo teoria e tutti gli sforzi si pagano. Ma il silen ¬≠zio o l’oblio possono davvero contribuire a un serio miglio ¬≠ramento? E ancora, non c’√® il pericolo che, per evitare lo sco ¬≠glio della ripetizione meccani ¬≠ca, della preghiera comanda ¬≠ta o di antiche incrostazioni che nel tempo hanno finito per ridurre al minimo lo spa ¬≠zio della partecipazione, si passi a un’operazione assolu ¬≠ta per cui la preghiera viene trasferita dal dominio privato a delle manifestazioni diverse ma per forza di cose soltanto esteriori e mondane?
La stessa riforma della mes ¬≠sa non sembra aver dato – allo stato attuale delle cose – dei miglioramenti sostanziali. A cominciare dal sacerdote, il pi√Ļ delle volte, il modo della lettura riflette sempre una di ¬≠sposizione quanto mai distac ¬≠cata, fredda. Il cambiamento della lingua in ultima analisi non ha costituito quel rinno ¬≠vamento che tutti si augura ¬≠vano, nel senso della parteci ¬≠pazione e della comunione. Sopratutto non √® stata rag ¬≠giunta quella saldatura fra sa ¬≠cerdote e famiglia dei creden ¬≠ti che si voleva. La preghiera √® rimasta cos√¨ ‘ guidata ‘. Ora proprio su questo difetto co ¬≠stituzionale sarebbe opportu ¬≠no fare un piccolo esame di coscienza. E per cominciare, se le cose sostanzialmente so ¬≠no rimaste le stesse, ci√≤ si ¬≠gnifica che √® l’accezione del nostro cattolicesimo a essere minata o inefficace alla base. Il difetto capitale √® dello spi ¬≠rito e lo rester√†, nonostante tutte le innovazioni formali. Valga il caso degli ornamenti. Basta toglierli e restituire gli edifici sacri a delle ragioni di nudit√† e di semplicit√†? Esiste il pericolo – del resto abbon ¬≠dantemente comprovato – di fare di questo criterio del nu ¬≠do e del puro un altro modo tutto esterno e vano di spirito religioso. Cos√¨ come esiste un altro pericolo; vale a dire quel ¬≠lo di sospendere un certo rapporto di continuit√† che pu ¬≠re aveva il suo valore e di provocare immediatamente un certo disorientamento fra la parte pi√Ļ presente dei fedeli. Ma questi restano dei parti ¬≠colari e se si fosse sicuri del risultato che si persegue var ¬≠rebbe la pena di correre i ri ¬≠schi relativi. Purtroppo il fon ¬≠do della questione non sta qui: poco conta abolire certi orna ¬≠menti, cambiare lingua e mu ¬≠sica, tornare a un rapporto apparentemente pi√Ļ rappre ¬≠sentato della fede, ci√≤ che ¬† dovrebbe seriamente preoccupare tocca soltanto la parte del ¬≠la comunione, dare un senso – prima di tutto – alla pre ¬≠ghiera.
 

*

E’ chiaro che la preghiera comune non .pu√≤ prescindere da una preghiera personale, interiore, per cui la partecipa ¬≠zione guidata dovrebbe essere piuttosto un rafforzamento, un atto di verifica e di convin ¬≠zione. Se manca tale base di ispirazione necessaria, la cor ¬≠rezione si riduce a ben poco e presto rivince lo spirito di inerzia e di monotonia. La ri ¬≠serva non riguarda soltanto i credenti, prima di tutto √® af ¬≠fare che spetta al sacerdote: √® da lui che il popolo di Dio aspetta un segno di intesa su ¬≠periore. Quando sentiamo di ¬≠re certe messe, quando restia ¬≠mo colpiti dall’imprecisione o dalla fretta della lettura, in ¬≠somma quando ci ritroviamo calati nell’antica atmosfera del ‘ rito ‘, di una manifestazione fatta per obbligo, il nostro stu ¬≠pore resta quello di sempre. Come sia possibile fare della preghiera un atto di ammini ¬≠strazione, un atto di sconto. Ci si mette in pari con le abi ¬≠tudini, con la parte morta del cristianesimo e nulla pi√Ļ.
Torniamo per un momento alla vacanza di sollecitazioni che sembra propria delle nuove forme di cristianesimo. A giustificazione del silenzio po ¬≠tremmo portare proprio que ¬≠sta impossibilit√† di corregge ¬≠re in maniera concreta il regno della ripetizione ma, subito dopo, si scopre che la motivazione √® diversa e, cio√®, che secondo i nuovi dottori la preghiera dovrebbe essere – almeno esteriormente – sostituita da una volont√† di carit√† pubblica o, meglio, dal bisogno di correggere la posizione stessa del cristiano nel mondo. Inutile aggiungere che in tal senso non si scopre nul ¬≠la, la carit√† essendo il primo risultato della preghiera. Solo che oggi si tende ad occupare il posto della preghiera perso ¬≠nale e diretta con il rito delle manifestazioni pubbliche, con tutte le libert√† consentite o dalle mode o dalle particolari contingenze del momento. In altre parole, pregare con gli altri dovrebbe prima di tutto significare agire con gli altri, passare all’azione, accettare a dirittura la violenza. Il mondo cos√¨ finirebbe per vincere definitivamente la partita con lo stesso Dio o almeno finirebbe per rimandare a un ipotetico domani la carta dei diritti stessi di Dio. Quando si met ¬≠te – e giustamente – in luce il segno umano sul volto di Cristo, troppe volte ci dimen ¬≠tichiamo di riconoscere il segno pi√Ļ chiuso e difficile del divino.
Il cristianesimo √® per quan ¬≠to dura il regno del visibile un atto di vita ma lo √® an ¬≠che della speranza e dell’ab ¬≠bandono. La preghiera riflet ¬≠te questo doppio regime: pri ¬≠ma √® fiducia in Dio, dopo diventa sollecitazione per il rispetto della legge.
Immaginiamo per un mo ¬≠mento l’evoluzione di un cri ¬≠stianesimo dimezzato, esclusi ¬≠vamente centrato sull’umano e avremo chiaro il rapporto finale. Senza notare che la preghiera porta in s√© un atto di umilt√†, una richiesta a Dio per tutto ci√≤ che esula dai no ¬≠stri poteri e rientra nella zona assai pi√Ļ vasta e importante del mistero. Sentiamo le ob ¬≠biezioni dei nuovi profeti: il regime della preghiera cos√¨ co ¬≠m’era stato codificato da una grande tradizione secolare e che indubbiamente ha avuto dai giansenisti un’accentuazio ¬≠ne privatissima non ha certo servito a correggere il mondo, anzi ha allargato il solco fra la meditazione e l’azione. Oggi di tutto questo motivo inte ¬≠riore ci diciamo insofferenti e siamo disposti a farne a meno ma √® bene, sopratutto √® con ¬≠forme alle radici divine e uma ¬≠ne del cattolicesimo?
 

*

Queste e altre osservazioni ci veniva fatto di avanzare mentre leggevamo la bella an ¬≠tologia di Valerio Volpini, La Preghiera nella poesia italiana, pubblicata di recente dall’edi ¬≠tore Sciascia. E” un libro stu ¬≠pendo che va da Lanfranco Cigala ai nuovissimi poeti che non hanno paura di dire che pregano o di essere pubblica ¬≠mente cristiani agli occhi del mondo. Ebbene chi segua il filo di tanti secoli e misuri gli aneliti, gli abbandoni e gli smarrimenti, le paure e le spe ¬≠ranze della nostra poesia si trova gravemente imbarazzato nel passare all’archivio e nel regno delle carte morte un patrimonio cos√¨ alto e tanto generoso. E – prima di tutto – il lettore si domanda: que ¬≠sto genere di preghiera (che qui √® sostenuto dalla seconda vocazione dei poeti) √® davve ¬≠ro lettera morta, √® irrepetibi ¬≠le? La risposta sta altrove e sembra opportuno cercarla nell’altra parte del libro e che il Volpini potrebbe darci un giorno, vale a dire nell’anto ¬≠logia dei poeti che pregano senza dirlo, che soffrono di non poter pregare ma che, nel momento stesso della loro pi√Ļ alta partecipazione uma ¬≠na, presuppongono Dio e in ¬≠direttamente lo invocano. In ¬≠somma, la preghiera dei credenti √® nutrita e in qualche modo continuata dai poeti che aspettano la grazia della preghiera. Che non √® poi un pri ¬≠vilegio dei poeti ma, bens√¨ di tutti gli uomini: valga il caso di Renan, di chi ha sentito nella carne l’assenza di un’antica ¬† ragione rinnegata soltanto nell’ambito del rito e dell’abitudine.
Chi prega di per s√© sta fra gli altri, non esclude il mondo ma anzi del mondo fa il suo primo modo di confronto con Dio. Chi prega non porta soltanto ai piedi di Dio le sue pene e le sue maggiori ambizioni, porta la voce di tutti. Ma sia ben chiaro un fatto, la partenza √® sempre personale, interiore, mentre l’arrivo sar√† comune, sar√† di tutti, sar√† di un popolo che nell’attesa e nella possibile presenza di Dio ha comincia ¬≠to a intravvedere il proprio riscatto. In altre parole, il cri ¬≠stianesimo non pu√≤ non essere ascensionale, n√© – tanto meno – pu√≤ fare a meno del mi ¬≠stero e del futuro chiuso nel ¬≠la speranza.


Letto 1669 volte.
ÔĽŅ

2 Comments

  1. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 11 Gennaio 2009 @ 17:33

    Per quanto riguarda la preghiera, mi sovvengono alcuni pensieri espressi da grandi personaggi.
    George Bernanos: ‚ÄúIl desiderio di pregare √® da solo una preghiera‚ÄĚ.
    Jan Paul: ‚ÄúOgni preghiera purifica: √® una predica fatta a se stessi‚ÄĚ.
    Lessing: ‚ÄúUn solo pensiero riconoscente innalzato al cielo √® la pi√Ļ perfetta delle preghiere‚ÄĚ.
    Io credo molto nella necessit√† e nella grande efficacia della preghiera. √ą un mettersi, direttamente ed in modo stretto, in contatto con Dio. Ma √® soprattutto, come diceva San Vito ‚Äúun amuleto contro la tristezza e lo scoraggiamento dell’anima‚ÄĚ.
    Non dimentico le parole del Vangelo: ‚ÄúBussate e vi sar√† aperto, chiedete e vi sar√† dato‚ÄĚ. Ges√Ļ stesso ha pregato, ed anche intensamente.
    Personalmente sono pi√Ļ propenso alla preghiera intima ed a quella recitata in famiglia, anche se ritengo valida quella comunitaria. Da limitare, tuttavia, preghiere con formule fisse e privilegiare il ‚Äúcolloquio‚ÄĚ schietto con Dio. Tuttavia vorrei sottolineare la grandezza della preghiera insegnataci da Ges√Ļ stesso: Il Padre nostro. Preghiera che non si pu√≤ recitare, senza compenetrarne il grande significato.
    Oggi, a mio avviso, c’√® bisogno pi√Ļ che mai di preghiera. Ma la preghiera non pu√≤ prescindere dalla carit√†.
    Come al solito, interessantissimi, ricchi di risvolti profondi e di considerazioni sagge e coinvolgenti questi interventi del Prof. Carlo Bo
    Gian Gabriele Benedetti

  2. Commento by Bartolomeo Di Monaco — 11 Gennaio 2009 @ 18:05

    Carlo Bo, morto nel 2001, che fu Rettore dell’universit√† di Urbino, √® stato un grande intellettuale cattolico, maestro di molti.
    Se ne sente la mancanza. Pubblicherò altri scritti suoi.

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart