Libri, leggende, informazioni sulla città di LuccaBenvenutoWelcome
 
Rivista d'arte Parliamone
La scampanata, il romanzo di Bartolomeo Di Monaco trasformato in testo teatrale, qui per chi volesse rappresentarlo.

LETTERATURA: I MAESTRI: Cinque tempi

2 Settembre 2008

di Giacomo Devoto
[dal “Corriere della Sera”, luned√¨ 22 giugno 1970] ¬†

La moda linguistica non ac ¬≠cenna a diminuire, ma le sue conseguenze sono contraddittorie. All’esterno, pervade la filosofia, la letteratura. All’in ¬≠terno, vittima dell’impazienza e della incontinenza universa ¬≠li, erode le strutture, che pure teoricamente idolatra: si scri ¬≠ve sempre pi√Ļ a vanvera. Per reazione, sorgono risentimenti e rimpianti romantici: le ru ¬≠briche dei giornali accolgono le proteste dei lettori, e auto ¬≠revoli giornalisti le interpre ¬≠tano con interventi di buon livello, rinfocolandole. E’ mai possibile, che, gli uni come gli altri, prescindano da qualsiasi esperienza del passato, igno ¬≠rino la storia, e considerino le formule come balocchi, con cui giocare al rialzo dell’astra ¬≠zione, al ribasso della comu ¬≠nicabilit√†? Agli uni come agli altri, mi provo a proporre un armistizio. Esso non deve si ¬≠gnificare ozio in preparazione di nuove schermaglie, ma solo una immersione nella storia, che consenta istruttivi con ¬≠fronti. ¬†

*

Questa immersione ci fa sperimentare una vicenda di ¬≠visa in cinque tempi. Il primo riguarda l’Italia del I secolo a. C. Il conferimento dei di ¬≠ritti politici a tutti gli italiani del tempo, l’uguaglianza rag ¬≠giunta con i cittadini romani ha fatto s√¨ che il latino diven ¬≠tasse lingua comune in tutta l’Italia. La acquisizione della lingua latina non fu che un caso particolare della rivendicazione generale, la parit√† dei diritti politici. Non si trattava di stabilire ¬ęquali ¬Ľ forme latine si dovevano adoperare e quali no. Si trattava di un fatto soggettivo, la volont√† di parlare latino. Proprio perch√© non si trattava di una impo ¬≠sizione dall’esterno, ma di una aspirazione dall’interno, ecco che la questione della lingua, a cavallo dei secoli I avanti e I dopo Cristo, era un pro ¬≠blema ¬ęsociale ¬Ľ. Solo in pie ¬≠na et√† imperiale compaiono interventi normativi o autoritari di grammatici. Cos√¨ nel III secolo Probo corregge ¬ęspeculum non speclum ¬Ľ, documentando che √® in corso di preparazione l’italiano ¬ęspecchio ¬Ľ. Ma a questo punto non si tratta pi√Ļ di una questione sociale, dello sforzo per ascen ¬≠dere a un modello pi√Ļ eleva ¬≠to, ma di un movimento in ¬≠verso, del nuovo contro il vecchio.
Il secondo tempo √® rappresentato dal messaggio cristia ¬≠no, che, linguisticamente, ma ¬≠nifesta due diverse esigenze: l’una, isolatrice, che si iden ¬≠tifica con le parole tecniche della liturgia; l’altra, associatrice, che si identifica nell’apostolato, nella aderenza al ¬≠la sensibilit√† delle masse. Di fronte alle esigenze tecniche, l’insieme delle istituzioni lin ¬≠guistiche latine ha retto ma ¬≠gnificamente. Tertulliano, au ¬≠tore del II secolo, ha l’impe ¬≠to rivoluzionario dell’apostolo, osa innovare all’interno delle strutture lessicali del latino, ma rimane nell’alveo classico. Sul piano della dottrina, le strutture linguistiche latine sono in grado di rispondere alle esigenze del mondo nuo ¬≠vo, che si annuncia. Dal pun ¬≠to di vista dell’apostolato, non √® cos√¨. Quando si presentano e si commentano ai fedeli i testi sacri, ecco che questi ap ¬≠paiono nella loro semplicit√† lineare. La traduzione della Bibbia, da parte di S. Gerolamo, si oppone a tutti gli schemi classici. I padri della chiesa rimangono pi√Ļ o meno fedeli alla tradizione, ma solo le parole del Vangelo ¬ęparla ¬≠no ¬Ľ effettivamente agli ascol ¬≠tatori. La questione della lin ¬≠gua non √® pi√Ļ un problema sociale, ma un problema sti ¬≠listico, che distingue la lingua del ragionamento dalla lingua degli affetti. Ma i grammatici non se ne sono resi conto.
 

*

Il terzo tempo si identifica col medio evo. Con ¬† la ¬† fine dell’impero romano, il latino si scinde in tanti latini quante sono le parrocchie o le pievi. I ¬† grammatici ¬† ¬† rinunciano ¬† ¬† a correggere ¬† errori, ¬† constatano delle variet√†. Solo attraverso i secoli, singoli dialetti, quello della Ile-de-France in Francia, quello di Firenze in Italia si impongono ¬† come ¬† modelli ¬† di lingua volgare, prima lettera ¬≠ria, poi filosofica e scientifica. Ma in Italia non sono le mas ¬≠se che aspirano a questa rico ¬≠struzione, ¬† ¬† bens√¨ ¬† ¬† cerchie ¬† ¬† ristrette di letterati. La questio ¬≠ne ¬† della ¬† lingua, ¬† trattata ¬† ¬† dal Bembo e dal Castiglione, √® s√¨ puntigliosa e attenta, ma non rispecchia aspirazioni se non di una minoranza, di una oli ¬≠garchia. Si tratt√≤ di un problema ¬† ¬ęletterario ¬Ľ, ¬† alla ¬† cui radice stava, per essere ubbi ¬≠dita o rifiutata, l’autorit√† dell’ accademia della Crusca, cos√¨ diversa nelle sue manifesta ¬≠zioni da quella di oggi. La fase letteraria della questione della lingua non fu toccata dalle grandi manifestazioni della Ri ¬≠voluzione francese: l’abate Cesari, il marchese Puoti, con la loro dottrina del purismo, ne furono gli epigoni, ancora nei primi decenni dell’Ottocento.
La quarta fase matur√≤ nell’Ottocento in seguito allo sviluppo del concetto di nazionalit√†, del quale la lingua era l’emblema. Questa associazio ¬≠ne non si sarebbe allontanata dall’ambito sentimentale, se l’unit√† d’Italia non avesse po ¬≠sto il problema linguistico sul ¬≠lo stesso piano dei problemi della ¬† ¬† ¬† unificazione ¬† ¬† ¬† giuridica amministrativa ¬† ¬† economica ¬† ¬† e militare; e se un uomo come Alessandro ¬† Manzoni ¬† non ne avesse tratto le conseguenze, con ¬† ¬† ferrea ¬† ¬† coerenza. ¬† ¬† Il ¬† ¬† modello ¬† ¬† doveva ¬† essere ¬† secondo lui geograficamente e storicamente ¬† unitario: ¬† ¬† il ¬† fiorentino, ¬†quale veniva adoprato dai contemporanei. Se la tesi del Manzoni fall√¨, non fu per le obiezioni largamente motivate degli avversari, e principalmente di Graziadio Ascoli. Fall√¨ perch√© la questione della lingua fu vista secondo l’occhio dei quadri politici, e cio√® di una minoranza, alla quale non cor ¬≠rispondeva un consenso o una aspirazione popolare. L’immobilismo della societ√† umbertina fece s√¨ che il dibattito si ¬†si svolse nell’interesse e per conto di minoranze, rimase un problema politico, cui le masse erano estranee.
Solo nel quinto tempo la questione della lingua torna ad essere una questione socia ¬≠le. La grande guerra, l’orga ¬≠nizzazione sindacale, i mezzi audiovisivi, hanno proposto al singolo il problema del suo inserimento in una comunit√† unitaria, in cui la uscita dai dialetti, in quanto ghetti, equivaleva a liberazione, a riconoscimento di uguaglianza. Ma tra la socialit√† della questione antica e quella della attuale, passa una differenza. La anti ¬≠ca aveva una meta topografi ¬≠ca, e insieme ideale, Roma; la attuale ha una meta collettiva ma non unitaria, fluida, evasiva. Il punto di riferimento era allora positivo, riconosci ¬≠bile; oggi √® indiretto, pragma ¬≠tico, in fondo negativo: si de ¬≠sidera di non essere bollati di provincialismo.
In queste condizioni, non si pu√≤ che formulare, a livello dei modelli, quello del fioren ¬≠tinismo temperato, che ha una sua coerenza interna, ma ac ¬≠cetta di essere attenuato sen ¬≠za scandalo da inflessioni pro ¬≠nunce e forme regionali. Occorre poi, dall’altra parte, invocare una opera di educazione, che prescinda dal normativismo della scuola, dei pro ¬≠grammi e delle circolari ministeriali, e riconduca il problema, per insegnanti e per sco ¬≠lari, al livello di un problema di ¬† ¬† civismo. ¬† Oso ¬† deludere ¬† ¬† il lettore, ¬† non ¬† partecipando ¬† n√© all’indifferentismo ¬† ¬† n√© ¬† ¬† all’invettiva; affidando banalmente il problema a un ente come la ¬† ¬† Dante ¬† ¬† Alighieri ¬† ¬† che, ¬† ¬† nel campo ¬† ¬† dei ¬† ¬† sentimenti ¬† ¬† nazionali, ha esaurito il suo com ¬≠pito, perch√© interessi i giova ¬≠ni; e al Centro didattico pri ¬≠mogenito, ¬† quello ¬† di ¬† ¬† Firenze, perch√© stimoli gli insegnanti: almeno quelli concordi nell’affermare che ¬ęla questione del ¬≠la lingua √® oggi un problema sociale ¬Ľ.

 


Letto 1739 volte.
ÔĽŅ

3 Comments

  1. Pingback by Fontan Blog » LETTERATURA: I MAESTRI: Cinque tempi - Il blog degli studenti. — 2 Settembre 2008 @ 07:57

    […] Read more Posted by | […]

  2. Pingback by Mitti Drive Blog » Blog Archive » LETTERATURA: I MAESTRI: Cinque tempi — 2 Settembre 2008 @ 08:04

    […] Dany: […]

  3. Commento by Gian Gabriele Benedetti — 4 Settembre 2008 @ 16:11

    Analisi limpida ed esaustiva sulla storia e sull’evoluzione della nostra lingua. Analisi che non mi pu√≤ trovare che d’accordo completamente. Tuttavia io continuo a sostenere che la nostra lingua spesso, nel nostro tempo, viene mal usata, sia per quanto riguarda l’utilizzo dei vocaboli sia per quanto concerne la sua struttura logico-sintattica. Dicevo, in un precedente commento, della quasi totale scomparsa dell’uso del congiuntivo e della pronuncia errata di certe parole. Aggiungo ora l’uso non di rado sbagliato del pronome relativo e della consecutio temporum. La colpa? Di molti: la scuola, che, forse, vuol dar troppo ai nostri ragazzi, senza approfondire adeguatamente l’essenziale (vedi la grammatica); la televisione, dove, tra l’altro, si parla spessissimo con l’inflessione romanesca (sabbato, subbito, ecc.); i giornali, che usano una prosa involuta, a volte scorretta, con una terminologia non sempre adeguata; i nostri grandi scrittori, che pensano pi√Ļ ai critici che ai loro lettori e forniscono sovente opere pressoch√© inaccessibili alla massa. E si potrebbe continuare. Il dibattito √® aperto
    Gian Gabriele Benedetti

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

A chi dovesse inviarmi propri libri, non ne assicuro la lettura e la recensione, anche per mancanza di tempo. Così pure vi prego di non invitarmi a convegni o presentazioni di libri. Ho problemi di sordità. Chiedo scusa.
Bart